Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I leader del team di F1 e la FIA tengono il vertice sulla polemica sulla safety car del GP d’Italia | Formula Uno

I dirigenti senior del team di Formula 1 parleranno con il presidente della FIA Mohammed Ben Sulayem per un vertice lunedì, con il controverso Gran Premio d’Italia di domenica ora in testa all’agenda. Diversi team principal erano furiosi per come è finita la gara dietro la safety car e stanno insistendo che la FIA modifichi i suoi regolamenti per evitare che l’incidente si ripeta.

La gara di Monza è stata vinta da Max Verstappen, che ha dominato ma ha preso la bandiera dietro la safety car. È stata utilizzata a cinque giri dalla fine dopo che la McLaren di Daniel Ricciardo si è fermata in pista. Non sono rimasti abbastanza giri per sgomberare e coprire le vetture, quindi la safety car è tenuta a completare i suoi due giri obbligatori, come da regolamento, per riprendere la gara.

Il vertice sportivo del Campionato del Mondo di Formula 1 era già stato convocato dalla FIA per Monza lunedì, ma ora anticipa gli eventi di domenica. La FIA non ha sbagliato e ha seguito le proprie regole. Dopo la controversa conclusione del GP di Abu Dhabi dello scorso anno, che ha regalato a Lewis Hamilton il suo ottavo titolo, è stata fonte di angoscia per molti quando il direttore di gara della FIA Michael Massi ha rivisto le regole per garantire l’ultimo giro della gara. Auto di sicurezza in ritardo.

Tuttavia, Christian Horner, team principal della Red Bull di Verstappen, ha insistito sul fatto che lo sport deve evitare di finire le gare dietro la safety car e che deve essere affrontato urgentemente dalla FIA.

“Ci sono lezioni da imparare e questo va contro tutti i principi che abbiamo discusso”, ha detto. “Non va bene finire le gare con la safety car e se sanno di non poter andare devono sbandierare la bandiera rossa e farla ripartire. Lunedì si siedono tutti, tutti i team manager. Coinvolto anche il presidente, Sono sicuro che sarà in cima all’agenda.

Anche il team principal della Ferrari, Mattia Pinotto, ha criticato la decisione della FIA, ma Toto Wolff, preside di Hamilton alla Mercedes, ha notato che questa volta la FIA aveva almeno seguito le proprie regole.

“Sono molto contento di vedere un direttore di gara e colleghi che stanno infrangendo le regole contro la pressione dei media, dei tifosi e di tutti”, ha detto. “Quindi almeno Abu Dhabi, in tal senso, ha dato alla FIA una fiducia più concreta per l’applicazione dei regolamenti”.

Tuttavia, ha riconosciuto che la F1 deve trovare un modo più soddisfacente per garantire che le gare siano completate in condizioni di gara, e il modo in cui ciò avvenga è rigorosamente definito nelle regole, che senza dubbio saranno discusse al vertice.

“Penso che dobbiamo tutti sederci e dire che possiamo fare qualcosa di meglio, ma quello che è successo domenica è nel regolamento ed è per questo che è stato utilizzato”, ha detto. “Sarei seduto all’ultimo giro con le macchine ammucchiate l’una sull’altra alla chicane? Sì, buona TV”

READ  Cinque italiani nominati per il Pallone d'Oro 2021