Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I letti stanno finendo in un ospedale di Pechino mentre il COVID-19 si diffonde

La maggior parte degli uomini e delle donne più anziani in maschera riposava su culle nei corridoi, mentre altri dormivano in piedi in sale d’attesa affollate con sedie numerate. Molti hanno ricevuto liquidi per via endovenosa, mentre ad altri è stato somministrato ossigeno. Il suono della tosse della gente – e dei nuovi pazienti che arrivavano in barella – era costante.

I segni dell’epidemia di COVID-19, che si è diffusa nelle strutture sanitarie pubbliche nel paese più popoloso del mondo, sono apparsi giovedì all’ospedale Chuyangliu nella parte orientale di Pechino.

L’affollato ospedale ha esaurito i letti a metà mattinata, anche se le ambulanze hanno portato più persone. Infermieri e medici in difficoltà si sono precipitati per ottenere informazioni e risolvere i casi più urgenti.

il
Distruggi le persone in cerca di cure ospedaliere È arrivato sulla scia dell’abbandono da parte della Cina delle più dure restrizioni pandemiche imposte il mese scorso dopo quasi tre anni di blocchi, divieti di viaggio e chiusure scolastiche che hanno colpito l’economia e scatenato insolite proteste di piazza in un paese che schiacciava il dissenso politico.

L’epidemia sembra essersi diffusa prima nelle città densamente popolate prima. Ora, le autorità sono preoccupate mentre si rivolgono alle città più piccole e alle aree rurali con sistemi sanitari più deboli. Giovedì molti governi locali hanno iniziato a chiedere alle persone di non tornare a casa per le vacanze del capodanno lunare, indicando la continua preoccupazione per l’apertura.

All’estero, A
Un numero crescente di governi Stanno ordinando test antivirus per i viaggiatori provenienti dalla Cina, dicendo che sono necessari perché il governo cinese non sta condividendo informazioni sufficienti sull’epidemia. il
Unione Europea Mercoledì ha “fortemente incoraggiato” i suoi Stati membri a imporre un test COVID-19 prima della partenza, anche se non tutti lo hanno fatto.

READ  Il proprietario della Ferrari Elkann afferma che un cambio di potenza potrebbe creare una nuova Tesla

L’Italia – la prima in Europa dove la pandemia ha avuto il sopravvento all’inizio del 2020 – è diventata il primo membro dell’UE a richiedere test per i viaggiatori provenienti dalla Cina la scorsa settimana, seguita da Francia e Spagna con le proprie misure. Gli Stati Uniti richiedono un risultato negativo del test per i viaggiatori provenienti dalla Cina entro 48 ore dalla partenza. La Cina ha criticato i requisiti e
Attenzione alle contromisure contro i paesi che lo impongono.

Il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus
Wed ha detto di essere preoccupato per la carenza Dai dati sull’epidemia del governo cinese.

In un briefing giovedì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha affermato che Pechino “condivide costantemente informazioni e dati con la comunità internazionale in modo aperto e trasparente”.

“Al momento, la situazione del COVID-19 in Cina è sotto controllo”, ha detto Mao.

Domenica, molte delle restanti restrizioni, alcune non ancora in vigore, saranno revocate.

“Raccomandiamo a tutti di non tornare nelle proprie città a meno che non sia necessario durante il picco dell’epidemia”, ha dichiarato il governo della contea di Shaoyang nella provincia di Hunan, nella Cina centrale, in un avviso datato giovedì. “Evita di visitare i parenti e di viaggiare tra le regioni. Viaggia di meno”.

Chiamate simili sono state fatte dalla contea di Shuxian nella provincia di Anhui, a sud-est di Pechino, e dalle città di Qingyang nella provincia di Gansu nel nord-ovest e Weifang nello Shandong sulla costa orientale.

I ricorsi, che risalgono agli ultimi anni di dure restrizioni contro la pandemia, hanno mostrato alcuni funzionari ancora preoccupati di revocarli troppo in fretta.

READ  L'Italia rafforza il suo "potere d'oro" su IDE, 5G e tecnologia cloud a causa della crisi in Ucraina | Hogan Lovells

L’avviso del governo di Weifang ha detto che i residenti dovrebbero celebrare la festa con riunioni video e telefoniche.

“Evita di visitare parenti e amici per proteggere te stesso e gli altri”, ha detto.

Nonostante queste preoccupazioni,
Hong Kong ha annunciato che riaprirà Alcuni dei suoi valichi di frontiera con la Cina continentale domenica e consentono a decine di migliaia di persone di attraversare ogni giorno senza essere messe in quarantena.

I posti di blocco del confine terrestre e marittimo della città con la terraferma sono stati in gran parte chiusi per quasi tre anni e la riapertura dovrebbe fornire una spinta tanto necessaria ai settori del turismo e della vendita al dettaglio di Hong Kong.