Giugno 13, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I medici dicono che gli immigrati sono stati dimenticati nella campagna vaccinale in Italia

ROMA – Ogni settimana negli ultimi tre mesi, un immigrato senzatetto di 63 anni dalla Croazia si è recato all’ambulatorio medico della stazione ferroviaria di Roma Termini in attesa della notizia della ricezione del vaccino contro il virus corona. Ogni volta, i medici affermano che non è stato in grado di registrare un singolo colpo, nonostante abbia avuto diversi attacchi di cuore e condizioni di salute di base.

“Il mio cuore è così debole che se prendo Kovid mi porterà sicuramente via”, ha detto l’uomo, chiedendo se dovrebbe essere identificato solo con il suo nome, Vladov. “Ho paura.”

Mentre il governo italiano sostiene che le persone hanno il diritto di essere vaccinate indipendentemente dal loro status legale, in pratica molti immigrati privi di documenti e senzatetto passano inosservati – non solo per loro, dicono i medici, ma per l’intero Paese a rischio.

In molti casi la spiegazione ufficiale è la burocrazia. La maggior parte delle regioni italiane richiede un numero di previdenza sociale per prenotare gli appuntamenti sui propri siti online, ma solo tre delle 20 regioni del Paese accettano numeri temporanei rilasciati a centinaia di migliaia di immigrati.

L’immigrazione è una questione scottante in un paese, in alcuni Sta domandando Gli italiani dovrebbero essere la priorità, almeno fino a quando non saranno disponibili più colpi.

“L’organizzazione si è dimenticata di queste persone – ha detto Marco Massetti, medico e presidente dell’Associazione medica italiana delle migrazioni -. Ma sono molto deboli”.

L’Italia è il primo Paese ad essere gravemente colpito dal corona virus. Ad oggi, più di 125.000 persone sono morte a causa del virus lì e il lancio del vaccino è iniziato a un ritmo lento, con una mancanza di scale e singhiozzi strategici. Questo è stato fatto nelle ultime settimane, con circa mezzo milione di vaccini distribuiti ogni giorno. Giovedì, l’Italia ha ampliato l’ammissibilità e revocato i limiti di età. Funzionari del governo hanno affermato che l’aumento dell’offerta avrebbe presto avuto una possibilità su immigrati e richiedenti asilo.

READ  Video: Idlba riscoperta per portare la vera pasta italiana direttamente alle porte della gente del Perthshire

Ma finora, i pubblici ministeri dicono che è successo poco.

Molti medici che lavorano con gli immigrati affermano di non credere che l’inattività sia il risultato di una deliberata discriminazione, ma affermano che sia un segno di continua disattenzione verso le persone emarginate.

Problemi anche con la prenotazione di un colpo, compresi gli stranieri che vivono in Italia senza un numero di previdenza sociale, diplomatici e persone che lavorano in organizzazioni internazionali. Sebbene Poste Italiane, che fornisce il sito di prenotazione più utilizzato per le regioni italiane, abbia iniziato a consentire a questi gruppi di registrarsi questa settimana, non esiste ancora una data per cui gli immigrati privi di documenti potranno farlo.

Alcuni politici hanno inserito la questione nel dibattito sull’immigrazione.

I membri del consiglio regionale hanno protestato quando i funzionari della regione settentrionale della Lombardia hanno affermato di aver pianificato di includere immigrati e senzatetto “irregolari” o privi di documenti nella campagna di vaccinazione all’inizio di questo mese.

“Gli imprenditori sono stanchi delle chiusure di un anno, le cassiere dei supermercati sono sempre in prima linea, i giovani che hanno tolto loro un anno di vita e di vita comunitaria: tutto portato avanti da immigrati irregolari”, ha detto l’assessore Viviana Baclosi durante un incontro regionale in Lombardia.

Ha chiamato l’iniziativa per vaccinare gli immigrati privi di documenti “una stanza in faccia”. L’area inizierà ad offrire display ai senzatetto la prossima settimana. Ma ha affermato di non essere sicuro di quando gli stranieri possano essere vaccinati con numeri di previdenza sociale temporanei, citando “discussioni in corso a livello nazionale”.

