Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I primi scontri al Formula Kite World in Italia causano sorprese nelle corse serrate

I primi scontri al Formula Kite World in Italia causano sorprese nelle corse serrate

A cura dell’International Guide Boarding Association 14 ottobre 01:48 PDT
11-17 ottobre 2021

Gli scambi di apertura dei Campionati del mondo di Formula Kite sono stati combattuti nel Golfo di Oristano, in Sardegna, e il modulo è stato un po’ triste dopo un inizio incerto.

La britannica Katie Dobson ha ottenuto buoni risultati nelle sue gare diurne sulla spettacolare pista di Torregrande, con la brezza da sud-ovest che soffiava in ritardo e si è classificata seconda nella classifica generale.

Le teenager polacche Nina Orkis e Julia Damassevich hanno aumentato l’intensità della gara dopo che il vento è cessato a metà della seconda prova della giornata. Quando la brezza si è spostata, la coppia ha trovato il suo abisso in un’azione sovralimentata, che si è classificata rispettivamente al terzo e quarto posto in classifica.

Ma la campionessa mondiale di Formula Kite dell’International Kite Boarding Association (IKA) Daniela Moros, con l’obiettivo di vincere il suo quinto titolo consecutivo, ha mostrato il suo dominio ottenendo tre proiettili e un vantaggio generale, nonostante sia inciampata nella sua gara di apertura.

Un totale di 138 atleti, di cui 89 uomini e 49 donne provenienti da 34 paesi e sei continenti, si contendono i titoli mondiali maschili e femminili. Le partite sono molto attese dopo un anno di pausa a causa del contagio.

Gli uomini per la serie di qualificazione sono divisi in tre tipi di flotta, che determineranno chi parteciperà alla serie di medaglie della giornata finale e avrà l’opportunità di riempire i posti di tappa. Le donne sono divise in due flotte per le loro serie di qualificazione.

Ma l’apertura dei cinque giorni di regata per incoronare i Campioni del mondo di Formula Guide 2021 è iniziata lentamente. Poiché la giornata era piena di brezze verso la fine della giornata, il team di regate ha deciso di inviare per prima la flotta femminile.

Dopo la prima gara sulla pista trapezoidale di circa 11 chilometri nella brezza di nord-ovest, la seconda gara ha dovuto essere abbandonata quando il vento ha soffiato, e alcuni corridori hanno nuotato con le loro guardie nell’acqua.

Tuttavia, dopo il diluvio, il vento è tornato con una variazione di quasi 180 gradi. Con 10 km di vento che soffiava sulle acque piatte del Golfo, le velisti sono riuscite a concludere altre cinque regate. Gli uomini furono rilasciati quel giorno perché non ci sarebbe stata abbastanza luce del giorno per lasciare ulteriori gare.

READ  Recente; L'Italia impone nuove restrizioni ai virus in Sicilia

Nella prima gara della Marina in acqua, Moros, in sella al suo aquilone da 21 metri, si è imbattuta nella sua campagna. Ha avuto una brutta partenza ed era in una terza posizione innaturale prima di trasformare definitivamente l’Archaea della Polonia.

“E’ una gara molto dura”, ha detto Arcis, 17 anni. “Ma a metà gara ero davanti a Daniela Moros. Alla fine ho saltato 15 metri e lei 21″. Sapevo che mi avrebbe preso e sarebbe passato. ”

Moros non ha commesso lo stesso errore due volte e ha girato intorno alla pista, solo per essere seguito da vicino dal polacco Damashevich per aumentare il suo vantaggio nelle gare di fine giornata.

Nella marina alternativa, il britannico Dapson si è trovato contro una forte coppia francese di Boma Newland e Lauren Nollet. Ma nonostante tutti i proiettili segnati, la coppia francese ha perso punti, lasciando in vantaggio il consistente Dopson.

“Si tratta di non commettere errori e rimanere in aria il più chiaro possibile”, ha detto Dobson. “Ho passato del tempo in una gara in cui qualcuno è salito sul mio kite, ma sono sopravvissuto. Pensavamo che ogni giorno fosse un buon giorno. Un buon inizio.”

C’è una grande diversità tra i concorrenti nel campo dei piloti emergenti. Ma una delle caratteristiche più notevoli della marina di 49 donne è il numero di giovani madri che in qualche modo riescono a far fronte alle pressioni della vita familiare ai massimi livelli.

Justina Kitchen, 32 anni, neozelandese, è madre di due figli e per alcuni è un modello. Olimpionica di windsurf, ha abbandonato le competizioni dopo aver dato alla luce due figlie che ora hanno quattro e sei anni. Ma l’attrazione di un’altra Olimpiade nella classe Formula Kite l’ha riportata alla competizione, e ora sta accompagnando i bambini a scuola e ad allenarsi.

Leoni Meyer, 28 anni, tedesca, si è ispirata alla cucina dopo aver trascorso con lei due mesi ad Auckland, dopo aver visto che poteva gestire una piccola famiglia e competere ad alto livello.

Per il sindaco, che ha completato gli studi di medicina e ha dato alla luce un figlio cinque mesi fa, correre ai Mondiali è stato impegnativo. Quest’anno è riuscita ad allenarsi solo per sei giorni, ma ora la vita familiare dedica più tempo possibile alla sua campagna olimpica.

