Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I paesi votano contro una mozione per discutere il rapporto delle Nazioni Unite sulle gravi violazioni dei diritti umani da parte della Cina nello Xinjiang

Un gruppo per i diritti umani ha criticato l’Indonesia e il Pakistan dopo aver votato per bloccare il dibattito del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite sulle violazioni dei diritti umani dei musulmani uiguri nella regione cinese dello Xinjiang.

Anche il governo australiano ha rilasciato una forte dichiarazione dopo il voto, affermando che i maltrattamenti degli uiguri “non possono essere ignorati dalla comunità internazionale”.

In una recente votazione, 19 paesi hanno votato contro la mozione per discutere un rapporto tanto atteso dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, che ha ritenuto la Cina responsabile di gravi violazioni dei diritti umani – e possibili crimini contro l’umanità – nello Xinjiang.

Il blocco di 19 nazioni comprende un certo numero di paesi in via di sviluppo in Africa, Asia centrale, Asia meridionale e America Latina.

Nel frattempo, altri 17 paesi – tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Corea del Sud e diversi paesi europei – hanno votato a favore della mozione, mentre altri 11 paesi, tra cui India e Malesia, si sono astenuti.

L’Australia non è attualmente membro del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, ma si è unita al piccolo gruppo di paesi che ha chiamato ufficialmente il dibattito.

Il Dipartimento degli Affari Esteri e del Commercio (DFAT) si è detto “deluso” dal risultato della votazione.

“L’Australia e molti membri della comunità internazionale nutrono da tempo serie preoccupazioni per le segnalazioni di gravi violazioni dei diritti umani nello Xinjiang”, ha affermato in una nota.

“I risultati del rapporto dell’OHCHR sullo Xinjiang sono stati scioccanti e hanno corroborato molti di questi rapporti.

“Il risultato del voto non mina la credibilità del rapporto OHCHR: la comunità internazionale non può ignorare i risultati forti e indipendenti del rapporto”.

La Cina ha deciso di ostacolare l’audit

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per muto, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 7 minuti 8 secondi

Trapelato “Dati della polizia dello Xinjiang” rivelano segni di calvario tra gli uiguri.

Elaine Pearson di Human Rights Watch ha affermato che il voto è stato un “vergognoso” e “un’abdicazione alle responsabilità del Consiglio per i diritti umani”.

“È stato così deludente e ipocrita che Pakistan e Indonesia avrebbero votato no”, ha detto alla ABC.

“Entrambi sono membri dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC) e abbiamo visto i governi dell’OIC assumere una posizione molto più forte sugli abusi contro altre comunità musulmane, come l’etnia Rohingya in Myanmar e l’apartheid perpetrato dalle autorità israeliane in Palestina.

“Tuttavia, quando si tratta degli abusi che gli uiguri e altri musulmani turchi stanno affrontando in Cina, c’è stato in gran parte il silenzio”.

L’ambasciatore dell’Indonesia presso le Nazioni Unite a Ginevra, Brian Rudyard, ha detto al consiglio che il suo governo continuerà a sollecitare la Cina ad “adempiere alla propria responsabilità di proteggere i diritti umani dei musulmani uiguri nello Xinjiang”.

“Stiamo seguendo da vicino la situazione nello Xinjiang e siamo solidali con i nostri fratelli e sorelle musulmani nello Xinjiang”, ha affermato.

I punti rossi indicano le posizioni sospette dei campi
I ricercatori hanno identificato quasi 100 campi di “rieducazione” e strutture di detenzione in tutto lo Xinjiang.(Lettere di notizie)

“Fin dall’inizio, l’Indonesia ha comunicato con il governo e il popolo cinese… per discutere la questione dello Xinjiang… e per esplorare modi per alleviare le relative preoccupazioni”.

Tuttavia, ha affermato che l’Indonesia voterà ancora No perché perseguire “iniziative specifiche per paese che non hanno l’approvazione e il sostegno dei paesi coinvolti” non porterebbe ad alcun “progresso reale” nei diritti umani.

“Non si può sottovalutare che i paesi dovrebbero essere al posto di guida negli sforzi per risolvere le proprie sfide interne”, ha affermato.

READ  Aggiornamenti Ucraina e Russia: Mariupol tagliato, Russia afferma che l'Ucraina ha lanciato un attacco transfrontaliero, le truppe russe si ritirano da Chernobyl