Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

I 10 migliori cattivi sportivi che ami odiare

Sono i giocatori che sembrano giocarsela sempre contro la tua squadra. Coloro che vorresti fossero al tuo fianco. O i cattivi della pantomima che si divertono a fare il cattivo. Persone che nonostante tutto questo talento non lo fanno per te. Ecco la nostra lista di cattivi sportivi per i fan australiani!

1. Cameron Smith

A livello di club, ha portato Storm a quattro titoli della Premier League, è stato determinante nel dominio del Queensland nella striscia decennale dello Stato di origine e ha portato l’Australia alla gloria internazionale.

Tuttavia, c’era qualcosa che avrebbe irritato chiunque tifasse per una squadra rivale. Non solo Smith era il migliore in quello che faceva, era famoso per essere qualcuno che avrebbe fatto qualsiasi cosa per vincere, spesso spingendo le regole al limite, mentre costantemente infastidiva gli ufficiali di gara finché non vedevano il suo punto.

Faceva parte del gruppo Melbourne Storm che utilizzava due serie di libri per eseguire il più grande imbroglio organizzato del gioco al tetto salariale. Il club è stato privato di due tornei importanti a causa di ciò, ma le squadre che hanno battuto in quelle finali principali non hanno ottenuto i titoli. Attraverso la controversia sulle tattiche di wrestling e i contrasti di breaker, fino al suo eventuale ritiro “His Will Not Be”, Smith è stato Stormtrooper di Melbourne.

Se Smith è dalla tua parte, non puoi fare a meno di amare la sua natura competitiva e il suo indiscutibile portfolio di abilità, le abilità che lo renderanno immortale nel rugby league. Chiunque altro ammetterebbe a malincuore la loro grandezza con un gesto di invidia!

2. Nick Kyrgios

Nella maggior parte degli occhi, Nick Kyrgios è il re indiscusso quando si tratta di cattivi sportivi. Sappiamo tutti che la star del tennis australiano ha un sacco di talento, ma non ha ancora brillato nel Grande Slam nella seconda settimana.

La mancanza di successo (relativamente parlando, ovviamente) ha frustrato gli uomini e le donne del suo paese, che a volte sentono che non sta facendo uno sforzo al 100%, qualcosa di cui noi australiani siamo molto orgogliosi. Aggiungi al fatto che ha avuto più controversie rispetto al resto dei giocatori ATP 100 messi insieme – pensa Stan Wawrinka sarcasticamente a Montreal – e ti ritrovi uno dei cattivi sportivi per eccellenza. E nonostante la nuova maturità scoperta di recente da Kyrgios nell’affrontare i problemi di COVID-19, c’è una parte della scena degli appassionati di sport australiani che non può accogliere l’uomo di Canberra.

Tuttavia, questo non ci impedisce di guardare gli Australian Open ogni gennaio per vedere se ha passato l’angolo e se questo sarà il suo anno…

3. Jason Ackermanis

È uno dei giocatori più volubili che abbia mai abbellito un campo di calcio, ma i suoi avversari ti diranno anche che ha sofferto di forti dolori al collo.

Tre Premier League, una Brownlow Medal, lo status di Hall of Fame, quattro All-Australian e un’abbondanza di gol stravaganti nella sua carriera di 325 partite lo hanno abbinato senza carenza di scandali fuori dal campo.

Lo schietto “Aker” non si è mai tirato indietro dalle sue convinzioni spesso controverse, senza mostrare rimorso pubblico.

I suoi capelli biondo ossigenato e la barba scura lo rendevano facile da identificare, ma ciò che era più sinonimo di intrufolarsi nel bersaglio in fiamme era la verticale che si esibiva dopo la vittoria – il personaggio scaltro una volta dichiarò di aver venduto più Coca-Cola e salsiccia di chiunque altro altrimenti perché i fan volevano È sempre così. Impegnati a vedere la sua celebrazione unica della vittoria.

READ  Pierluigi Giulini rivela perché ha dovuto passare al Tottenham mentre si avvicina al trasferimento

Un atteggiamento arrogante che è stato odiato da molti, ma un talento che molti desiderano possa essere al loro fianco. A volte, dovevi solo sederti e applaudire. Jason Ackermanis è semplicemente uno dei cattivi della NFL.

4. Stewart Broad

Il giocatore di Slips Michael Clarke sapeva di averla colpita. L’assassino Ashton Agar sapeva di averla colpita. Anche lo stesso Stuart Broad sapeva di avere una cotta colui il quale Palla nelle ceneri della serie 2013.

È facile odiare Stuart Broad, a lungo un cattivo per gli appassionati di cricket australiani, che è uscito con la potenza della seguente serie per ricordare all’uomo di Nottingham il suo comportamento antisportivo. Il Courier-Mail di Brisbane ha persino iniziato una prima pagina con “Broad Ban”, rifiutando di essere nominato o addirittura fotografato sul giornale, riferendosi semplicemente a lui come a un tiratore di media velocità di 27 anni. Broad 21 ha preso il wicket da quella serie, ma l’Australia alla fine ha riso con la candeggina 5-0.

