Settembre 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I “nemici” di destra in Italia minacciano la volatilità del governo

Nella foto pubblicata sui social media, sembrano una coppia in vacanza al mare al sole: il suo braccio avvolto in modo protettivo intorno alla sua spalla, la sua testa girata verso di lui.

Ma Matteo Salvini e Georgia Meloni non hanno una relazione intima. I due leader di destra sono i più grandi “nemici” politici dell’Italia e ora stanno lavorando insieme in una comune ricerca del potere nelle imminenti elezioni generali italiane.

Lasciamo a sinistra le divisioni di rabbia e polemiche. “Uniti, vinci tu”, ha detto Salvini, postando la foto sulla spiaggia su Twitter.

I sondaggi suggeriscono che l’alleanza tra Fratelli d’Italia di Meloni, che ha radici fasciste, l’estrema destra Salvini League, e Forza Italia di centrodestra dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, sia sulla buona strada per una decisiva vittoria parlamentare su un’opposizione frammentata.

Ma il teso rapporto tra Meloni e Salvini significa che la stabilità e la coesione del governo sono tutt’altro che garantite. Sebbene stiano facendo del loro meglio ora per progettare un fronte unito, molti avvertono delle turbolenze che ci attendono.

“Non sarà una guerra a tutto campo tra Lega e Fratellanza, ma sarà un conflitto di logoramento”, ha detto Roberto Delemonte, professore di scienze politiche all’Università Luis di Roma. “Stanno gareggiando finora e gareggeranno di più dopo le elezioni”.

Entrambi i leader hanno assistito a drammatici cambiamenti nelle fortune negli ultimi anni. La stella di Meloni è salita a spese di Salvini. Alle elezioni parlamentari del 2018 il partito di Meloni ha ottenuto il 4,3 per cento dei voti, mentre la Lega ha vinto il 17,6 per cento, seconda solo al ribelle Movimento Cinque Stelle.

READ  Apertura ufficio TransPerfect a Bologna, Italia

La popolarità di Salvini è aumentata vertiginosamente nel 2019 e la Lega ha ottenuto il 34,4 per cento dei voti alle elezioni del Parlamento europeo, il più alto di qualsiasi partito italiano. Ma la successiva manovra di Salvini per costringere le elezioni anticipate a ritirarsi dalla sua coalizione di governo a cinque stelle si è ritorta contro. Invece, una nuova coalizione si è formata senza di lui.

Nel frattempo, la decisione di Meloni di rimanere fuori dal governo di unità nazionale del presidente del Consiglio Mario Draghi, formatosi all’inizio dell’anno scorso, gli ha permesso di monopolizzare lo spazio dell’opposizione e di aumentarne notevolmente la visibilità.

I sondaggi ora mostrano che i Fratelli d’Italia favoriscono il 25 per cento degli elettori italiani, mentre poco meno del 13 per cento sostiene la Lega. Sebbene i leader della destra abbiano convenuto che il più grande partito del loro blocco ha il diritto di liberare il presidente del Consiglio, Salvini, che ha uno slogan che recita “Primo ministro Salvini”, potrebbe non venire facilmente a patti con il suo status di socio minore in un governo guidato da Meloni.

“Due anni fa Meloni non era nessuno e Salvini andava in alto”, ha detto D’Alimonte. “Ora la ruota della fortuna ha girato. Non potrebbe essere troppo contento.”

La rivalità personale non sarà l’unico problema a rovinare l’alleanza. Anche le differenze politiche stanno emergendo sempre più. Meloni, che fin dall’inizio è stato critico nei confronti dell’invasione russa dell’Ucraina, ha espresso sostegno alle misure punitive della NATO e dell’Unione europea contro la Russia.

Salvini, che non ha nascosto la sua ammirazione per Putin, lamenta i costi sociali ed economici per gli italiani delle sanzioni, una linea che il Cremlino ha gonfiato.

READ  Il capo della Ferrari promette mezzi elettrici per costruire auto "più uniche".

La disciplina finanziaria è un altro punto di attrito. Con gli italiani che vacillano per l’aumento dei prezzi dell’energia, Salvini ha spinto il governo ad interim di Draghi ad assumere ulteriori prestiti pubblici pari a circa il 2% del PIL per finanziare nuove misure di protezione dei consumatori. Tuttavia, Meloni ha esortato alla prudenza e alla cautela sull’enorme debito pubblico italiano.

È probabile che tali disaccordi diventino più evidenti man mano che la nuova amministrazione affronta le gravi sfide economiche e geostrategiche che l’Italia deve affrontare, portando a fluttuazioni all’interno dell’alleanza.

Daniel Albertazi, professore di politica all’Università del Surrey, ha predetto che Salvini, di fronte a una crisi esistenziale sul suo futuro, avrebbe cercato opportunità per battere il governo, per ricostruire la sua posizione suscitando malcontento nei confronti di Meloni.

“Non credo che possa permettere a Meloni di interpretare il ruolo di un leader di destra di successo”, ha detto Albertazi. “Ha intenzione di rovinare la festa. Dovrà dimostrare di non essere il barboncino di nessuno”.