Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I dazi all’importazione per l’India stanno schiacciando le imprese per i coltivatori di mele nel nord-ovest dell’India

Ma dall’introduzione dei dazi sotto Trump su acciaio e alluminio, i dazi di ritorsione hanno messo in crisi il mercato della frutta pregiata. Ora, l’intera delegazione del Congresso dello stato di Washington chiede aiuto al governo federale.

I clienti in India adorano le deliziose mele rosse. Ma molti coltivatori di Red Delicious nel nord-ovest gestiscono vecchi boschetti, fattorie familiari più piccole con meno capacità di coltivare alberi o varietà completamente nuovi.

Le mele Red Delicious stanno diventando meno popolari negli Stati Uniti, con nuove varietà come Opal, Juicy e Fresh Cosmic Crisp che mettono i coltivatori di Red Delicious in un enorme svantaggio.

Ma per decenni, i coltivatori di Red Delicious hanno trovato una degna casa all’estero: l’India. Nel 2017, le esportazioni di mele di Washington sono state di 120 milioni di dollari. Ma le tariffe su acciaio e alluminio imposte all’India dall’amministrazione Trump nel 2018 – Ai sensi dell’articolo 232 della legge sull’espansione commerciale Ha indotto il governo indiano a imporre un’ulteriore tassa del 20% sulle importazioni di mele statunitensi. Ciò ha ridotto le esportazioni di mele del nord-ovest verso l’India a soli 3 milioni di dollari.

Ora, l’intera delegazione del Congresso dello stato di Washington chiede aiuto al governo federale.

Una decina di politici hanno firmato a Messaggio Ha chiesto assistenza al rappresentante per il commercio e al segretario al commercio degli Stati Uniti per rimuovere i dazi indiani sulle mele dello stato di Washington. Il messaggio arriva perché questa settimana c’è un importante forum di politica commerciale con l’India.

Mark Powers è il presidente Consiglio per l’orticoltura del nord-ovest a Yakima.

“Quello che una volta era un mercato per noi in India che abbiamo sviluppato ora è di proprietà di altri paesi che esportano in India”, ha affermato Powers.

READ  Rapporto di ricerca di mercato Automazione come servizio per tipo:

Circa il 20% delle mele di Washington viene esportato in tutto il mondo, afferma Powers, che in passato era più vicino al 30%.

anno breve

Quest’anno è un breve anno di mele con circa 102 milioni di casse da 40 libbre raccolte, afferma Todd Freihofer, presidente di Apple Inc. Commissione Apple di Washington.

Quindi il problema dell’India è stato un po’ marginalizzato a causa della mancanza di frutta per l’esportazione in generale. Tuttavia, molti coltivatori del nord-ovest hanno dovuto affrontare il freddo e il caldo torrido della scorsa primavera, i problemi di spedizione nei porti, l’aumento dei costi di trasporto interno, le tariffe nei paesi di esportazione e persino le potenziali restrizioni fitosanitarie in Giappone. Tutto ciò si aggiunge alla difficile situazione dei coltivatori di mele che hanno meno capitale per adattarsi a situazioni aziendali, scienze, varietà in rapida evoluzione e a un clima agroalimentare in rapido consolidamento, ha affermato Freihofer. Inoltre, ha affermato, c’è molta concorrenza in India da parte di concorrenti stranieri come Cina, Italia e Turchia.

Per morte o sviluppatore

La deputata Kim SchrierÈ difficile per una famiglia di coltivatori di mele Red Delicious in luoghi come Chelan e Wenatchee resistere sia al maltempo che a un mercato di esportazione chiuso, afferma un democratico dell’8° distretto di Washington.

Questo è il rendimento più basso di Red Delicious dal 1968, ha scritto la delegazione del Congresso in un comunicato stampa.Le entità aziendali al di fuori dello stato acquisiscono e consolidano operazioni più grandi, mentre le aziende agricole più piccole semplicemente falliscono.

“Ora devono affrontare lo sradicamento e la crescita dell’intero raccolto come HoneyCrisp o la vendita a uno sviluppatore”, afferma Scherer. “Se queste definizioni non fossero a posto, potremmo salvare queste fattorie familiari”.

READ  Lo storico Niall Ferguson ha messo in guardia gli investitori