8 anni dopo e ci aspettiamo che Broad – con più di 500 wickets in mano – torni alla frontiera di Ashes quest’estate, godendosi il suo turno atletico e malvagio di fronte alla folla australiana!

5. Richie McCaw

Questo dividerà senza dubbio l’opinione pubblica, forse proprio nel mezzo del Mar di Tasman.

Venerato come il dio del rugby in Nuova Zelanda, Richie McCaw ha fatto carriera dopo essere stato frustato dai giocatori e dai fan dei Wallabies con il suo instancabile lavoro quando abbatte e la sua capacità di piegare le regole.

I suoi successi sono stati infiniti, due titoli della Coppa del Mondo – entrambi come capitano – 12 vittorie della Bledisloe Cup, 14 vittorie del Tri Nations/Rugby, oltre a tre premi World Rugby Player of the Year, oltre a essere nominato World Rugby Player of the Decade. Non dimenticare i numerosi titoli del Super Rugby e del Grande Slam.

Forse è l’invidia per il successo della sua squadra che lo ha fatto odiare così tanto dai fan o forse è la sua brillante abilità? Molte persone ti diranno, tuttavia, che era la sua capacità nascosta di trovare il punto cieco del giudizio.

Sebbene McCaw non fosse un giocatore sporco, il suo talento era tale che non aveva mai bisogno di raggiungere quel livello, amava quella risata e si trovava in molte situazioni precarie, come un cartellino giallo per inciampare durante una partita di Coppa del Mondo di rugby. Contro l’Argentina nel 2015. Amava spingere il suo avversario e trovare il modo di attraversare la linea del fuorigioco nel punto del fuorigioco, pizzicando abilmente la palla quando non ne aveva il diritto. Sapeva parlare gentilmente con l’arbitro e, in una carriera ricca di premi e titoli, è diventato anche una delle ali più punitive del gioco.

Alla fine, si è guadagnato il rispetto riluttante di giocatori e tifosi di tutto il mondo, anche se solo di lato.

6. David Warner

Dal momento in cui ha debuttato per l’Australia in una partita T20 a SCG, Warner è stato uno dei battitori più emozionanti da guardare sulla scena internazionale. È stato in grado di portare il suo grande gioco di palla bianca nell’arena di prova e brillare in una forma più alta, grazie alla sua abilità e sete di duro lavoro.

READ  Parchi affollati, virus latente? Le preoccupazioni crescono alla riapertura dell'Italia

Affinché il battitore di apertura possa giocare i suoi colpi dal primo test match, non deve possedere solo una tecnica molto solida, ma anche una forte vena di arroganza. Un raschietto grintoso, pieno di coraggio e spavalderia. Per quanto necessario in un atleta come Warner, continua a sfregare molte persone nel modo sbagliato, e agli australiani piace che i loro campioni siano umili.

La maggior parte dei fan, che lo amassero o lo odiassero, hanno convenuto che è buono per il cricket e per l’Australia. Questo fino a marzo 2018, Cape Town e il terzo test contro il Sudafrica. Cameron Bancroft nasconde un quadrato di carta vetrata nei pantaloni dopo averlo usato per alterare la superficie di una palla. Era barare su una scala senza precedenti e in modo imbarazzante sfacciato. Divenne presto evidente che Bancroft era un capro espiatorio per una trama che aveva la sua educazione inimmaginabilmente stupida nelle menti dei membri più anziani della squadra, incluso Dave Warner.

È stato un atto considerato responsabile di aver offuscato più di 141 orgogliosi anni di cricket australiano. In uno schema mal congegnato, tutti gli australiani hanno dovuto rivalutare la nostra reputazione per il fatto di giocare in modo aggressivo, ma sempre in modo equo. Le masse dell’opposizione si sono armate di abbastanza vetriolo per abbandonare qualsiasi plausibile argomentazione sul cricket nella miriade di forum in cui si svolgono tali dibattiti.

Warner, un vero genio con il pipistrello, è tornato nel fronzoli nel verde sciolto, ma ancora – e gli altri coinvolti a Cape Town – potrebbero non venirne fuori.

7. Anthony Munden

Mundine è stato un giocatore di rugby league di successo, realizzando 134 partite di prima classe in otto anni con i Dragons e i Broncos. Innovativo e sfuggente, il quintetto Maundin ha impressionato i fan con la sua velocità e abilità di rottura. Ha giocato tre partite per il New South Wales, ma non ha mai rappresentato l’Australia, cosa che in seguito avrebbe incolpato del presunto razzismo mentre si proponeva di costruire quella che sarebbe diventata una controversa carriera di pugilato.

