Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I mercati europei sono aperti alla chiusura

LONDRA – Martedì i mercati europei hanno chiuso in rialzo mentre gli investitori valutano i dati sull’inflazione per la riapertura e la digestione della Cina.

paneuropeo Stokes 600 Ha chiuso in rialzo dell’1,2%, con quasi tutti i settori in territorio positivo. L’indice bancario europeo è salito del 2,4% guidando i guadagni, mentre i titoli di petrolio e gas hanno invertito la tendenza chiudendo la sessione in calo dello 0,7%.

Tra le principali borse, il FTSE 100 britannico ha chiuso in rialzo dell’1,4%, mentre il DAX tedesco è salito dello 0,8% e il CAC 40 francese è salito dello 0,4%.

La Germania ha pubblicato dati sull’inflazione inferiori alle attese per dicembre, scendendo al 9,6% su base annua. Sarà seguito mercoledì dai dati sull’inflazione dalla Francia, giovedì dall’Italia e venerdì da una stima rapida per l’intera zona euro.

I mercati del Regno Unito sono stati chiusi lunedì. Le azioni sono aumentate nel resto del continentepoiché i dati sulla produzione della zona euro hanno indicato che il peggio potrebbe essere passato per il blocco valutario di 20 paesi.

Le cifre hanno dato speranza alla luce della fine del tunnel, dopo un anno afflitto da timori di recessione mentre le banche centrali di tutto il mondo hanno aumentato in modo aggressivo i tassi di interesse per frenare la spirale dell’inflazione.

Nel frattempo, i mercati nella regione Asia-Pacifico Gli investitori sono stati contrastanti poiché gli investitori hanno soppesato le implicazioni a breve termine di un picco di infezioni da coronavirus in Cina rispetto al potenziale impulso a lungo termine derivante dalla piena riapertura della seconda economia mondiale.

READ  L'azienda alimentare italiana ha acquisito Symington

Il Caixin PMI ha mostrato un ulteriore calo dell’attività di fabbrica a causa di un aumento delle infezioni da Covid-19. Ma l’indagine ha anche messo la fiducia delle imprese intorno a una prospettiva di 12 mesi per la produzione al livello più alto da febbraio 2022.

noi I negozi Martedì ha oscillato, restituendo i guadagni precedenti, poiché preoccupazioni come l’aumento dei tassi di interesse e l’elevata inflazione che hanno fatto crollare il mercato lo scorso anno hanno continuato a turbare gli investitori nel nuovo anno.

La banca centrale ha alzato i tassi di interesse di 50 punti base a dicembre dopo quattro aumenti consecutivi di 75 punti base. I mercati saranno ansiosi di valutare il probabile corso della politica monetaria nel 2023.