Il sindaco, 28 anni, sta ancora allattando suo figlio al campionato e sa già cosa ci vuole. Membro della squadra tedesca da gennaio, è stato il senior di una campagna olimpica nella classe 49er dal 2012 al 2016. Per il sindaco si è deciso di assegnare alla Formula Guide due medaglie olimpiche ai Giochi di Parigi 2024 dopo l’assegnazione della staffetta a squadre miste. Alleviato un po’ di stress.

READ  Il team Carozone ha portato l'Italia alla medaglia d'oro agli Europei 2021

“So che dovrò passare un po’ di tempo in ospedale nei prossimi anni per un intervento chirurgico a mio figlio, quindi anche se mi piace questo formato è molto positivo che non sia più uno sport di squadra”, ha detto Mayer. “Non voglio stare in ospedale con lui, mentre i miei compagni di squadra Janice Moss e Florian Grooper mi stanno aspettando per allenarmi”.

Dopo gli studi e la nascita, il sindaco prevede di prendersi i prossimi sei mesi di pausa per dedicarsi agli allenamenti per la sua campagna olimpica con l’aiuto del suo fidanzato, che condivide le responsabilità familiari.

“Non ho grandi aspettative per i mondi”, ha detto il sindaco. “Sono contento di non aver fallito durante tutto il corso. Ma dopo questo farò quanti più ritiri e gare possibile.

Kirstyn O’Brien, 34 anni, americana, non è estranea alle esigenze competitive della vita familiare e delle corse. Una chitarrista senior, madre di una ragazza e un ragazzo, è in tournée da molti anni ed è al culmine del suo ingresso nella squadra degli Stati Uniti.

O’Brien vive nella Repubblica Dominicana con il marito pilota e si allena generosamente con i suoi figli nei pomeriggi dopo la scuola. Suo figlio, 10 anni, ha mosso i primi passi in Guidefoy, mentre sua figlia, nove anni, si è dedicata allo Strapless Freestyle.

“La cosa principale per me è mantenere tutto in equilibrio in modo da non dover perdere tempo in viaggio per le competizioni. Quando sono via, mio ​​marito è con i bambini. Ma non sono solo eventi. Quando sono a casa, assicurarsi che raggiungano il livello di kitting che devono raggiungere. Da fare. ”

Il thailandese Datsani “We” Bisil, 30 anni, è ancora fortunato. Suo figlio di 10 anni vive con i suoi genitori a Phuket, dandole la libertà di andare ai campi di addestramento nazionali, o questa è la prima competizione al mondo.

“È giusto per me e giusto per mio figlio”, ha detto il nostro, che è stato coinvolto nelle gare di kitefoil solo per 18 mesi. “E’ con mia mamma e mio papà. Andiamo a scuola, altrimenti sarà fonte di confusione per lui”.

READ  Serie di seminari Simply the Italian Big Success (SIGW)

Il cileno Ronnie Grimdottir è un nuovo arrivato alle corse in un altro kitfoy disegnato dal sogno olimpico. Un anziano a doppio taglio e sciatore, è stato un pluricampione cileno. Sua figlia, un bambino di 10 anni e un figlio di otto, andrà sempre con la famiglia quando vanno a Kitting, e lo fa da quando ha spostato il suo interesse per le corse di kitefoil quattro mesi fa.

Grimdottir, un dentista che ora è un rifugiato epidemico che vive in Islanda, ha in programma di tornare in Cile e spera di ricevere fondi per la campagna Olympic Guidefoy dalla Federazione Vela dopo i Campionati Panamericani del 2023 a Santiago.

“Quando siamo a casa in Cile, i bambini vengono sempre con noi e adorano il mondo del kitting”, ha detto Grimdottir. “Quando mia figlia aveva sette anni, ho pensato che avrebbe dovuto chiedere un giocattolo per il suo compleanno, invece ha ascoltato lezioni di kite. Per me, amo le corse, quindi scommettere sulla chitarra è un modo naturale”.

Virak Ssenasi, 35 anni, ungherese, con due bambini di due, due e quattro anni e una bambina di sette anni, hanno per mano una lotta diversa. Mentre viaggia per il mondo con i suoi figli piccoli, sono tutti fortunati a viaggiare insieme. Si sono uniti a lei mentre si allenava a Bolton Lake, dove la famiglia ha una casa per le vacanze.

Ma una guida senior di freestyle Porter, che è passata alle gare di kitefoil sei mesi fa, ha trovato difficile dal punto di vista finanziario acquistare attrezzatura e viaggiare per le competizioni. L’Associazione Marittima Ungherese ha già detto che otterrà finanziamenti solo se entrerà nella top 30 percento del mondo, che ora è un sogno lontano.

Shenasi, che lavora part-time come avvocato, si sta godendo il viaggio, nonostante sia il secondo internazionale al mondo, dopo essere stato inserito nelle World Series of Guidefoy a Cagliari la scorsa settimana.

“Sono riuscito a Cochlear”, ha detto. “Non sono l’ultimo. Non so quali siano i miei obiettivi. Questo è il mio primo campionato del mondo. Ma, ovviamente, tutti vogliono andare alle Olimpiadi”.

Tutte le attività delle ultime due giornate che si svolgeranno sabato e domenica saranno raccontate su Facebook Livestream.

Formula Guide World Championship Torregrande-Donne: (Tre gare, nessun rifiuto)

1 USA Daniela Moros 3 punti
2 GPR Katie Dobson 7 punti
3 ENG Nina Arsis 9 punti