Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I leader europei devono evitare divisioni che andranno solo a beneficio di Putin

Una gigantesca torcia accesa fuori San Pietroburgo, abbastanza grande da poter essere osservata dalla Finlandia, incarna la sfida dell’Europa con l’arrivo dell’autunno: Vladimir Putin accende il gas mentre il continente si prepara a un inverno di malcontento causato dai prezzi record dell’energia.

L’attacco di Putin all’Ucraina ha portato a casa la necessità di più beni comuni e di un’azione paneuropea, e soprattutto di sicurezza e indipendenza energetica. Rafforza la percezione che stava già penetrando nella coscienza politica grazie alla pandemia e alla crisi climatica.

Ma i prossimi sei mesi metteranno a dura prova le migliori intenzioni dei leader politici ed economici. La necessità di fare di più insieme arriva in un momento in cui i politici patriottici affrontano la tentazione di diventare più egocentrici. I governi dovranno investire più soldi nel bene pubblico poiché le loro economie prenderanno una brutta piega.

In patria, ogni paese sta soffrendo per l’aumento dei prezzi dell’energia e la richiesta di attutire il colpo agli elettori e alle imprese attirerà maggiore attenzione politica. Sarebbe un errore lasciare che il costo della vita distragga dall’aiutare l’Ucraina, poiché è in gran parte causato dall’armamento dei prezzi del gas da parte di Putin. Ma la tentazione di farlo, e la pressione per mettere il tuo paese al primo posto, diventeranno sempre più forti man mano che soffrire di bollette energetiche elevate diventerà più grave.

Poi ci sono frizioni preesistenti che minano la capacità dell’UE di agire insieme. L’erosione dello stato di diritto in Polonia e Ungheria rimane irrisolta. La Commissione Europea ha rifiutato di approvare i piani di risanamento di quest’ultima e ha lanciato un nuovo strumento per fermare anche altri trasferimenti di bilancio a Budapest. Il Piano di Varsavia è stato approvato ma qualsiasi pagamento è stato condizionato a ulteriori concessioni sulla sua riforma giudiziaria politicizzata. La pressione economica può riportare entrambi all’ovile, ma potrebbe anche indurli a svolgere un ruolo più importante nello spoiler.

READ  Recensione Italia 2021: cosa ne pensano gli italiani dell'"effetto Draghi"?

Altrove, lo spettro politico della crisi dell’eurozona sta cominciando a riaffiorare. I dubbi su come l’Italia spenderà i soldi del fondo di recupero non sono lontani dalla superficie. Si sente brontolare sul fatto che Berlino non abbia abbandonato i suoi istinti vacillanti quando si tratta di aiuti finanziari dell’UE all’Ucraina. E in Spagna – che un tempo era gravemente in crisi ma oggi è in una posizione relativamente buona grazie alla sua grande capacità di importazione di gas – i politici fanno fatica a non ribaltare la retorica della vecchia Germania, accusandola di vivere al di sopra dei suoi mezzi (attivi) .

Oltre alla politica, crescono anche le barriere economiche all’azione politica. Conquistare l’Europa dalla manipolazione energetica di Putin richiederà investimenti per collegare meglio le infrastrutture energetiche del blocco. Ma le finanze pubbliche e private stanno per deteriorarsi.

La maggior parte degli indicatori di crescita punta nella direzione sbagliata; Solo slack sarebbe un risultato fortunato. Anche se l’Europa sopravvive alla recessione assoluta, i giochi di gas di Putin la stanno rendendo più povera con ragioni di scambio molto peggiori. La Germania, tra tutti i paesi, ha registrato un deficit commerciale a causa delle costose importazioni di gas. Aggiungete a quell’ortodossia monetaria che chiede alla Banca centrale europea di ridurre la domanda aggregata, abbassare le richieste salariali e frenare la (impressionante) crescita dell’occupazione nell’eurozona.

Questa tempesta perfetta crea inverni di divisione e quindi indecisione. Questo, ovviamente, è l’obiettivo di Putin. L’intera Europa dovrebbe mirare a evitarlo.

È un buon inizio per i leader dell’UE essere pienamente consapevoli della loro difficile situazione. Mentre tutti affrontano crisi energetiche a casa, capiscono le pressioni locali sui loro coetanei. Alcuni stanno cercando di preparare gli elettori per ciò che verrà. Ma ci vorrebbe una grande abilità politica per inviare un messaggio del genere tra coloro che si sono sentiti a lungo esclusi da qualunque esuberanza possa esserci.

READ  Rischio di recessione delle banche centrali

Tra i paesi dell’Unione Europea sono in corso interessanti riconfigurazioni politiche. L’amicizia dell’Ungheria con la Russia ha portato al suo isolamento dalla Polonia. Ciò portò alla neutralizzazione del gruppo di Visegrad, unendosi sia ai cechi che agli slovacchi, spesso in opposizione all’Europa occidentale. I paesi all’estremità settentrionale dell’UE scoprono imbarazzantemente di non poter essere allo stesso tempo falchi della difesa e falchi fiscali: se vogliono maggiori investimenti nella sicurezza dell’Europa, devono essere aperti a maggiori spese congiunte oa vincoli più allentati sui bilanci nazionali.

Questi sono per lo più riferimenti a una politica più coerente. Per raggiungere questo obiettivo e contrastare i piani di Putin, i capi di governo devono resistere ai loro istinti di semplici leader patriottici. Il tanto atteso discorso del cancelliere tedesco Olaf Schulz a Praga lunedì è la migliore opportunità per dare un solido vantaggio. Sarebbe un’esagerazione dire che è un momento di successo o di pausa per il futuro dell’Europa. Ma solo lieve.

[email protected]