Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I leader del G7 concordano su vaccini, Cina, imposta sulle società | corporate Notizie, sport, lavoro

CARBIS Bay, Inghilterra (AP) – I leader del Gruppo dei sette paesi ricchi oggi hanno manifestato le loro richieste per liberare il mondo dalla pandemia e dalla crisi del coronavirus, impegnando oltre un miliardo di dosi del vaccino contro il coronavirus per i paesi poveri, impegnandosi ad aiutare i paesi in via di sviluppo crescere. Con la lotta ai cambiamenti climatici e il sostegno alle tasse minime sulle multinazionali.

Nel primo incontro faccia a faccia del gruppo in due anni, i leader hanno commentato le promesse a sostegno della salute globale, dell’energia verde, delle infrastrutture e dell’istruzione, il tutto per dimostrare che la cooperazione internazionale è tornata dopo le turbolenze causate dalla pandemia e l’imprevedibilità dell’ex Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Durante il loro vertice di tre giorni nel sud-ovest dell’Inghilterra, i leader del Gruppo dei Sette nazioni industrializzate hanno voluto trasmettere che il club delle democrazie ricche – Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – è un migliore amico delle nazioni povere. da concorrenti autoritari come la Cina.

“Non si tratta di imporre i nostri valori al resto del mondo”, ha detto ai giornalisti il ​​primo ministro britannico Boris Johnson alla fine del vertice costiero sulla frastagliata costa della Cornovaglia. “Quello di cui abbiamo bisogno come G7 è dimostrare i benefici della democrazia, della libertà e dei diritti umani al resto del mondo”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, durante il suo primo viaggio all’estero come leader, ha affermato che è stato un “incontro eccezionale, collaborativo e produttivo” che ha dimostrato “il ritorno dell’America negli affari di guidare il mondo al fianco di nazioni che condividono i nostri valori più duraturi”.

Ma i sostenitori della salute e dell’ambiente non sono stati chiaramente impressionati dai dettagli nella dichiarazione di chiusura dei leader.

“Il vertice del G7 sarà in rovina”, ha affermato Max Lawson, capo della politica di disuguaglianza presso l’organizzazione di aiuto internazionale Oxfam. “Di fronte alla più grande emergenza sanitaria in un secolo e a una catastrofe climatica che sta devastando il nostro pianeta, non sono riusciti ad affrontare le sfide del nostro tempo”.

READ  Risposte Cruciverba NYT: Il gioco si gioca su un campo di 91 x 13

Nonostante l’appello di Johnson a “vaccinare il mondo” entro la fine del 2022, la promessa di fornire 1 miliardo di dosi ai paesi affamati di vaccini – provenienti direttamente e attraverso donazioni al programma internazionale COVAX – è ben lontana dagli 11 miliardi di dosi. L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che è necessario vaccinare almeno il 70% della popolazione mondiale e debellare veramente l’epidemia.

La metà dell’impegno di 1 miliardo di dosi proviene dagli Stati Uniti e 100 milioni dalla Gran Bretagna. Il Canada ha detto che fornirà anche 100 milioni di dosi e la Francia ha promesso 60 milioni. In tutto, i leader hanno affermato di aver promesso 870 milioni di dosi “direttamente nel prossimo anno”, con ulteriori contributi che rendono il totale “equivalente a più di un miliardo di dosi”.

L’ex primo ministro britannico Gordon Brown ha affermato che la mancanza di un piano di vaccinazione più ambizioso è un “imperdonabile fallimento morale”.

Ma Biden ha affermato che i leader erano chiari sul fatto che gli impegni presi per donare le dosi non sarebbero stati la fine. Il presidente degli Stati Uniti ha affermato che sparare in tutto il mondo è stato un “enorme sforzo logistico” e che l’obiettivo potrebbe non essere raggiunto fino al 2023.

Il G7 ha anche sostenuto una tassa minima di almeno il 15% sulle grandi multinazionali per impedire alle aziende di utilizzare i paradisi fiscali per evitare le tasse, una mossa che gli Stati Uniti hanno sostenuto.

