Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I cani di Dublino si sono arresi riabilitati in Svezia e in Italia – The Irish Times

In seguito alla revoca delle restrizioni Covid-19 e alla chiusura di Ashton Dog Pound, i cani vengono inviati da Dublino fino alla Svezia e all’Italia per il salvataggio degli animali.

Quasi 1.000 cani sono stati dati ai nuovi canili della contea e della città di Dublino l’anno scorso dopo la chiusura del Dublin 15 Pound, che forniva servizi di canile alle autorità locali di Dublino.

Ashton è stata chiusa l’anno scorso dopo che Gardaí ha avviato un’indagine sui problemi di benessere degli animali. Molte persone sono nei tribunali. La Commissione per le relazioni sul posto di lavoro all’inizio di questo mese ha ordinato all’ex sterlina di pagare € 18.000 a titolo di risarcimento a un guardiano del cane che ha scoperto che era stato oggetto di ritorsioni per aver sollevato preoccupazioni per presunti abusi sugli animali.

La chiusura del canile coincide con un periodo eccezionalmente intenso per i servizi per il benessere degli animali e gli enti di beneficenza. L’avvento della pandemia di Covid-19 ha visto un’impennata nella proprietà di animali domestici con molte strutture di riabilitazione per cani che hanno aperto liste d’attesa per gli animali a causa del livello della domanda.

Tuttavia, la revoca delle restrizioni di viaggio e il ritorno al posto di lavoro ha portato a un aumento delle persone che consegnano i propri cani ai rifugi per animali, con le organizzazioni che segnalano un aumento degli animali indesiderati, in particolare cani di grossa taglia e anziani.

Il nuovo rifugio per cani della contea di Dublino a Holygrove, vicino a Newcastle, si è preso cura dei cani per conto di South Dublin, Fingal e Dun Laoghaire-Rathtown County Council nell’ultimo anno. Nel suo primo anno accolse più di 750 cani e trovò una casa per circa 600 cani.

READ  Mancini ha sparato per la gloria del Mondiale con l'Italia qualificata al sorteggio

“Il tasso di reinserimento è ottimo: il tasso di recupero potrebbe essere migliore, ma non c’è molto che possiamo fare al riguardo”, ha affermato Emily Nash, assistente manager del rifugio.

Quando i cani randagi vengono portati nella struttura dai guardiani, viene fatto ogni sforzo per identificare i loro proprietari, ha detto, con particolare attenzione ai post sui social media per gli animali smarriti. Tuttavia, alcuni proprietari spesso non vogliono trovare proprietari, ha detto.

In quasi tutti i casi il rifugio troverà nuove case per i cani o li trasferirà a enti di beneficenza per il salvataggio degli animali. Il rifugio ha dovuto sopprimere sei animali nell’ultimo anno, principalmente per motivi medici.

“Lavoriamo con molti salvataggi”, ha detto. “Di solito ci aiutano con i cani che sono difficili da reinserire a causa di problemi comportamentali o problemi medici. Dal momento che il covid, i soccorsi sono molto completi e non possono accogliere tutti i cani che vorrebbero, ma i cani che accolgono si trovano benissimo case, e ve ne siamo così grati”.

I cani di Dublino sono stati riabilitati in tutta l’Irlanda e oltre, ha detto.

“Abbiamo salvato cani fino a Dingle e Achill Island. Riceviamo adorabili aggiornamenti dai proprietari con foto che condividiamo sui social media”, ha detto. “Abbiamo persino inviato cani in Svezia e in Italia, dove è difficile ottenere cani a causa di leggi severe e nessun cane randagio lì. Riceviamo molte foto da loro ed è bello vederli godersi le loro nuove case.

Il consiglio comunale di Dublino ha gestito temporaneamente una struttura separata a Holygrove dalla chiusura di Ashton, ma ha in programma di costruire un nuovo rifugio, ha affermato il consigliere di Fianna Fáil Deirdre Heaney, presidente del comitato di sorveglianza del benessere degli animali del consiglio.

“Il consiglio comunale di Dublino mira ad avere il nostro canile municipale da qualche parte vicino alla città”, ha detto.

L’Unità per il benessere degli animali è preoccupata per il maltrattamento dei cani, sia da parte di allevamenti illegali che dall’abbandono da parte dei proprietari.

“Vogliamo assicurarci che la nostra città non subisca abusi sugli animali, nessun cane in giro, nessun cane trascurato, nessun cane randagio”.

Il consiglio ha avuto un notevole successo nella riabilitazione dei cani dall’inizio di quest’anno, ha affermato.

“Finora quest’anno abbiamo avuto 226 cani nel nostro rifugio, 126 dei quali sono stati inviati a enti di beneficenza, 75 dei quali sono stati restituiti ai loro proprietari e un gran numero di licenze per cani sono state rilasciate. Questa è una storia molto positiva per il benessere degli animali nella regione del consiglio comunale e speriamo di dare l’esempio.

Un portavoce del consiglio comunale ha dichiarato che entro la metà del prossimo anno pubblicherà una nuova gara d’appalto per i servizi di canile.

Il rifugio per cani della contea ha circa 35 cani in cerca di casa e può essere contattato tramite la pagina Facebook del rifugio per cani della contea di Dublino.

“Vogliamo ricordare alle persone che quando si adotta un cane, ci vuole tempo per stabilirsi e non diventeranno questo cane perfetto dall’oggi al domani. Ci vuole tempo e addestramento”, ha detto la signora Nash.

“Molte volte vanno da una casa alla strada, poi si trovano in un furgone sulla strada per un rifugio, pochi giorni, settimane o mesi, verso una nuova casa. Può essere un momento molto confuso per un cane.