Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I candidati alla presidenza sono indifferenti alla salute pubblica?

A pochi giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali e a più di due anni dalla pandemia, la scarsa attrattiva dei candidati presidenziali rispetto a problemi concreti di salute pubblica è un segnale preoccupante. Richiesto il 9 marzo su sette temi principali (alcol, cannabis, nutrizione, sicurezza stradale, sistema sanitario, tabacco e immunizzazione) da centro benessere pubblicoLa maggior parte dei dodici contendenti all’Eliseo non si arrese. Al 4 aprile, sebbene la maggior parte delle squadre della loro campagna sia stata ricordata, Nicolas Dupont Aignan (Debout la France) ha inviato le sue risposte solo alle 23 domande, mentre la scadenza era inizialmente fissata per il 21 marzo.

Vedi confronto: Confronta i principali programmi candidati

Certo, i candidati sono bombardati da richieste su tutti gli argomenti, ma l’approccio del Public Health Club, che offre questo esercizio a tutti i candidati alla presidenza dal 1988, è quasi istituzionale. Nelle precedenti sei elezioni, questo gruppo di esperti, ora composto da 11 professionisti della salute pubblica ampiamente riconosciuti, aveva ricevuto risposte da quasi tutti i candidati. Il successo può essere spiegato dall’importanza e dal peso dei loro temi nelle politiche di salute pubblica. Pertanto, i professori Gerard Dubois, Claude Gott e Albert Hirsch, tre dei cinque membri storici di questo club, hanno svolto un ruolo importante nell’avvio della legge Evin del 1991 che vieta la pubblicità di alcol e tabacco. Claude Gott ha anche promosso la politica di sicurezza stradale. L’esperto di nutrizione Serge Herberg è l’ideatore di Nutriscore, il sistema di informazioni nutrizionali sulla parte anteriore degli alimenti.

Per facilitare il compito dei candidati, le domande poste richiedono una risposta sì o no, o addirittura “Non parla”. “L’argomento è benvenuto”, Definisci il gruppo.

READ  I prezzi dell'oro scendono a causa della forza del dollaro

“Soggetti Sensibili”

Nicolas Dupont-Aignan non ha commentato la sua foto ” no “ chiedere Hai intenzione di fissare un prezzo minimo per unità di alcol? Si oppone inoltre all’organizzazione di un dibattito tra i cittadini sulla legalizzazione della cannabis: “Sono contrario in linea di principio alla legalizzazione della cannabis, che è una droga pericolosa per la salute mentale dei nostri cittadini, in particolare dei nostri giovani”.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Un lobbista del vino al centro della campagna quinquennale di Emmanuel Macron

Per François Bordelon, ex Direttore Generale della Sanità Pubblica in Francia, e i suoi colleghi di club, diverse ragioni potrebbero spiegare il basso tasso di partecipazione: “La guerra in Ucraina, ma anche l’indebolimento della nostra democrazia, la sensibilità dei problemi sanitari e le misure da adottare che a prima vista possono sembrare impopolari: limitare la velocità, aumentare i prezzi del tabacco (…). Alla fine, forse, e più seriamente, si è rifiutato di impegnarsi con certe lobby”. Scrivono in un comunicato stampa.

Hai ancora il 46,66% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.