Agosto 15, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I lavoratori della Gig economy ottengono i diritti dei lavoratori in base alle proposte dell’UE | economia del partito

Le società di concerti economici che operano nell’UE, come Uber e Deliveroo, devono garantire che i lavoratori ricevano salari minimi, indennità di malattia, ferie e altri diritti di lavoro nell’ambito dei piani per nuove leggi per eliminare il falso lavoro autonomo.

La Commissione europea, che giovedì ha pubblicato un disegno di legge tanto atteso, ha affermato che l’onere della prova sullo stato di occupazione si sposterà sulle aziende, non sulle persone che lavorano per loro. Fino ad ora, i lavoratori della gig economy hanno dovuto andare in tribunale per dimostrare di essere occupati, o rischiano di vedersi negati i diritti fondamentali.

Nicholas Schmidt, commissario dell’UE per il lavoro ei diritti sociali, ha dichiarato al Guardian e ad altri giornali europei che le piattaforme Internet “hanno utilizzato aree grigie nella nostra legislazione”. [and] Tutte potenziali ambiguità” per sviluppare i propri modelli di business, portando alla “errata classificazione” di milioni di lavoratori.

Le imprese che non hanno consentito alle persone di lavorare per altre imprese, o che hanno regole sull’aspetto e sulle modalità di esecuzione delle attività, possono essere classificate come datori di lavoro, secondo le proposte, secondo i criteri utilizzati per determinare la condizione lavorativa. Le nuove regole non si applicheranno agli appaltatori veramente indipendenti.

Nei 27 Stati membri dell’Unione Europea, circa 5,5 milioni di lavoratori sono erroneamente classificati come autonomi, quando dovrebbero essere trattati come dipendenti con benefici e tutele, come l’assicurazione contro gli infortuni, secondo la commissione. Le imprese dovranno solo pagare il salario minimo, dove già esistono. Circa 28 milioni di persone lavorano su piattaforme nell’Unione europea, ma si prevede che tale numero raggiungerà i 43 milioni entro il 2025.

Le proposte sono un tentativo di fornire certezza giuridica, dopo che ai tribunali europei è stato chiesto di dirimere circa 100 controversie che coinvolgono società di economia del lavoro interinale. Francia, Italia, Spagna, Grecia e Portogallo hanno inasprito le leggi locali, ma i funzionari dell’UE ritengono che nessun governo abbia affrontato completamente il problema.

Dalla Brexit, il governo del Regno Unito non si è impegnato a seguire le leggi dell’UE, mentre i giudici devono elaborare il diritto del lavoro per una nuova generazione di società Internet. Nel 2016, il tribunale del lavoro ha stabilito che gli autisti Uber non sono lavoratori autonomi e devono guadagnare il salario minimo, una sentenza confermata dalla Corte suprema a febbraio.

Tim Sharp, responsabile della politica sui diritti del lavoro del TUC, ha affermato che non c’è stato alcun “intervento significativo del governo nel Regno Unito” per affrontare quelli che i sindacati consideravano aspetti abusivi e problematici del lavoro della piattaforma.

“Se si vede che l’UE sta adottando un approccio forte nei confronti degli operatori di piattaforme, penso che ci sarà maggiore pressione sul governo qui affinché adotti misure per proteggere i lavoratori vulnerabili”, ha affermato.

Le proposte dell’UE saranno modificate dai ministri nazionali e dai membri del Parlamento europeo prima di diventare legge.

Schmidt, un ex ministro del lavoro nel suo paese natale, il Lussemburgo, ha affermato che alcuni servizi potrebbero costare “un po’ di più”, ma ha affermato che la comodità del consumatore non dovrebbe andare a scapito dei lavoratori.

Ha detto che i servizi, come la consegna di cibo, non erano gratuiti. “Non mi viene in mente se qualcuno mi porta la pizza a casa alle 23… e che non dovrei pagarla io. Questo è un servizio. E se è un servizio, anche chi fa il servizio ha diritti”.

Secondo la direttiva, i lavoratori acquisiranno anche il diritto agli algoritmi, per fermare le situazioni in cui alle persone viene negato il lavoro, l’orario di lavoro o addirittura i licenziamenti a seguito di decisioni prese dalle macchine. Invece, i lavoratori avranno il diritto di ricevere e contestare spiegazioni per decisioni automatizzate, mentre le aziende devono garantire l’accesso a un contatto umano per tutto ciò che potrebbe avere un impatto significativo su una persona.

Ludovic Voig della Confederazione europea dei sindacati ha affermato che la direttiva dovrebbe “segnalare un libero a tutti” per aziende come Uber, Deliveroo e altre. “Per troppo tempo”, ha detto, “le società della piattaforma hanno realizzato enormi profitti eludendo i loro obblighi di base come datori di lavoro a spese dei lavoratori, promuovendo al contempo le bugie che offrivano ai lavoratori una scelta”.

Le aziende che operano nell’economia del lavoro autonomo hanno adottato approcci diversi. Just Eat Takeaway, un’azienda olandese che è una delle più grandi aziende di consegna di cibo al mondo, L’anno scorso è stato annunciato che i lavoratori temporanei sarebbero diventati dipendenti privilegiati.

MoveEU, un organismo che rappresenta le app di trasporto, come Uber, ha sostenuto che l’azione dell’UE potrebbe costare posti di lavoro. “Il lavoro sulla piattaforma è molto vario e un approccio unico per tutti può avere un peso sul modello di business della piattaforma e in definitiva avere un impatto negativo su molti dei liberi professionisti che dipendono da esso”, ha affermato in un recente documento.

George Mayer, specialista in tecnologia digitale presso la London School of Economics, ha affermato che le aziende devono adattarsi per sopravvivere sui mercati. “Per molte di queste piattaforme, poiché si rendono conto che il loro modello non è redditizio, c’è una grande domanda su quale cambiamento possono apportare e quali no”.

“Abbiamo visto alcune prove di piattaforme che cercano di aggirare la stretta stretta della regolamentazione modificando il loro modello di business. L’alternativa è ritirarsi da un paese in cui non vedono un futuro redditizio”.

Questo articolo è stato modificato il 9 dicembre 2021. Il testo che era stato rimosso in fase di redazione è stato ripristinato al fine di chiarire i criteri in base ai quali le aziende possono rientrare nelle proposte UE.

READ  Il denaro facile continuerà fino a quando l'economia non raggiungerà i suoi obiettivi