Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Hustle” è la lettera d’amore di Jeremiah Zagar ai fan del basket di Philadelphia: NPR

Jeremiah Zaghar parla sul palco durante uno spettacolo Netflix Accelera Speciale di Filadelfia il 7 giugno a Filadelfia.

Lisa Lake/Getty Images per Netflix


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Lisa Lake/Getty Images per Netflix

Jeremiah Zaghar parla sul palco durante uno spettacolo Netflix Accelera Speciale di Filadelfia il 7 giugno a Filadelfia.

Lisa Lake/Getty Images per Netflix

Quando Adam Sandler ti invita a girare un film sull’NBA, può essere molto difficile rifiutare. Il regista Jeremiah Zagar l’ha appreso in prima persona.

Nel suo ultimo progetto per Netflix, Accelera – Un film su un esploratore di basket dei Philadelphia 76ers che scopre un grande giocatore in Spagna – Zagar ha accettato la sfida di far rivivere la cultura del basket di Philadelphia per il bene del film.

In questa intervista di Tutte le cose considerateZagar ha parlato con Sheryl W. Thompson di NPR su come farsi strada nel cinema, integrando il suo amore per la narrativa e la narrativa di documentari e portando il suo amore per Filadelfia sul grande schermo.

Questa intervista è stata modificata per lunghezza e chiarezza.

Cheryl W. Thompson: Devo chiederti, è vero che hai detto ad Adam Sandler che non volevi dirigere questo film e che non ti interessava assolutamente?

Geremia Zagar: non ho numero Interesse, ma ho ricevuto la sceneggiatura ed è stato bellissimo. Voglio dire, era una sceneggiatura scritta magnificamente, ma penso che quando stai facendo un progetto che richiederà anni della tua vita, devi davvero sentirti come se te ne innamorassi. All’inizio non ne ero sicuro. Volevo assicurarmi di poterlo fare in modo equo e che fosse mio, e che ci fossero abbastanza possibilità cinematografiche eccitanti per farmi sentire ed essere orgoglioso. Quindi gli ho detto di no.

Ma poi non riuscivo a togliermelo dalla mente. È successo a Filadelfia. E, sai, è incentrato sullo sport del basket che amo. E così, sai, ho iniziato a pensare ai modi in cui potevo renderlo mio e renderlo qualcosa di cui innamorarmi. Sono tornato al telefono con Adam e abbiamo parlato di lui e sembrava che andassimo d’accordo. Volevamo lavorare con tutti gli attori non professionisti e volevamo filmarlo in un modo che fosse autentico sia per la città che per lo sport, e portasse il realismo che mi appassionava così tanto.

READ  Harry Kane: l'attaccante del Tottenham insiste che Antonio Conte abbia ancora il supporto del compagno di squadra | notizie di calcio

So che vieni da Philadelphia, giusto? È, ovviamente, una grande città sportiva. Sei un fan del basket. E a volte, sembra che il film sia stato creato da e per i fan della NBA.

Lo spero. Voglio dire, penso che Adam sia un grande fan della NBA, così come molte delle persone nel film. Voglio dire, sai, ancora una volta, molti veri giocatori NBA o interpretano se stessi o interpretano personaggi basati su persone come loro. Come sai, Guanchou era un vero giocatore NBA. Suona per gli Utah Jazz. Sai, è incredibile anche come attore. Ma può davvero giocare a basket magnificamente, come fa Anthony Edwards, e Kenny Smith come fa il Dr. J, ovviamente. Queste sono persone reali che conoscono da vicino lo sport. Quindi li vedi fare la cosa che amano di più al mondo in un bellissimo modo cinematografico.

[Juancho Hernangómez] Interpretando un forte attaccante o centro per gli Utah Jazz, recita in questo film nei panni di Bo Cruz, un giovane atleta spagnolo che viene scoperto dal personaggio di Adam Sandler. Ma c’è anche un altro talento NBA nel film, come Seth Curry, Doc Rivers, che devo dire viene dalla mia città natale di Chicago ed è l’attuale allenatore dei 76ers. E il dottor C. Voglio dire, davvero, Julius Irving è probabilmente il più grande giocatore nella storia dei 76ers. Com’è stato dirigere atleti professionisti che a volte dimenticano di controllare il proprio ego alla porta?