Biden voleva anche persuadere i colleghi leader democratici a presentare un fronte più unito per competere economicamente con Pechino e invocare “le politiche cinesi non di mercato e le violazioni dei diritti umani”.

READ  La finale di Coppa Italia sarà tra Atalanta e Juventus con il pubblico

Il linguaggio sulla Cina nella dichiarazione dei leader del G7 durante l’incontro è stato più tenue di quello utilizzato dagli Stati Uniti, ma Biden si è detto soddisfatto. Per quanto riguarda il comportamento economico della Cina, il gruppo ha affermato che “si consulterà su approcci collettivi per sfidare le politiche e le pratiche non di mercato che minano il funzionamento equo e trasparente dell’economia globale”.

I leader hanno anche affermato che rafforzeranno i loro valori invitando la Cina a rispettare i diritti umani e le libertà fondamentali nello Xinjiang, dove Pechino è accusata di massicce violazioni dei diritti umani contro la minoranza uigura, e nella città semi-autonoma di Hong Kong.

Non tutte le potenze europee hanno visto la Cina come una luce dura come Biden, che ha dipinto la rivalità tecno-stato come la competizione decisiva del ventunesimo secolo.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato: “Il G7 non è un club anti-cinese”. “È un gruppo di democrazie che (lavorerà) con la Cina su tutte le questioni globali e la Cina è disposta a lavorare con noi”.

Johnson, l’ospite del summit, voleva che l’incontro di tre giorni alzasse la bandiera della “Global Britain”, la spinta del suo governo per dare al paese di medie dimensioni, appena separato dall’Unione Europea, un’influenza globale enorme.

Tuttavia, la Brexit ha messo in ombra questo obiettivo durante il vertice sulla costa del sud-ovest dell’Inghilterra. I leader dell’Unione Europea e Biden hanno espresso preoccupazione per i problemi con le nuove regole commerciali tra il Regno Unito e l’Unione Europea che hanno accresciuto le tensioni nell’Irlanda del Nord.

Ma nel complesso, l’atmosfera è stata positiva: i comandanti hanno sorriso alle telecamere sulla spiaggia del villaggio sulla scogliera di Carbis Bay, un villaggio e resort che è diventato una fortezza piena di traffico per l’incontro.

READ  Come gli occhi di Soccer Elite si separano senza rompersi: QuickTake

Johnson ha descritto Biden come “una boccata d’aria fresca”. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha affermato che il presidente “voleva ricostruire quelle che erano state le tradizionali alleanze degli Stati Uniti dopo il periodo Trump, durante il quale quelle alleanze erano state gravemente fratturate”.

Biden è volato dalla vetta di Carbis Bay per prendere un tè con la regina al Castello di Windsor. Lunedì dovrebbe partecipare a un vertice della NATO a Bruxelles e mercoledì a Ginevra avrà colloqui con il leader russo Vladimir Putin.

Il G7 ha anche rilasciato dichiarazioni ambiziose durante i suoi incontri sull’istruzione delle ragazze, la prevenzione di future epidemie e il finanziamento di infrastrutture più verdi a livello globale.

Sul cambiamento climatico, il piano “Building Back Better for the World” promette di fornire finanziamenti alle infrastrutture – “dalle ferrovie in Africa ai parchi eolici in Asia” – per aiutare ad accelerare la transizione globale verso le energie rinnovabili. Il piano arriva in risposta all’iniziativa cinese “Belt and Road”, che ha aumentato l’influenza di Pechino nel mondo.

Tutti i paesi del G7 si sono impegnati a raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050, ma molti ambientalisti affermano che sarebbe troppo poco, troppo tardi.

Il naturalista David Attenborough si è rivolto oggi ai leader tramite video, avvertendo che l’umanità è “sul punto di destabilizzare l’intero pianeta”.

“Se è così, allora le decisioni che prendiamo in questo decennio – in particolare quelle prese dalle nazioni economicamente più avanzate – sono le più importanti nella storia umana”, ha affermato il documentarista veterano.

Copyright 2021 Associated Press.

Le ultime notizie di oggi e altro ancora nella tua casella di posta