Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I leader del Pacifico raggiungono un accordo fondamentale per ripristinare l’unità politica mentre l’interesse della Cina nella regione accelera | Forum delle Isole del Pacifico

I leader del Pacifico hanno raggiunto un accordo cruciale per prevenire la disintegrazione del principale corpo diplomatico della regione e porre fine a un doloroso stallo che ha minacciato l’unità nella regione per più di un anno.

L’accordo, raggiunto dopo i colloqui tra i leader chiave del Pacifico nelle Fiji, ripristina l’unità Forum delle Isole del Pacifico In un momento critico, l’interesse della Cina nella regione ha visto un “aumento del ritmo”, mettendo la regione al centro di una lotta geopolitica.

David Panuelo, presidente della federazione, ha affermato che l’accordo, che vedrà gli Stati micronesiani rimanere nel forum, piuttosto che uscire come previsto a fine giugno, ha sollevato “la grande nuvola scura che incombeva sull’Oceano Pacifico”. Stati della Micronesia.

Il ripristino dell’unità del PIF arriva in un momento in cui il Pacifico è stato oggetto di intenso interesse geopolitico, a seguito delle visite del nuovo ministro degli Esteri australiano Penny Wong alle Fiji, Samoa e Tonga nelle sue prime due settimane di lavoro e una maratona nella regione . Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi.

Durante la sua visita, Wang ha firmato molti accordi con i paesi del Pacifico, ma Non è riuscito a persuadere i paesi del Pacifico a firmare un accordo globale economico e di sicurezza regionale.

I leader del Pacifico hanno rifiutato l’accordo, dove il Primo Ministro delle Samoa, Fiami Naomi Matava, ha affermato che avrebbe dovuto essere sollevato nel PIF, non in una riunione sussidiaria. La Cina dovrebbe provare a presentare una versione rivista dell’accordo alla riunione del Fondo di investimento pubblico il prossimo mese.

Tuttavia, deve affrontare una dura opposizione nel Fondo per gli investimenti pubblici, anche dal blocco della Micronesia, sede di tre delle quattro nazioni del Pacifico che riconoscono Taiwan diplomaticamente e non hanno legami con la Cina.

Il Forum delle Isole del Pacifico, attualmente presieduto dal primo ministro delle Figi Frank Bainimarama, è diviso dal febbraio 2021 sulla scelta del capo del suo segretariato.

Cinque paesi della Micronesia, gli Stati Federati di Micronesia, Palau, le Isole Marshall, Kiribati e Nauru Hanno indicato la loro intenzione di lasciare il Fondo di investimento pubblico alla fine di giugnodopo che il candidato della Micronesia a Segretario generale del Fondo per gli investimenti pubblici è stato sconfitto in un voto controverso e teso da Henry Bona, delle Isole Cook, un paese polinesiano.

Il blocco della Micronesia ha sostenuto che esisteva un valido “nobile accordo” nel senso che la funzione suprema dovrebbe essere condivisa tra candidati polinesiani, melanesiani e micronesiani e che la Micronesia era stata aggirata.

Il governo australiano ha portato in aereo Banuelo e Surangel Webs Jr., il presidente di Palau, alla Suva all’inizio di questa settimana per un incontro ad alto livello con Bainimarama e altre figure politiche chiave della regione. Era presente anche l’inviato delle Isole Marshall.

L’accordo raggiunto dal gruppo vede i leader micronesiani rinunciare alle loro richieste che Bona si dimetta immediatamente da Segretario generale. Invece, sconterà il suo mandato, che scade nel 2024, a quel punto sarà sostituito da un candidato micronesiano.

I leader hanno anche deciso di formalizzare l’accordo tacito e di ruotare la leadership del PIF attraverso Melanesia, Polinesia e Micronesia, per evitare di nuovo disaccordo sulla questione e per fornire una maggiore rappresentanza per la Micronesia, inclusa la creazione di un nuovo ufficio PIF. In una nazione della Micronesia, la carica di Commissario per il Pacifico è stata trasferita alla Micronesia.

Tutti i leader del Pacifico devono ancora ratificare formalmente l’accordo quando si incontreranno alla riunione dei leader del Forum delle Isole del Pacifico, che è stata posticipata più volte e ora è prevista per metà luglio. Questa sarà la prima volta che i leader si incontrano di persona dal 2019, a causa del COVID.

Panuelo ha affermato che è fondamentale firmare rapidamente l’accordo per il bene dell’unità nel Pacifico.

“In questi tempi, penso che questo sia molto importante per affrontare sostanzialmente il cambiamento climatico, la salute delle nostre nazioni, il Continente Blu e il Pacifico e, naturalmente, la geopolitica all’interno della regione”, ha affermato il presidente Panuelo.

Il successo dell’incontro alle Fiji ha dimostrato l’importanza della diplomazia faccia a faccia e che i leader micronesiani sentivano che il resto delle nazioni del Pacifico aveva sentito parlare, ha affermato Surangel Webs Jr., presidente di Palau.

“È sempre stata una preoccupazione per la Micronesia il fatto che non sia così completa come dovrebbe essere. Quindi questo dimostra davvero che la regione del Pacifico ha ascoltato ciò che ha detto la Micronesia e sono disposte a lavorare insieme per renderla ancora più forte”.

Bainimarama ha rilasciato un comunicato dopo l’incontro affermando di aver “riaffermato il valore e l’importanza del ns Talanoa La nostra Pacific Way e ha rappresentato un primo passo importante verso il ricongiungimento della nostra famiglia del Pacifico”.

“Sono molto contento dei progressi compiuti e del riconoscimento condiviso tra i miei colleghi leader, che la nostra famiglia Forum è la più forte insieme”.

READ  L'Australia resta indietro con le mascherine: gli esperti affermano che ora servono i respiratori