Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I cadaveri di Bocha hanno messo a dura prova l’Occidente | Ucraina

A volte un crimine di guerra è così terribile, e così completamente denunciato, che non può fare a meno di smuovere la coscienza dell’Occidente. Il massacro di My Lai nel 1968, Srebrenica nel 1995, la repressione britannica della ribellione dei Mau Mau in Kenya, il genocidio ruandese nel 1994, gli scomparsi dall’Argentina sotto la giunta negli anni ’80, o anche le lettere postali sui cadaveri accatastati nella città bulgara le piazze del corrispondente di guerra americano Januarius McGahan nel 1876 furono tutti i momenti in cui si dovette abbandonare la difesa dell’ignoranza.

Tuttavia, la verità è più complessa e l’Occidente non ha sempre agito. Bill Clinton si è lamentato di non aver risposto agli omicidi tutsi nel 1994, dicendo che “non apprezza appieno la profondità e la velocità con cui sono stati assassinati i tutsi”. [Rwandans] Sono stati sopraffatti da questo terrore inimmaginabile”. della soppressione britannica della ribellione dei Mau Mau è stata documentata solo decenni dopo dalla storica dell’Università di Harvard Caroline Elkins nel suo libro The British Gulag .

Quindi non è certo che le immagini di civili ucraini uccisi con le mani legate porteranno città come Bucha a diventare un catalizzatore d’azione quando i ministri della NATO e del G7 si incontreranno questa settimana in Belgio. Azioni come la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite possono avere un valore simbolico, ma il test più grande sono le sanzioni economiche europee che potrebbero colpire non solo la Russia, ma anche l’Unione Europea.

La Russia è chiaramente nervosa, attingendo alle regole del gioco siriane per affermare che i cadaveri disseminati per le strade facevano parte di una missione interna organizzata dalle forze di difesa ucraine per il consumo da parte di ingenui giornalisti occidentali. Il vice ambasciatore russo alle Nazioni Unite Dmitry Polyansky ha affermato: “Oggi i neonazisti ucraini rispettano pienamente la vecchia scuola del provocatorio nazista Goebbels e stanno cercando di incolpare la Russia”.

READ  I lavoratori chiedono alle aziende dell'economia del lavoro temporaneo di spiegare i loro algoritmi

Con la motivazione che l’attacco era la migliore forma di difesa, Mosca ha tentato di convocare una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite lunedì, ma ha dovuto affrontare la resistenza del Regno Unito, l’attuale presidente del consiglio. L’attività diplomatica della Russia non è più progettata per seminare sospetto tra gli occidentali di quanto non lo sia per mantenere neutrali, come Cina, India, Israele e persino la Turchia. È anche un atto politico di autoconservazione. Gli studi di decenni di negazione serba di Srebrenica indicano che l’insicurezza è inaccettabile.

Per Volodymyr Zelensky, invece, questo dovrebbe essere un punto di svolta, un momento per creare uno spasmo in Europa e infine per accumulare così tanta pressione sulla Germania da farla cessare di essere l’ancora delle sanzioni europee. Dal punto di vista dell’Ucraina, se la Germania cambia, altri paesi che sono anche riluttanti a imporre sanzioni più severe, come l’Austria e l’Italia, la asseconderanno. L’Italia ha suggerito lo stesso.

Zelensky accusa la Russia di aver commesso un genocidio durante la sua visita a Bucha, in Ucraina – video

Per Zelensky, un bando europeo all’energia russa, anche se inizialmente solo petrolio, non può arrivare abbastanza presto. Le ultime stime dicono che la Russia guadagnerà fino a 320 miliardi di dollari dalle esportazioni di petrolio e gas entro la fine del 2022, un terzo in più rispetto all’anno precedente. Il rublo russo è salito lunedì, invertendo le sue precedenti perdite, e l’indice Moex di riferimento è salito ai livelli visti l’ultima volta prima che la Russia inviasse migliaia di truppe in Ucraina. Questi non sono segnali che l’economia sia prossima al collasso.

In un editoriale, Zelensky ha invitato gli architetti dell’ormai defunto processo di pace di Minsk 2014-2015 – Angela Merkel e Nicolas Sarkozy – a venire a Bucha per vedere come il percorso verso la pacificazione si trasforma in questa terribile situazione.

Anche il suo ambasciatore in Germania, Andrei Melnik, ha intensificato il suo attacco durato settimane contro gli amici della Russia in Germania. In un’intervista, ha detto: “Vedi queste atrocità e non sei ancora pronto a fare nulla per far perdere a Putin l’appetito per queste atrocità. Come fai a dormire se trovi parole forti dopo queste immagini e non fai nulla? Cos’altro dovrebbe succederà fino a quando non saranno in vigore le sanzioni più severe? Sul tavolo? Attacchi chimici o cosa stai aspettando? “

Molti affermano che le sue continue critiche alla Germania – la sua ultima direttiva è la pretesa di una rete russa di contatti attorno al presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier – siano in definitiva controproducenti. Ma Melnick non può trattenersi dal nominare coloro che considera colpevoli. A Tagesspiegel, ad esempio, ha nominato persone associate a Steinmeier come Jens Ploetner, consigliere per la politica estera del cancelliere Olaf Schultz, e il ministro degli esteri del Ministero degli Esteri, Andreas Michaelis (ex ambasciatore tedesco nel Regno Unito).