Quindi abbiamo avuto un grande insegnante di recitazione qui. Ho un grande insegnante di recitazione che lavora con tutti gli attori non professionisti con cui ho lavorato nella mia vita. il mio ultimo film Noi siamo gli animali Ha recitato in tre ragazzi che non avevano mai recitato in un film prima. Ha passato anni con loro e ha passato anni con alcuni calciatori, due anni con Guanchou. E devo dirtelo, questi ragazzi non hanno affatto ego. Sono come le persone più dolci, estroverse e meravigliose. Pensi che lo saranno… perché hanno questi contratti giganti e sono in questa fase gigantesca, e in qualche modo saranno duri. Ma sono persone molto simpatiche e sensibili con cui hanno lavorato [our acting coach] E ho lavorato con Adam e lei ha lavorato con me. Ed è stato solo un piacere. Voglio dire, è stato davvero bello stare con loro.

READ  Risultati DS European Tour per le auto italiane Open

Ci sono molti film sportivi sugli sfavoriti o su un atleta che cerca di diventare grande. Ma questo, devo dire, sembra diverso. Non si tratta solo di sport. E quindi, non devi nemmeno essere appassionato di sport per goderti il ​​film, vero?

Non credo che tu debba essere affatto un appassionato di sport. In effetti, ho mostrato a mia madre i primi frammenti del film e lei l’ha guardato e ha detto: “Oh mio Dio, adoro il basket!”

Lei non sa nulla di questo sport. Penso che quello che abbiamo cercato di fare fosse renderlo bello come ballare e lasciare che i sentimenti fossero la cosa che guidava la scena. Quindi, anche se stai guardando una partita, stai seguendo i sentimenti dei personaggi. Hai seguito i sentimenti di Stanley o hai provato quei sentimenti, gli alti e bassi di quei momenti, così puoi amare il film, non importa chi sei o da dove vieni.

In passato, Jeremiah, ho passato molto tempo a lavorare sui documentari. In che modo ciò ha influito sul modo in cui è stato trattato Hustle?

Penso che il nostro ethos come registi sia quello di renderlo sempre realtà. Sai, voglio vedere film fantasy che siano come documentari e documentari che assomiglino a film fantasy, immagino. Amo l’originalità, l’onestà e la privacy. E mi piace il linguaggio del documentario. E così, quello che abbiamo fatto è stato usare il linguaggio del documentario e metterlo in questa forma immaginaria. E penso che renda le scene reali e giuste, ed è sempre questo il punto.

Puoi parlare del ruolo di Philadelphia nel film? Com’è stato per te, come nativo, intraprendere questo progetto?

READ  I calciatori sudafricani hanno confermato i primi due casi positivi nell'Athletes Village

È stato un onore. Voglio dire, che cosa incredibile poter tornare nella tua città, sai, con un film gigante che, sai, porta il potenziale economico alla città. Philly mi ha sostenuto per tutta la vita. Ovviamente, sono cresciuto lì. …e sai, amo ogni piccolo aspetto di quella città. Amo le persone, amo la cultura sportiva, amo la cultura artistica della città. E quindi è stato emozionante poter descrivere in dettaglio la mia giovinezza e il mio amore per questo film.

Adam è stato davvero bravo a dire: “Mostrami dov’è la vera Filadelfia e mostrami dove è cresciuta. E lo metteremo lì”. E anche quando scattiamo foto in studio, rispecchiamo i luoghi reali, quindi sembrerà una casa a Filadelfia. Lo stavamo costruendo da zero ed era importante avere quell’autenticità.

Vedi le cose in modo diverso, come le vedono le persone che vivono in città. Ovviamente ci riferiamo roccioso Molto, ma c’è una scena bellissima roccioso Dove gestisce il mercato italiano. Ma la mia esperienza nel mercato italiano, che sono cresciuto a un paio di isolati di distanza, è che ci passi dentro e compri la spesa, sai, prendi pentole e padelle lì, sai, e volevo mostrare quel tipo di Filadelfia che c’è anche una qualità del vivere in città.

L’intervista audio è stata prodotta e montata da Kat Spusato e Lucy Perkins.