Creato per il frenetico mondo della boxe, Mundine si è trasformato in un genio del self-marketing mentre ha fatto dell’arte di sfregare le persone nel modo sbagliato per suscitare interesse nelle sue incursioni all’interno del cerchio quadrato. Nulla era vietato nel corso della lotta, incluso il suggerimento che l’America avrebbe potuto valere l’orrore dell’11 settembre, un commento che in seguito ha ammesso di essersi pentito dopo essersi recentemente ritirato dal ring.

Con i guanti su Mundine ha dimostrato di essere più di un abile pugile, ed è diventato il campione del mondo WBA Super medi, ma le sue dichiarazioni pubbliche franche e spesso vivaci hanno portato gran parte dei suoi fan a tifare per la sua caduta, specialmente durante i suoi due combattimenti con Danny Green, che ha visto i combattenti impegnarsi nella guerra dell’informazione. All’epoca, il Daily Telegraph definì Mundine “l’atleta più polarizzante nella storia dello sport australiano”.

Munden ha continuato a combattere fino alla quarantina, perdendo 5 dei suoi ultimi 6 combattimenti mentre si lasciava alle spalle i suoi giorni migliori. In pensione ha ammesso di essere un deliberatamente abrasivo e controverso. Ha funzionato per lui per la sua carriera, ma ha lasciato gli australiani divisi sulla sua eredità sia nel rugby league che nel pugilato.

READ  Il lavoro italiano in Spagna poi per il faticoso Brownie

8. Sebastian Vettel

Per anni hai lottato per conoscere un australiano che era un legittimo fan di Sebastian Vettel. Il quattro volte campione del mondo di Formula 1 è salito alla ribalta nel 2007 e due anni dopo è entrato nelle fila della Red Bull, in partnership con Mark Webber.

Ben presto è stato ampiamente riconosciuto che la squadra ha favorito Vettel, che è stato visto come il giovane pilota affamato che potrebbe raggiungere la gloria nel campionato Red Bull. Di conseguenza, il duo non è andato molto d’accordo e le cose sono andate male durante il Gran Premio della Malesia 2013 con la famigerata saga “Multi 21”, in cui Vettel ha sfidato gli ordini del team e ha fatto un audace passaggio a Webber. Vettel ha continuato a vincere la gara ma ha perso il rispetto di Webber e di decine di migliaia di fan in tutto il mondo.

È divertente che Vettel, dopo un periodo in Ferrari e ora al Racing Point, si sia decorato ancora una volta per i fan, inclusa la Dawn Under. Il suo atteggiamento rilassato e genuino è ora visto come una boccata d’aria fresca in Formula Uno, uno sport che a volte può essere molto pericoloso.

9. Fabio Grosso

È giusto dire che la caduta di Fabio non sarebbe la benvenuta in molte parti dell’Australia – in effetti, potrebbe non essere la benvenuta nemmeno in Lygon Street a Melbourne, e questo dice qualcosa.

Nei minuti finali della partita degli ottavi di finale tra Australia e Italia a Kaiserslautern – dove Australia e Italia hanno pareggiato 0-0 a pochi secondi dai tempi supplementari – Fabio Grosso ha colpito la fascia sinistra e appesantito la fascia. area di rigore. Dopo aver superato Mark Bresciano, solo Lucas Neale si è messo sulla traiettoria di Grosso, e il difensore australiano ha tentato di far scivolare la traversa davanti al grande italiano per bloccare un tiro.

Intuendo un’opportunità, Grosso ha preso contatto con il Neil orizzontale e, come un albero abbattuto, Grosso è caduto a terra.

L’arbitro ha visto Grosso vacillare e l’Italia ha preso il rigore decisivo. Francesco Totti non ha commesso fallo dal dischetto e l’Italia è passata in vantaggio e alla fine ha vinto la Coppa del Mondo 2006. Anni dopo l’incidente divide ancora il mondo del calcio.

10. Novak Djokovic

Da dove inizi con Joker? Sta colpendo un giocatore con la palla negli US Open? È la sua lista di strane richieste durante la quarantena in hotel in Australia mentre gli australiani sono bloccati all’estero?

È la festa a torso nudo durante il suo tour di tennis in mezzo a una pandemia globale? O in seguito è risultato positivo al COVID-19 a causa di detta festa? O la sua posizione anti-estremismo?

Ci sono, beh, molte ragioni per cui Djokovic è uno dei più grandi cattivi nello sport, ed è stato amplificato solo dal fatto che lo è. Hassan. Ora, 19 volte campione del Grande Slam, il serbo è sulla buona strada per diventare il più grande giocatore di tutti i tempi e il suo comportamento chiassoso in campo sta attirando chiunque lo guardi.

Brillante in campo e controverso fuori, Djokovic è il cattivo sportivo per eccellenza.