Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I leader del Pacifico hanno dichiarato una “emergenza climatica” in una dichiarazione del Fondo per gli investimenti pubblici, applaudendo la mossa dell’Australia di aumentare il proprio obiettivo di riduzione delle emissioni

L’Australia sembra pronta a firmare una dichiarazione congiunta dei leader del Forum delle Isole del Pacifico che dovrebbero dichiarare una “emergenza climatica” e chiedere tagli rapidi e profondi delle emissioni di gas serra per frenare il riscaldamento globale.

La dichiarazione – approvata da tutti i leader del Pacifico dopo il loro incontro a Suva – deve ancora essere resa pubblica, ma si opponeva anche agli sforzi di Vanuatu per ottenere una richiesta delle Nazioni Unite per chiedere alla Corte internazionale di giustizia di emettere un parere consultivo sul caso legale. Le conseguenze del cambiamento climatico.

Ha elogiato la mossa del governo albanese di aumentare l’obiettivo di riduzione delle emissioni dell’Australia, ma ha offerto solo una breve indicazione della sua spinta a ospitare una conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici con le nazioni insulari del Pacifico, dove i leader del Pacifico hanno accolto favorevolmente l’idea.

In una conferenza stampa dopo il forum, il primo ministro delle Fiji Frank Bainimarama ha detto che “vorrebbe vedere la COP [UN climate conference] Vieni nel Pacifico”, ma ha aggiunto che i negoziati sono stati “determinati da ciò che producono più di… da dove si svolgono”.

Il Forum delle Isole del Pacifico ha anche pubblicato la sua Strategia Blue Pacific 2050, che emette una nota urgente sui cambiamenti climatici e chiede ripetutamente un’azione accelerata e drastica per ridurre le emissioni.

Bainimarama ha anche inviato un messaggio chiaro all’Australia, dicendo sui social media di aver esortato il signor Albanese a presentare obiettivi più ambiziosi coerenti con la limitazione dell’aumento della temperatura a 1,5 gradi.

Caricamento in corso

Ma il signor Albanese ha affermato che la regione del Pacifico ha accolto in modo schiacciante la promessa del Labour di aumentare l’ambizione cercando di ridurre le emissioni del 43% entro il 2030 e ha affermato che nessuno dei leader che ha incontrato gli ha fatto pressioni per eliminare gradualmente nuovi progetti di petrolio e gas.

“Quello che devi fare è avere un piano reale con una linea temporale reale. Questo è quello che abbiamo.”

Il Primo Ministro ha anche osservato che la dichiarazione conclusiva del Forum direbbe che i leader hanno accolto con favore il rinnovato impegno dell’Australia a ridurre le emissioni, descrivendolo come un chiaro avallo della posizione del suo governo.

“Si è riflesso anche in tutte le conversazioni personali che ho avuto con i primi ministri e altri leader dei nostri vicini delle isole del Pacifico”, ha detto.

Caricamento in corso

Continui tentativi di riparare le crepe nelle formulazioni in polvere

Tutti i leader del Pacifico presenti alla riunione hanno anche firmato l’Accordo Suva, che mira a ripristinare l’unità politica all’interno del forum dopo che è scoppiata una devastante lite per la fallita candidatura della Micronesia a Segretario generale.

Kiribati ha inferto un duro colpo al forum quando ha annunciato nel fine settimana che non avrebbe firmato l’accordo SOFA e si sarebbe ritirato immediatamente dal corpo.

I leader del Pacifico, incluso il signor Bainimarama, hanno trascorso giorni cercando senza successo di raggiungere il presidente di Kiribati per convincerlo a cambiare idea.

Albanese ha detto che c’è stata una svolta giovedì pomeriggio quando il signor Bainimarama ha potuto parlare al telefono con il presidente Tanetti Mamau, che ha indicato di rimanere aperto a riconsiderare la sua decisione.

Caricamento in corso

Cenni sugli sforzi diplomatici della Cina nella regione

Non si prevede che ci saranno riferimenti specifici alla Cina nella dichiarazione finale. Tuttavia, il signor Albanese ha affermato che il documento indicherebbe chiaramente l’importanza di assicurarsi che il Pacifico abbia la responsabilità primaria della sua sicurezza e chiarirebbe che gli accordi che portano molte nazioni del Pacifico non dovrebbero emarginare il Forum delle Isole del Pacifico.

Questo è in parte un riferimento allo sforzo controverso della Cina di firmare un accordo globale di sicurezza regionale con 10 paesi durante la visita del ministro degli Esteri cinese Wang Yi nella regione a maggio.

READ  Donald Trump attacca Joe Biden mentre il panel del 6 gennaio cerca documenti importanti