Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘I muri si avvicinano dall’interno’: Trump esce da una settimana di battute d’arresto politiche | Donald Trump

TL’ultima volta che Donald Trump ha sentito colpi di martello del genere, è stato per i lavori di ristrutturazione a Mar-a-Lago L’ex presidente era sconvolto. Ma nemmeno quel suono gli ha fatto risuonare le orecchie come il torrente di cattive notizie della scorsa settimana che alcuni ritengono abbia spinto l’emissione di un’accusa penale un passo avanti.

Non una sola settimana nell’anno da quando Trump ha lasciato la Casa Bianca è stata così drammatica, o per lui disastrosa come la settimana appena trascorsa.

. incluso Rimproverato dalla Suprema Corte sui documenti relativi alla ribellione del 6 gennaio istigata da Trump; Notizie che il comitato del Congresso che indagava sui disordini era Chiudi la cerchia ristretta di Trump; Prove dal presunto procuratore generale di New York frode fiscale; E forse la cosa più dannosa di tutte, la richiesta di un procuratore generale della Georgia di un gran giurì nella sua indagine sul caso Trump Tentativo di annullare le elezioni del 2020.

La settimana si è conclusa con la fuga di un documento che mostra che Trump sta almeno pensando imbracatura dell’esercito Nei suoi tentativi di ribaltare la vittoria di Joe Biden.

Tutto questo ha lasciato l’ex presidente con molto a cui pensare.

“È Teflon Don, ha detto che poteva sparare a qualcuno sulla Fifth Avenue e sopravvivere, i suoi sostenitori lo avrebbero sostenuto in ogni caso, ma ho iniziato a pensare sempre di più ai muri che si avvicinavano a questo ragazzo”, ha detto. Kimberly Will, illustre analista giuridico e professore di diritto all’Università di Baltimora.

“La cosa più urgente è il gran giurì in Georgia perché c’è un suono lui che cerca di ottenerlo [secretary of state] Brad Ravensburger a “trovare” i voti. Secondo le leggi elettorali della Georgia, come le ho lette, è probabilmente un crimine.

La domanda incombente è se Trump incriminerà la sua parte 11 in più finora per sedizioso complotto [over the 6 January Capitol attack]. Per me, questa è la svolta più grande degli eventi… il Dipartimento di Giustizia ritiene di avere prove indiscutibili di un accordo, un incontro di menti per annullare un’elezione legittima.

“E che ci sono molte persone di alto rango che si uniscono, incluso il potenziale Donald Trump È se stesso, e ovviamente non è un capo, quindi non è più immune da procedimenti giudiziari”.

L’indagine del Dipartimento di Giustizia sull’attacco mortale al Campidoglio è stata parallela ma separata da 6 gennaio Commissione della Camera, che comporta i maggiori rischi legali per Trump. Alcuni ritengono che le accuse di sedizione contro i membri della milizia delle guardie giurate indichino che l’indagine si sia spostata a un livello superiore.

Altri, più recentemente Preet Bharat, un ex procuratore generale del distretto meridionale di New York, si sono chiesti perché i membri della guardia interna di Trump, incluso l’ex capo di stato maggiore Mark Meadows, non siano stati ancora interrogati.

“Non è solo la possibilità che abbiano provato a intervistare, sai, dozzine di persone importanti dentro e intorno alla Casa Bianca come [6 January] Il comitato ha [because] Bharara ha detto: “Urlano come maiali arenati quando le persone si avvicinano a loro Il nuovo podcast gayIl podcast della bestia quotidiana.

“È strano che lasciamo raccogliere tutte queste testimonianze, che tutti questi documenti vengano richiamati e compilati, e sembra che non abbiano rilasciato nessuna di queste interviste. Ci sono alcune persone di livello inferiore che hanno sfondato le porte di il Campidoglio, ma non credo che quelle persone stiano rinunciando in linea retta per Trump”.

In una rara conferenza stampa all’inizio di questo mese, il procuratore generale Merrick Garland non ha menzionato Trump per nome, ma ha cercato di rassicurare i critici sulla sua indagine.

“Il Dipartimento di Giustizia rimane impegnato a ritenere gli autori del 6 gennaio, a qualsiasi livello, responsabili ai sensi della legge, sia che fossero presenti quel giorno o fossero penalmente responsabili dell’assalto alla nostra democrazia”, ​​ha affermato in una nota. Titolo scritto con cura.

È facile speculare sugli obiettivi del comitato della Camera, e nel breve termine rischia di causare danni politici a Trump mentre contempla un’altra elezione alla Casa Bianca.

La richiesta di testimoniare giovedì da sua figlia Ivanka, ex consigliere della Casa Bianca, ha spostato l’indagine nel cuore della cerchia ristretta di Trump. Le azioni di Trump saranno anche esplorate nelle audizioni televisive in prima serata che Jimmy Raskin, un democratico del comitato, ha promesso di “Esplode il tetto della casa“.

La commissione ha anche ottenuto una grande vittoria mercoledì, quando la Corte Suprema ha posto fine agli sforzi di Trump per proteggere più di 700 pagine di documenti della Casa Bianca. La serie di documenti includeva una bozza di ordine esecutivo che ordinava al Dipartimento della Difesa di sequestrare le macchine elettorali e nominare un consulente speciale per esaminare le elezioni, a sostegno di Trump.grossa bugia“Le elezioni sono state rubate.

Merrick Garland parlando al Dipartimento di Giustizia. Foto: Getty Images

“I documenti non muoiono, non mentono”, ha detto Will. “Il testimone può dire ‘Oh, non mi ricordo’ e ballare. I documenti non possono. In secondo luogo, i documenti porteranno più persone a discutere di ciò che è successo, inclusa Ivanka Trump”.

Lo stesso Trump è stato insolitamente silenzioso riguardo a una settimana di battute d’arresto, a parte due dichiarazioni contro Fanny Willis, il procuratore generale democratico della contea di Fulton, in Georgia, per aver chiesto a un gran giurì di aiutare a indagare sulla sua interferenza elettorale.

“Le persone che cercano un crimine vengono perseguite e le persone che hanno commesso il crimine vengono protette”, ha detto. “Questo non è il modo americano.”

Per Wehle, gli sviluppi di questa settimana hanno un significato non solo per Trump ma per le elezioni di medio termine di novembre repubblicani Tendono a restaurare il Congresso.

“Dovremmo pensare al comitato del 6 gennaio come a fornire informazioni agli elettori prima di novembre sui membri in carica che potrebbero essere in procinto di essere rieletti”, ha affermato.

La domanda non è se Trump incriminerà, ma chi è al potere negli Stati Uniti Congresso degli Stati Uniti È possibile che sia stato coinvolto in questa cospirazione.

“Onestamente, se la democrazia americana deve essere salvata dagli oligarchi del partito unico, novembre è assolutamente vitale”.

READ  La scommessa politica di Keir Starmer di dimettersi se la multa di Birgit paga | Cura Starmer