Settembre 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I paesi del G7 concordano di fissare un tetto massimo per il prezzo del petrolio russo

I ministri delle finanze del Gruppo dei Sette principali nazioni – Stati Uniti, Giappone, Canada, Germania, Francia, Italia e Regno Unito – hanno dichiarato che vieteranno la fornitura di “servizi che consentano la spedizione mondiale di petrolio greggio e prodotti petroliferi di Origine russa.” Sopra il tetto dei prezzi. Ciò può impedire la copertura assicurativa o il finanziamento delle spedizioni di petrolio.

In una dichiarazione congiunta, hanno affermato che il prezzo massimo sarebbe stato fissato da una “ampia coalizione” di paesi. Entrerà in vigore insieme alla prossima serie di sanzioni dell’UE, che includono il divieto di importazione di petrolio russo marittimo a partire dai primi di dicembre.

La Russia aveva già minacciato di vendicarsi vietando le esportazioni di petrolio verso paesi con un tetto massimo di prezzo.

“Non forniremo semplicemente petrolio e prodotti petroliferi a tali società o paesi che impongono restrizioni, perché non opereremo in modo non competitivo”, ha detto giovedì ai giornalisti il ​​vice primo ministro Alexander Novak, secondo l’agenzia di stampa statale TASS.

L’amministrazione Biden da mesi fa pressioni sui governi affinché introducano limiti di prezzo. L’Occidente l’ha già fatto Sanzioni imposte a diverse esportazioni di energia russeMa Mosca ha continuato a guadagnare miliardi di dollari al mese incanalando petrolio in paesi come la Cina e l’India.

“Il limite di prezzo è specificamente progettato per ridurre le entrate russe e la capacità della Russia di finanziare la sua guerra di aggressione, limitando l’impatto della guerra russa sui prezzi globali dell’energia, in particolare per i paesi a basso e medio reddito”, hanno affermato i ministri delle finanze del G7.

Ma la procedura deve ancora essere elaborata e sarà molto difficile da gestire. Il prezzo al quale sarà limitato il petrolio russo deve ancora essere frammentato. Avrà anche bisogno di un più ampio sostegno internazionale per essere efficace.

READ  Paulo Dybala, la Juventus e il problema dell'Italia

“Quello che la Cina e l’India stanno per fare dovrebbe essere una decisione patriottica per loro”, ha detto ai giornalisti venerdì un alto funzionario del Tesoro degli Stati Uniti.

Il funzionario ha aggiunto che se il limite costringe la Russia a concludere accordi più economici con i partner commerciali limitando il prezzo a cui possono vendere i propri prodotti, raggiungerà comunque i suoi obiettivi.

TASS ha riferito che Novak ha descritto le proposte di imporre restrizioni come “totalmente assurde” e ha affermato che potrebbero distruggere il mercato petrolifero globale.

“Tali tentativi porteranno solo alla destabilizzazione dell’industria petrolifera e del mercato petrolifero”, ha affermato.

La Russia può offrire un’assicurazione alternativa per le sue spedizioni di petrolio. Ma il funzionario del Tesoro degli Stati Uniti ha notato che sarebbe più costoso, aumentando gli incentivi per gli acquirenti a sottoscrivere il regime di price cap.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, i flussi di greggio e altri prodotti petroliferi verso Stati Uniti, Regno Unito, Unione Europea, Giappone e Corea del Sud sono diminuiti di circa 2,2 milioni di barili al giorno dall’inizio della guerra in Ucraina.

La Russia taglia più forniture di gas all'Europa mentre l'inflazione sale a un altro record
Ma due terzi di questo declino è stato trasferito ad altri mercati, il che ha contribuito a riempire le casse di Mosca. L’Agenzia internazionale per l’energia ha affermato che i proventi delle esportazioni a luglio sono stati di circa 19 miliardi di dollari.
Il controllo da parte della Russia di ampie porzioni dell’approvvigionamento energetico mondiale rimane fondamentale La sfida di sei mesi dall’invasione dell’Ucraina. Questa settimana, la Russia ha temporaneamente interrotto le spedizioni di gas naturale nella regione attraverso un gasdotto vitale e ha interrotto tutte le forniture a una struttura francese, aggravando i problemi che hanno spinto l’inflazione europea a un record del 9%.
Venerdì, poco dopo l’annuncio del G7, il colosso energetico russo Gazprom ha dichiarato che sabato non riprenderà le consegne tramite il suo gasdotto Nord Stream 1 come previsto. La società ha notato una fuoriuscita di petrolio e non ha fornito una tempistica per la ripresa dei chip.

– Chris Liakos, Anna Cuban e Manvina Suri hanno contribuito a questo rapporto.