Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I batteri stanno ottenendo un nuovo calcio come restauratori d’arte in Italia

I marmi di Michelangelo nelle Cappelle Medicee erano deboli, quindi il team di restauratori d’arte decise di spalmare alcuni batteri sulla situazione. Speciali microbi sono stati severamente ripuliti nel corso dei secoli, conferendo alle statue di marmo un nuovo aspetto, Il New York Times Rapporti.

Il team ha selezionato speciali ceppi di batteri per colpire diverse macchie sul marmo. Alcuni tipi di batteri possono prosperare in ambienti difficili e sono adatti per mangiare cose che possono causare problemi agli esseri umani. Questi batteri possono scomporre i contaminanti in componenti relativamente innocui.

In questo caso, il team ha cercato ceppi batterici che lasciano macchie e altri detriti senza danneggiare il marmo e ha testato le loro scelte migliori su una barriera di marmo dietro un altare nella chiesa. Hanno trovato alcuni tipi che funzionavano e hanno usato il gel per spargerli su tutte le statue. Diversi ceppi di batteri hanno mangiato i resti, la colla e persino le macchie di un cadavere scaricato in una delle tombe nel 1537.

I risultati del progetto usciranno a giugno, ma potete avere una piccola anteprima guardando le immagini all’interno Il New York Times Articolo.

Questa è la prima volta che i batteri vengono soppressi in un servizio di pulizia artistica. L’Italia, in particolare, è nota per il suo coinvolgimento negli sforzi di protezione microbica. È stato utilizzato un batterio zolfo-zombie Rimuovere la “crosta nera” Proveniente da alcune parti del Duomo di Milano, e si è comportato meglio della chemioterapia comparabile. In Pizza, il ceppo batterico che mangia i contaminanti ha aiutato a pulire gli affreschi danneggiati Sulla cupola di una cattedrale e un Tomba vicino alla Torre Pendente.

READ  "America's Last Little Italy: The Hill" ha vinto il Silver Delhi Award

Altri ricercatori mappano i batteri e altri piccoli esseri umani Già Vivi nei dipinti. Hanno scoperto che alcuni dei microbi che componevano la loro casa nei pigmenti potevano effettivamente aiutarli a mantenerli Opera d’arte dal peggioramento in primo luogo.