Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I giovani italiani dominano l’Open di Francia. Non hanno idea del perché.

Anche loro non giocano come Fognini. Fognini è una classica punta da trapano. Vaga per la corte, prendendosi il suo tempo prima di servire o tornare. Taglierà, prenderà a pugni e colpirà il dritto nello stesso punto, aspetterà il minimo slot e poi si avventerà.

Giovedì, Sinner ha giocato come sempre. Per tutto il pomeriggio, un altro italiano, numero 87° Gianluca Mager, ha attaccato dalla metà posteriore del campo con frecce a bordo campo.

A guidare il suo servizio in forte espansione, Berrettini, che è alto 6 piedi e 5, ha un clock a 146 mph. Si fa strada in campo e segna molti punti in rete. Ha anche un tiro da dietro molto efficace.

Musetti è potente quasi ovunque sul campo, con un rovescio a una mano da museo, un bel calcio basso-alto che fa volare via la palla dalla sua racchetta. I concorrenti sembrano aver vinto un punto dopo averlo avvitato in profondità nel suo didietro e poi hanno finito per guardare un laser affondare nell’angolo.

“Ha preso un sacco di tiri”, ha detto Stefanos Tsitsipas, il greco, quinto al mondo, di Musseti dopo averlo battuto in Messico a marzo. “Deve solo lavorare un po’ di più per inviarlo.”

Mussetti ha detto di aver passato la maggior parte della primavera a farlo, cercando di renderlo meno prevedibile.

Il lavoro sembra dare i suoi frutti. Musetti non ha ancora perso un set qui. Al terzo set di giovedì, il suo avversario giapponese, Yoshihito Nishioka, aveva sei anni più di lui, calciava la racchetta nel fango e lanciava il cappello.

“Non sto cercando di spiegarlo”, ha detto Mussetti dopo la vittoria. Affronta, tra gli altri, un altro italiano, 83° testa di serie Marco Cecchinato, al terzo turno.

READ  Questo Para Atelier argentino insegna ai ragazzi italiani a schivare l'epidemia