Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I panettieri italiani chiedono al governo Inflazione alta, aiuti in aumento

Max Civiltà

Stampa TV, Roma

I panifici in tutta Italia rischiano di chiudere le loro attività se non ottengono presto un sostegno finanziario, ha avvertito il governo.

Associazioni di categoria e rappresentanti dell’industria della panificazione hanno incontrato venerdì il ministro per le Imprese e il Made in Italy, Adolfo Urso, per chiedere incentivi e misure di salvaguardia per contrastare il vertiginoso aumento dei prezzi delle materie prime come farine, gasolio, imballaggi e attrezzature.

I piccoli panifici a conduzione familiare in Italia stanno lentamente scomparendo e lasciando il posto ai grandi supermercati. La crisi del costo della vita, l’aumento dell’inflazione e dei prezzi dell’energia hanno influenzato negativamente molte delle circa 26.000 panetterie in tutto il paese che impiegano circa 100.000 lavoratori.

Le bollette elettriche in Italia sono raddoppiate negli ultimi mesi a causa della crisi energetica causata dalla guerra in Ucraina. L’inflazione annuale del paese si è attestata al 12% in ottobre, il livello più alto dal marzo 1984.

All’inizio di questa settimana, il governo del primo ministro Giorgia Meloni ha annunciato il disegno di legge di bilancio 2023, che prevede misure volte a inviare 35 miliardi di euro di prestiti finanziati dal debito a famiglie e imprese per alleggerire il peso dell’inflazione elevata e delle bollette elettriche. Molti temono che queste misure faranno ben poco per proteggere gli italiani.

READ  L'Italia indaga sulla vendita illegale di droni alla Cina