Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I nuovi chip AR di Qualcomm annunciano una nuova generazione di occhiali intelligenti

medio a ultima salita Nelle cuffie per realtà virtuale, l’ultimo annuncio di chip di Qualcomm suggerisce che la prossima ondata di prodotti potrebbe essere costituita da occhiali per realtà aumentata. Al recente evento incentrato sui chip dell’azienda, è stato l’ultimo Processori mobili Snapdragon Sono stati annunciati, insieme a una nuovissima linea di chip ottimizzati per gli occhiali AR che puntano alla prossima ondata di occhiali intelligenti avanzati che dovrebbero arrivare tra il 2023 e il 2025, con potenziali funzionalità tra cui il tracciamento degli occhi, il tracciamento delle mani e lo streaming wireless ai telefoni o dal cloud. .

Lo Snapdragon AR2 Gen 1 è un diverso tipo di piattaforma rispetto alla piattaforma principale dell’azienda Processore XR2 già trovato in visori VR autonomi come Meta Quest 2 E il Picco 4. L’AR2 si concentra maggiormente sulla fotocamera e sull’elaborazione basata su sensori che sulla grafica, con l’obiettivo di migliorare la durata della batteria rispetto agli occhiali più piccoli. Il design è suddiviso in tre co-processori, destinati a vivere in ciascuna stanghetta di un paio di occhiali intelligenti e anche in cima a un ponte. Dovrebbe ridurre i fili e ridurre il calore in eccesso nei futuri progetti di occhiali.

Gli occhiali che utilizzano AR2 Gen 1 potrebbero essere molto più veloci con le fotocamere per la scansione e il rilevamento della profondità: Qualcomm promette un’intelligenza artificiale più veloce per cose come il riconoscimento degli oggetti e il tracciamento delle mani rispetto al chip XR2 in cuffie come Quest 2, ma utilizzando la metà della potenza dell’XR2 chip. Non c’è nessun posto dove nascondere una batteria di grandi dimensioni su un normale paio di occhiali, motivo per cui l’AR2 Gen 1 mira a essere efficiente in modi che ricordano le esigenze di dispositivi indossabili come gli smartwatch.

READ  Google Pixel 6 potrebbe essere molto più economico di iPhone 13
Un diagramma di come verranno installati i chip sui futuri occhiali per realtà aumentata di Qualcomm

I chip AR2 Gen 1 sono progettati per essere distribuiti su occhiali per realtà aumentata, vivendo in ogni braccio e sul ponte per ridurre le dimensioni e il calore.

Qualcomm

Il chip AR2 Gen 1 non verrà utilizzato per i tradizionali visori VR. Secondo Qualcomm, la risoluzione e il campo visivo negli occhiali AR che utilizzano questi nuovi chip non saranno buoni quanto quelli di cui è capace l’attuale VR. Gli attuali occhiali e visori per la realtà aumentata tendono ad avere aree di visualizzazione più piccole e si basano su una grafica pop-up trasversale, rispetto alla grafica espansiva a tutto campo e alle esigenze della realtà virtuale dei display.

Qualcomm fa molto affidamento su telefoni, computer e cloud per fare gran parte del lavoro pesante per questi occhiali futuristici. Il chipset include Wi-Fi 7 e una gamma di telefoni alimentati dal chipset Snapdragon di Qualcomm e Spazi di bocca di leone È possibile utilizzare una piattaforma software per elaborare in modalità wireless la grafica della realtà aumentata per questi occhiali. Sono principalmente periferiche indossabili, anche se gli occhiali possono fare anche alcune cose da soli.

Il tracciamento oculare sugli occhiali viene fornito con il supporto per l’autenticazione dell’iride, che viene gestita sugli occhiali con un chip di sicurezza dedicato. Tuttavia, resta da vedere come viene utilizzato da altri produttori.

Qualcomm ha già annunciato un’ondata di nomi tecnologici familiari a bordo per realizzare occhiali AR con il chip AR2, tra cui Lenovo, LG, Niantic, NReal, Oppo, Pico, NTT Qonoq, Rokid, Sharp, TCL, Vuzix e Mi. Microsoft e Adobe stanno anche lavorando per rendere compatibili le loro piattaforme software, riflettendo le recenti notizie di partnership con Meta all’inizio di quest’anno.

Le partnership sono essenziali, soprattutto per dispositivi come gli occhiali intelligenti che stanno cercando di essere strumenti utili in un mondo di telefoni, computer, dispositivi indossabili e dispositivi per la casa intelligente già ben connessi. Microsoft ha già annunciato una partnership con Qualcomm sui futuri chip per occhiali AR all’inizio di quest’annoe sembra che l’AR2 Gen 1 farà parte di questo sviluppo dietro il pesante costo incentrato sul business HoloLens2.

Qualcomm ha già lavorato su chip per cuffie per realtà aumentata e occhiali intelligenti, inclusi nVera luceLenovo Pensa alla realtà A3 e morto Storie di Ray Ban. Tuttavia, Hugo Swart, presidente di Qualcomm XR, ha notato in un briefing con i giornalisti che gli sforzi attuali non sono stati abbastanza buoni sul lavoro abbastanza a lungo da rendere utile una singola carica della batteria. (La durata della batteria su tutti gli attuali visori VR e AR tende a essere al massimo inferiore a due ore.)

I sogni del metaverso sono, al momento, frenati allo stesso modo dall’hardware e dal software. Mentre i visori VR stanno lentamente aggiungendo funzionalità simili alla realtà aumentata con le telecamere di transito, come in Meta Quest ProNon ci sono occhiali AR che funzionano tutto il giorno In realtà niente di buonoanche se alcune cuffie come Salto magico 2 Cerca di avvicinarsi all’essere utile per usi commerciali pratici. Forse Meta, che da anni promette i propri occhiali per realtà aumentata, si affiderà anche all’AR2 Gen 1 per un prodotto futuro.

Non c’è ancora niente di simile a quello che gli scrittori di fantascienza sognavano nella tecnologia degli occhiali decenni fa. I nuovi chip di Qualcomm potrebbero non portare agli occhiali perfetti per la realtà aumentata, ma questi chip potrebbero portare a occhiali wireless migliorati di un tipo che prima non esisteva. Forse questa ondata di occhiali abilitati per AR2 Gen 1 è l’inizio dei veri occhiali per realtà aumentata che stavamo aspettando.