Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I gatti atterrano sempre in piedi? falso


Questo articolo fa parte di una rubrica rilevatore di vociClicca qui per altri testi.


girarsi

Il gatto deve a lui la capacità di atterrare in piedi riflesso destro, una capacità innata che permette a tutti i gatti (così come a molti altri mammiferi come conigli e roditori) di orientarsi per atterrare in piedi. Quando un gatto cade o salta da un luogo elevato, usa il suo occhio e il suo apparato vestibolare (un sistema di equilibrio che si trova nell’orecchio interno) per distinguere tra la parte superiore e quella inferiore. Quindi ruota la testa per affrontare il suolo mentre i suoi baffi – e i suoi occhi – gli mostrano quanto è lontano.

Osservando il movimento al rallentatore, possiamo vedere che Il gatto piega il corpo In modo che la metà anteriore ruoti attorno a un asse diverso rispetto alla metà posteriore. Piega le zampe anteriori ed estende le zampe posteriori. Ciò gli consente di ruotare la parte anteriore del corpo di circa il 90% e la parte posteriore del 10%. Quindi le zampe anteriori sono allungate, le zampe posteriori sono piegate. A seconda della flessibilità e dello slancio del gatto, questi movimenti Potere ripetuto più di una volta per ruotare di 180 gradi.

Se tutto va bene, le gambe dovrebbero prima atterrare a terra per ridurre l’impatto e fungere da molla. Tuttavia, il gatto impiega tempo per iniziare questi movimenti, quindi se la caduta è troppo breve, potrebbe non avere il tempo di girarsi.

Un gattino sviluppa quello che viene chiamato un rene “inclinato lateralmente” non appena raggiunge le tre o quattro settimane e lo padroneggia da sette settimane.

READ  Gli operatori sanitari ricevono una formazione prima dell'arrivo del vaccino Pfizer

Domanda di anatomia

Il gatto deve questo riflesso corretto alla sua anatomia. Ha clavicole fluttuanti, che lo aiutano a correggere la sua postura in caso di caduta, e la sua colonna vertebrale è estremamente flessibile, poiché chiunque ha visto il suo gatto scivolare in posti improbabili. Con le sue 30 vertebre, consente una maggiore libertà di movimento rispetto agli umani, che ne hanno solo 24.

I gatti possono anche fare affidamento sul loro peso ridotto, sullo scheletro leggero e sul pelo spesso per rallentare la caduta, mitigando così l’impatto. Alcuni gatti addirittura “appiattiscono” i loro corpi, come un baldacchino, per creare più resistenza all’aria. Il velocità media del gatto Può raggiungere i 97 km/h (valore che tiene conto della gravità, della resistenza al vento e del peso) al momento dell’impatto, rispetto ai 193 km/h dell’uomo adulto medio. Questa velocità si ottiene durante una caduta di 5 piani o più.

l’altezza conta

Tuttavia, questa reazione ha i suoi limiti: permette ai gatti di sopravvivere al 90% delle cadute dagli edifici, tuttavia, non sempre ne escono illesi. Studi su gatti caduti da un grattacielo hanno dimostrato che l’incidenza aumenta in modo direttamente proporzionale all’altezza della caduta… fino al settimo piano.

Non sorprende che le ferite feline cadute dal secondo piano fossero meno importante I gatti sono scesi dal sesto, ma il tasso di sopravvivenza e la gravità delle lesioni ai gatti scesi dall’alto erano gli stessi indipendentemente dal fatto che fossero caduti o meno. settima o 32NS pavimentoSecondo uno studio pubblicato nel 1987. Un gatto è caduto da 32NS Anche dal pavimento è sfuggito solo un dente rotto e un piccolo foro nel polmone. Come riassunto da uno Articolo pubblicato nel 2019, il 45% dei gatti che hanno avuto valutazioni ortopediche e articolari non ha mostrato lesioni, anche dopo una caduta di quattro piani.

READ  7 benefici scientificamente provati del miele

Paradossalmente, un gatto che cade dal primo piano di un edificio (circa 2,5 metri) ha meno probabilità di fuggire illeso rispetto a un gatto che cade da un piano più alto. Questo perché la distanza, pur cadendo da uno o due piani, non è sufficiente per consentire al gatto di stare in piedi: rischia così di ferire la colonna vertebrale, il bacino e il muso. Spiega anche perché i gatti non cadono sempre dall’armadio sulle zampe.

Tutto dipende da come il gatto ha ricevuto la sua caduta. Chi cade dal secondo al settimo piano cade quasi sempre in piedi. Quando cadono dall’alto, invece di allungare le gambe verso il basso, le allargano come paracadutisti e cadono a pancia in giù. Mentre questo metodo di atterraggio salva le loro vite, impedisce loro di assorbire correttamente le cadute, il che spiega la concentrazione di lesioni al torace, ai polmoni e al muso osservate negli studi.

Quindi i gatti possono ferirsi, anche quando cadono in piedi, soprattutto se l’altezza della caduta è troppo bassa per potersi capovolgere o se incontrano ostacoli durante la caduta. I gatti più anziani o in sovrappeso possono anche avere difficoltà a raddrizzarsi in caso di caduta.

Regola

Con la giusta reazione, i gatti sono effettivamente in grado di atterrare in piedi dopo la maggior parte delle cadute. Ma fattori come il loro peso e l’età, o l’altezza della caduta, possono influenzare la loro capacità di atterrare sulle gambe.

Foto: rihaij / Pixabay