Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I francesi sono più che mai legati al loro sistema sanitario: Liberation

Segnalazione

Questo articolo è riservato agli abbonati

Secondo uno studio di Drees pubblicato mercoledì, la crisi sanitaria ha rafforzato il sostegno dei francesi al proprio modello di assistenza e allo stato sociale.

È innegabile che i francesi siano collegati al loro sistema sanitario. È ancora più chiaro che mai. Lo rivela uno studio condotto dal Dipartimento di Ricerche, Studi, Valutazione e Statistica (Drees) mercoledì sulla base di 4.000 interviste faccia a faccia, a fine 2020. Nella conclamata epidemia di Covid , i francesi che in precedenza si erano occupati di dare priorità alla salvaguardia del proprio sistema sanitario un anno fa durante la grande polemica dopo i Gilet Gialli, hanno insistito e firmato. Sulla scala DRES, il loro livello di supporto al modello sanitario non era affatto elevato e la loro preoccupazione per la sua sostenibilità era così forte che la metà degli intervistati credeva che il sistema si fosse deteriorato negli ultimi anni. Sensazione che alimenta le paure: se tre quarti degli intervistati si consideravano in buona salute, la metà ha affermato di essere preoccupata di non poter ricevere cure di qualità in futuro in caso di gravi problemi di salute.

Segno di tempi difficili, è gradito l’intervento dello Stato nel campo della salute. Secondo il barometro, il 72% degli intervistati la pensa così“Non c’è motivo di limitare la spesa sanitaria perché la salute non ha prezzo”. E il 77% è così “È normale spendere di più per la salute”. Soprattutto, il 64% degli intervistati pensa di sì “È più importante mantenere le prestazioni e i benefici dell’assicurazione sanitaria al livello attuale piuttosto che ridurre il deficit di sicurezza sociale

READ  Marc Atallah, direttore della Maison d'Ailleurs, indagato - rts.ch