Febbraio 8, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I giovani si riuniscono per parlare del cambiamento climatico a scuola

Le questioni ambientali come il cambiamento climatico sono sufficientemente trattate a scuola? No, discuti gli studenti che intendono far accadere le cose. Hanno istituito un comitato sulla questione, composto da insegnanti e dall’Associazione per l’educazione scientifica e tecnologica del Quebec (AESTQ), che sta conducendo una campagna per rivedere la formazione.

Fa parte del programma elettivo di Scienze e tecnologie ambientali di 4 annie scuola secondaria di Marie Malthes e Olivier Cloutier, ora studenti di 5 annie Il liceo della scuola privata Mont-Saint-Sacrement di Saint-Gabriel-de-Valcartier, ha scoperto che questo argomento veniva discusso raramente.

Ne abbiamo parlato due volte per una decina di minuti, preparandoci all’esame di ministero. “Il contenuto è datato”, afferma Olivier Cloutier. “In una classe normale, ci sono meno questioni ambientali trattate”, aggiunge Marie Malthis.

Parlando con altri studenti, hanno scoperto che l’interesse c’era e che molti non sapevano dove trovare le informazioni. I due giovani sperano di convincere il ministro dell’Istruzione, Bernard Drinville, a rivedere il curriculum della formazione scientifica.

“un sacco di domande”

Oltre a organizzare incontri in piccoli gruppi per misurare il polso, i due giovani si sono rivolti alle scuole per pubblicare un sondaggio online che hanno sviluppato con l’aiuto di Daniel R. Ross, professore ordinario del dipartimento di ingegneria. Meccanico della Faculty of Technology supérieure (ETS) e membro del comitato. Gli alunni delle scuole primarie e secondarie hanno risposto con un totale di 638 partecipanti.

La metà degli intervistati della scuola secondaria ha affermato di non essere sufficientemente consapevole in classe del cambiamento climatico e il 70% degli studenti della scuola primaria vorrebbe avere maggiori informazioni a scuola su questo argomento. E costituiscono il 62% del livello primario preoccupato per le perturbazioni meteorologiche, rispetto al 57% del livello secondario. Marie Malthis e Olivier Cloutier intendono diffondere maggiormente la loro indagine con l’aiuto dei Centri di servizi scolastici. Hanno anche in programma di trasmetterlo agli studenti universitari.

READ  Ipnosi medica: nuove indicazioni convalidate dalla scienza

“Fenomeni come temporali o sbalzi di temperatura, che si avvertono quotidianamente, risaltano molto. Ci sono molte domande. Scivola Mary Maltese, che crede che i giovani dovrebbero essere meglio attrezzati.

Programma di 20 anni

Programma di scienza e tecnologia, insegnato a studenti dalle elementari alle terziariee La storia del liceo risale a vent’anni fa, aggiunge Camille Turcotte, direttore generale di AESTQ.

Il programma è fondamentalmente ben fatto e permette a chi lo desidera di insegnare materie che, come tu affermi, non sono previste, ma ci sono delle lacune. “La scienza si sta sviluppando molto più velocemente del software. 20 anni fa, non ne avremmo parlatoIntelligenza artificiale. Abbiamo parlato di ambiente, ma molto poco di cambiamento climatico”, afferma.

Secondo lei, le materie dei programmi scientifici e tecnologici dovrebbero essere riconsiderate. “Ora è il momento della revisione. Anche gli insegnanti devono essere consapevoli delle loro conoscenze per interessare i loro studenti alle questioni attuali. Abbiamo diversi segnali sul campo che mostrano che i giovani sono preoccupati per questi problemi”, afferma Camille Turcotte.

Circa 570 membri di AESTQ sono stati intervistati per determinare le loro esigenze di formazione continua in merito al cambiamento climatico. Hanno risposto in totale 272 persone, il che dimostra che, secondo lei, questa è una preoccupazione per la comunità.

Sebbene gli studenti siano in grado di trovare informazioni su Internet o attraverso i media, è molto utile discutere del cambiamento climatico in classe, secondo voi. “C’è il problema della disinformazione, qualsiasi giovane su internet può trovarsi in una bolla di cattiva informazione. La scuola serve a educare i giovani. E anche a renderli cittadini informati, con spirito critico, ben attrezzati per mettersi in gioco il volto delle questioni sociali, confrontando le idee con i propri coetanei”.

READ  Claire Samson non si candiderà per il Partito conservatore in Quebec

Camille Turcotte osserva che il Ministero dell’Istruzione del Quebec (MEQ) sta attualmente implementando un processo di revisione del programma semplificato. Spera che la scienza e la tecnologia siano la prima cosa che il ministero prenderà in considerazione.

Da parte loro, Marie Malthes e Olivier Cloutier vorrebbero vedere l’aggiunta di seminari sul cambiamento climatico e intendono continuare i loro sforzi per scoprire cosa i giovani vorrebbero vedere come cambiamenti. Vogliono creare una rete di studenti a partire dal prossimo gennaio.

Il direttore esecutivo di AESTQ è entrato a far parte del loro comitato, istituito la scorsa primavera dopo aver ricevuto un articolo di Marie Maltese su questi temi e averlo pubblicato sulla rivista dell’associazione. Ne fanno parte anche professori dell’Università del Quebec a Rimouski. Tra loro c’era il padre di Marie, Martin Malthes, un noto specialista che lavorava al Ministero dell’Istruzione e che le diede una mano.

progetto pilota

Da parte sua, Daniel R. Ross ha scelto di non dirigere un capo della ricerca, ma piuttosto di impegnarsi nella realizzazione di progetti a sostegno della commissione.

“Noi di ETS stiamo preparando un programma di formazione specifico per presidi e insegnanti in pratica e formazione nelle scuole private e pubbliche del Quebec. Questo sarà chiamato Key Environmental Issues”, spiega. Spera di avere una prima coorte nel 2024.

Il centro servizi scolaire Marguerite-Bourgeoys sull’isola di Montreal ha mostrato interesse a realizzare un progetto pilota in questo senso. Il primo passo del progetto sarà quello di intervistare gli insegnanti, tutte le materie messe insieme, per avere un’idea di cosa vorrebbero che si insegnasse sul cambiamento climatico.

Il ministero dell’Istruzione risponde

READ  Intelligenza artificiale nella salute: una "coalizione" ambiziosa

Da parte sua, il ministero dell’Istruzione lo ha indicato, venerdì Dovrebbero Questo lavoro è attualmente in corso in relazione alla modernizzazione dei programmi di studio nell’istruzione generale per i giovani, con l’obiettivo di unificarli, ed è stata organizzata una consultazione.

“La costante riflessione del dipartimento permette anche di pensare al programma di scienze nella formazione generale dei giovani, scriviamo. Il dipartimento è consapevole che il suo programma affronta temi che sono diventati più attuali rispetto a quando il programma è stato creato in un modo meno sostenibile. »

È stato stabilito che il monitoraggio è in corso e le informazioni pertinenti vengono raccolte in vista della revisione del programma. La tempistica di questa riforma non è ancora stata determinata, ma potrebbe avvenire nel “breve o medio termine”, afferma il rapporto.

Non esiste un corso obbligatorio sui cambiamenti climatici, ma il ministero aggiunge che nel nuovo programma Cultura e Cittadinanza del Québec riguarderà in particolare le questioni ambientali.

Vediamo nel video