Ha affermato che diversi importanti ambasciatori condividevano la vicinanza di Steinmeier alla Russia. Guardando le prime pagine dei giornali tedeschi che documentano i crimini di guerra di Putin e diversi sondaggi d’opinione tedeschi, è chiaro che l’ambasciatore ritiene che la classe politica sia dietro l’opinione pubblica in ciò che la Germania e la sua economia sono disposte a sacrificare. Lo stesso Steinmeier ha ora emesso una nota di colpa, dicendo: “Ci siamo aggrappati a ponti in cui la Russia non credeva più e i nostri partner ci hanno messo in guardia al riguardo. La mia valutazione era che Vladimir Putin non avrebbe accettato la completa rovina economica, politica e morale della sua paese a causa della sua follia imperiale. Come gli altri mi sbagliavo”.

Ma la barriera non è più con nessuno in Germania disposto a difendere la decisione consapevole del paese di 20 anni fa di rendersi dipendente dall’energia russa a basso costo. Questo potrebbe essere stato un dogma un anno fa durante le discussioni su Nord Stream 2, ma ora è una moda passeggera. Il vicepresidente dell’FDP Johannes Vogel vuole che il Bundestag conduca un’indagine per analizzare come e perché i governi precedenti hanno perseguito la politica “ingannevole” e “ingenua” della Russia. Il capo del Partito dei Verdi del Bundestag, Britta Haselmann, incolpa anche la “politica energetica fallita” di Merkel e Gerhard Schroeder. Anche Patrick Boyani, Presidente e CEO di TotalEnergies ammette che la dipendenza della Germania dal gas russo a buon mercato ha creato “sì, ha creato questo mostro”.

Ma il gioco delle colpe per gli errori passati di Putin è meno importante di quello che la Germania si prepara a fare ora. Finora, Berlino ha resistito con insistenza all’esclusione delle banche russe dal sistema di pagamento internazionale e al divieto temporaneo delle importazioni di petrolio e gas russi. Boyani afferma che ci vorranno dai quattro ai cinque anni per porre fine alla dipendenza dell’Europa dal gas russo.

Schulz, che dovrebbe arrivare nel Regno Unito alla fine di questa settimana, insiste che la Germania sosterrà più sanzioni in risposta ai crimini di guerra, ma altri ministri insistono che questo non può includere un divieto completo dell’energia.

Schulz sostiene che un divieto completo finirà per danneggiare la Germania più della Russia e ha riunito un team di modellisti economici per affermare irresponsabilmente che un divieto totale porterebbe solo a un calo del 3% del PIL tedesco.

Nell’assumere questa posizione, Schulz ha il sostegno dell’industria e della finanza in Germania.

Il CEO di Deutsche Bank Christian Swing è stato l’ultimo ad avvertire delle conseguenze di un’interruzione dell’approvvigionamento energetico russo. Swing, già affetta da un’elevata inflazione, ha affermato che la Germania dovrebbe affrontare “un ulteriore deterioramento della situazione” se le importazioni o le spedizioni di petrolio e gas naturale russi dovessero interrompere. “Una chiara recessione in Germania dovrebbe essere inevitabile”. Il CEO di BASF Chemical Group, Martin Brudermüller, ha osservato che la Russia ha fornito il 55% del gas naturale tedesco consumato e il 35% del suo petrolio. “Vogliamo distruggere completamente la nostra economia con gli occhi ben aperti?”

Questo punto di vista è stato ripreso con riluttanza dal ministro dell’Economia Robert Habeck, il quale ha avvertito che un divieto immediato di importazione porterebbe a “colli di bottiglia nell’offerta il prossimo inverno, recessione economica, inflazione elevata e centinaia di migliaia di persone che perderanno il lavoro”. Il meglio che può offrire è l’indipendenza dal carbone russo entro l’autunno e quasi l’indipendenza dal petrolio entro la fine dell’anno. Non poteva fissare una data per il gas.

Il pericolo è che il dibattito in Germania sia diventato troppo polarizzato e radicato. Ben Moll, professore alla London School of Economics e capo informale del gruppo che ha prodotto il modello, suggerisce un compromesso: un embargo petrolifero e una tassa sul gas, con misure per attutire il colpo sui più poveri.

Quasi tutto, dice, è meglio della mancanza di risposta della Germania.