Maggio 22, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I ciclisti Jumbo-Wisma sul podio in Italia – The Durango Herald

Simmons guida il Re della Montagna

Jonas Wingcard della Jumbo-Wisma Race di giovedì in Italia. Wingcard si classifica sesta nella categoria generale di Trino-Atriatico con l’aiuto di Durangan Chep Guz. (Per gentile concessione del Team Jumbo-Wisma)

La Tirreno-Adriatico è proseguita mercoledì e giovedì con un livello di 170 chilometri e una fase di 202 chilometri.

Jonas Wingguard ha dato alla squadra Jumbo-Wisma un altro posto sul palco giovedì. Il 25enne Dan Bellande è arrivato secondo in salita ed è avanzato al sesto posto nella categoria generale.

Dopo una partenza furiosa, 10 corridori sono riusciti a staccarsi. Avevano un vantaggio di sei minuti, ma i leader si sono resi conto che non avevano la battaglia per la vittoria quel giorno a causa del ritmo elevato di Peloton. A 13 chilometri dalla fine, l’ultimo attaccante rimasto viene inghiottito e la salita finale determinerà il vincitore.

Nonostante una raffica di attacchi sulla strada per Bellande, nessuno è stato in grado di creare un varco. Più tardi, il compagno di squadra degli Emirati Arabi Uniti Tadej Pogacar degli Emirati è stato in grado di farlo quando ha iniziato il suo sprint finale nell’ultimo chilometro e ha superato tutti i suoi rivali. Il pilota più vicino allo sloveno è stato Wingcard, secondo due secondi dopo.

“Sono felice della mia prestazione”, ha detto Winggard. “Bogar è stato incredibile nello sprint, quindi congratulazioni a lui. Dopotutto, oggi è stata una giornata difficile. Mi fa sentire bene essere arrivato secondo.

Chep Gus è diventato il secondo pilota Jumbo-Wisma ad attraversare 1:10 dopo aver vinto 42°.

READ  La collezione Radisson si espande ulteriormente in Italia

Giulio Chicone è arrivato quinto con Trek-Sekafredo, a soli cinque secondi dal sorpasso.

Quinn Simmons è arrivato 79 ° dopo 6:52, assistendo Chickon.

Mercoledì, Olav Koiz di Jumbo-Wisma ha preso il terzo posto ed è salito sul palco.

La terza fase della Corsa dei due mari ha fornito una piccola scena. Sei corridori sono scappati di giornata e hanno preso un vantaggio di sei minuti. Dovendo percorrere 45 chilometri, la squadra viene catturata, indicando che uno sprint a grappolo determinerà il vincitore.

Bogakar, Mark Soler, Julian Alabilip e Tao Geogen Hart hanno cercato di prevenire questa situazione, ma per percorrere 10 chilometri sono stati guidati da un belotan affamato. Jose van Emdon, Ederdo Affini e Tosh van der Sande hanno guidato il Quiz in avanti e hanno mantenuto i giovani in buona forma.

Sebbene Quiz abbia fatto tutto il possibile per premiare il duro lavoro della sua squadra, non è stato in grado di eguagliare Caleb Evan e Arnaud Demere. “Quando hanno colpito, mi sentivo già come se fossi in basso per la vittoria”, ha detto Quiz. “È bello vedere come ci siamo avvicinati alla finale. Il fatto di essere finito su un’altra piattaforma non è sicuramente una brutta cosa.

Wingcord è arrivato 26° mercoledì, mentre Gus era 67°.

Matteo Mosetti è arrivato 10° con Trek Sechafredo. Simmons è arrivato 46° a Pelton.

I granatieri INEOS sono attualmente in testa alla corsa a squadre. Jumbo-Wisma era 10° alle 3:47 e Trek-Sekafredo era 17° alle 11:29. Bokar guida la classifica generale di nove secondi. Guz è 47° e Simmons è 78°. Tuttavia, Simmons è attualmente il Mountain Leader con 15 punti.

READ  La banca centrale italiana cerca la conciliazione per ridurre il debito