Gli assistenti sociali e i medici che si occupano degli immigrati affermano che le autorità italiane stanno violando la legge inserendo barriere burocratiche tra immigrati e vaccinazioni. Garanzie Assistenza sanitaria essenziale per gli immigrati – e crea un significativo problema di salute pubblica.

READ  2021 Mizano World Supersport, Italia - Risultati di gara1

La dott.ssa Massetti sottolinea che gli immigrati sono spesso lavoratori domestici.

“Se non controlliamo la diffusione del virus tra queste persone che entrano nelle nostre case per aiutarci, non controlleremo la diffusione del virus nel paese”, ha affermato il dott. Massetti.

Un portavoce del ministro della salute italiano ha dichiarato in un’intervista che il governo prevede di vaccinare presto i residenti dei rifugi e dei centri di immigrazione, ma che è stato colpito dalla precedente carenza di vaccini. Ha detto che una volta che l’Italia avrà abbastanza vaccini, darà spettacolo a tutti quelli che lo vorranno.

Tali ritardi sono pericolosi, ha affermato Fod Audi, medico ed esperto di salute globale con Fomsio, un consorzio di associazioni mediche italiane. Ha detto che gli immigrati hanno maggiori probabilità di essere infettati dal virus rispetto agli italiani della stessa età. L’indebolimento dei viaggi migratori e la cattiva alimentazione minano il loro sistema immunitario e spesso vivono in centri per rifugiati sovraffollati dove la distanza sociale spesso non è possibile.

“Sono fisicamente deboli”, ha detto il dottor Audi. “Non possiamo ignorarli”.

In Germania, invece, i rifugiati di tutte le età che vivono in case famiglia o centri per rifugiati sono stati considerati una priorità più alta e hanno ricevuto le loro riprese così come quelli di età pari o superiore a 70 anni.

In tutto il paese sono emersi tentativi sparsi per trovare soluzioni. Papa Francesco ha somministrato centinaia di vaccini ai senzatetto di Roma. Funzionari sanitari locali a Roma e in alcune altre regioni italiane hanno affermato di poter chiamare le organizzazioni di assistenza all’immigrazione per appuntamenti di immunizzazione per individui privi di documenti.

Ma i medici della clinica che mantiene Vladov, gestita dalla Caritas cattolica, hanno affermato di aver chiamato e inviato un’e-mail, ma l’appuntamento non era disponibile.

READ  Francesco Molinari su Pebble and cold-topping drive in italiano a LA

“Il governo dice di voler vaccinare tutti – ha detto Giulia Civitelli, direttrice della clinica -. Ma devono dirci come si fa”.

L’immigrato moldavo di 48 anni, che lavora come contabile a Verona, ha detto di aver provato a chiamare automaticamente un numero verde regionale, ma è stato rifiutato perché non aveva un numero di previdenza sociale. Era delusa, ma non era sorpresa.

“Non ho un contratto”, ha detto la donna, chiedendo di non essere identificata per nome per paura di perdere il lavoro. “Non ho un numero, non ho diritto a niente”.

I problemi con la vaccinazione degli immigrati non riguardano solo l’Italia.

Nel Regno Unito, ad alcuni immigrati privi di documenti è stata negata la registrazione presso gli studi medici locali, nonostante l’affermazione del governo secondo cui le persone possono essere vaccinate indipendentemente dallo status di immigrazione. In Francia, mentre il governo ha promesso di fornire agli immigrati privi di documenti un numero temporaneo di previdenza sociale per il vaccino, gli avvocati dell’immigrazione temono che un accesso limitato a Internet e alle informazioni sul processo impedirà le vaccinazioni.

Vlado ha detto che non pensava che la discriminazione intenzionale lo avrebbe fermato da una scena, ma che si rammaricava dell’ostacolo burocratico. “Non è giusto, ma vivo per strada e non posso cambiare nulla”, ha detto.

Mentre aspetta l’appuntamento per la vaccinazione, cerca di evitare i luoghi affollati. Ma la scorsa settimana ha dovuto prendere un autobus pieno a sud di Urine per un test del cuore. “Ero preoccupato, ma non potevo seppellirmi vivo perché non mi avrebbero vaccinato”, ha detto.

Risolto Mehud E Cristoforo F. Shootsey Dichiarazione di contribuzione