Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

‘House of Gucci’ e Lady Gaga inciampano sulla passerella

Sembrava una grande idea quando Lady Gaga è stata annunciata come la star principale di “House of Gucci”, che Ridley Scott racconta sul grande schermo di una faida omicida familiare nel mondo della moda degli anni ’70 e ’90.

La signora dei vestiti ha l’audacia e l’eccentricità di interpretare Patrizia Reggiani, l’ex segretaria di un’azienda di autotrasporti che si fa strada nell’aristocrazia italiana di Gucci sposando lo spietato erede Maurizio Gucci (Adam Driver), che avrebbe davvero dovuto leggere di più Machiavelli .

Purtroppo, non c’è motivo di addentrarsi in questa epopea, che è più ricca di soap opera che di intrattenimento oltraggioso, soprattutto considerando la recente competizione. Ci sono migliori buffonate da sala riunioni in TV “Succession” e più sinistra goffaggine in “Cruella”.

Lady J si tinge i capelli di nero e minimizza la sua eccitazione per interpretare Patrizia, che ogni volta si rivela essere la superficiale cercatrice d’oro a cui assomiglia quando incontra il timido e ingenuo Maurizio in una discoteca.

Il nobile padre di Maurizio, Rodolfo (Jeremy Irons) avverte il figlio in bicicletta di non lasciarla entrare nella suite familiare e dirigenziale. Nel bene e nel male, Rodolfo tiene molto al nome Gucci e ai vestiti e agli accessori che usa.

La famiglia Gucci aveva tutto. Voleva di più. Guarda subito il nuovo trailer di #HouseOfGucci, con Lady Gaga, Adam Driver, Jared Leto, Jeremy Irons, Al Pacino e diretto da Ridley Scott.

“Lei va dietro ai tuoi soldi, come tutti loro”, avverte Rodolfo, aggiungendo che considererà suo figlio in esilio fino a quando il ragazzo non tornerà in sé e troverà una donna più adatta allo status elevato del suo secolare impero della moda. Maurizio sposa comunque Patrizia.

READ  Date e come acquistare i biglietti

Fortunatamente per lei, c’è un altro ramo del clan meno arrogante e ancora più freddo: lo zio impudente di Maurizio, Aldo (Al Pacino) e il figlio pagliaccio Paolo (Jared Leto), che riconoscono un complice del suo clan.

Aldo progetta di trasferire Patrizia e Maurizio a New York, dove può tenerli d’occhio – inserendo qui paragoni “padrino” – mentre si adopera per restituirli al pieno stato di famiglia. Preferisce lo sbiadito Maurizio al suo ragazzo stravagante Paolo, che ha una fantasia di diventare un designer di abbigliamento che nessun altro sembra supportare.

Tutti questi pianificatori e sognatori stanno per scoprire che il lato commerciale dell’operazione Gucci è in condizioni peggiori di quanto immaginassero, e ci sono altri giocatori che sono forse persino spietati di loro quando si tratta di tradimento in sala riunioni e camera da letto.

Spiacenti, ne abbiamo più di un paio riguardo a “House of Gucci”, a cominciare dal cast poco performante.

Il fascino svanisce davanti alla telecamera di Gaga in “A Star Is Born”, il suo film candidato all’Oscar del 2018, sotto un sfuggente accento italiano, nemmeno il peggiore sentito nel film, e il peso di interpretare un vero cattivo.

Quando pronuncia la frase spesso citata “è ora di portare fuori la spazzatura”, è come se fosse una casalinga che pianifica una commissione settimanale piuttosto che qualcuno che pianifica il tipo di casino che prima o poi richiederà i servizi di un killer.

Tuttavia, Patrizia di Gaga è un normale cavo sotto tensione rispetto a Maurizio di Driver, che ha un carattere di compensato bagnato. Driver è un attore talentuoso e altamente espressivo, uno dei migliori attori della sua generazione, ma chiaramente a disagio dietro i grandi occhiali degli anni ’80 e all’interno del mondo viziato del suo personaggio.

Per quanto riguarda Aldo Pacino e Lito Paolo, è come se entrambi avessero una nota completamente diversa sul genere di questo film. A turno rosicchiano i cespugli, in particolare Leto, che assomiglia stranamente al Capitano Canguro mentre si nasconde sotto pile di lattice. A un certo punto un Paolo arrabbiato si è sbottonato i pantaloni e ha fatto pipì su un foulard di seta Gucci.

READ  Iervolino investe 120 milioni di dollari nell'animatore di 'Puffins' di Johnny Depp

Pacino fa quello che fa sempre Pacino: strappare spudoratamente ogni scena a cui prende parte. Uno dei pochi piaceri da guardare in “House of Gucci” è anticipare il momento in ogni film di Pacino che chiamo “Waiting for Al Explosion”. Offre in modo affidabile.

I principali colpevoli di questo sforzo fuori moda sono il regista Scott e gli sceneggiatori Becky Johnston e Roberto Bentivina, che hanno adattato il libro di Sarah Jay Forden del 2001, “The House of Gucci: A Sensational Story of Murder, Madness, Glamour, and Greed”.

Se il film corrisponde davvero al titolo del libro, sarà ancora più interessante. Più un maestro meccanico che un artigiano dell’ispirazione, Scott si avvicina a lui come un plotter da sala riunioni piuttosto che un fandango della moda.

Il risultato è che otteniamo molte più informazioni dallo spettacolo – in realtà c’è un bel po’ di costumi in mostra – mentre il film si avvicina al segno delle tre ore, macinando insieme a una colonna sonora che vira in modo incoerente tra l’opera in forte espansione e il- canzoni pop naso.

E il detto non è molto gonfiato. A differenza di “Succession”, ci sono pochi vocaboli veloci da ascoltare e molte parole davvero poco brillanti. Questo è molto frustrante quando si pensa ai veri detti del clan Gucci.

Ad esempio, quando un giornalista ha chiesto alla vera Patrizia perché sentiva il bisogno di assumere un sicario per svolgere il famigerato incarico: “La mia vista non è buona”, avrebbe risposto. “Non volevo perdermelo.”

attualmente Questo Lo spirito di cui avevamo più bisogno in House of Gucci.

Gucci House

READ  Le tue migliori scommesse per una pausa: una guida rapida all'intrattenimento online e alle esperienze virtuali

(1,5 stelle su 4)

Con Lady Gaga, Adam Driver, Al Pacino, Jared Leto, Jeremy Irons e Salma Hayek. Scritto da Becky Johnston e Roberto Bentivina. Regia di Ridley Scott. Apre il mercoledì nei cinema di tutto il mondo. 158 minuti. 14 A

Unisciti alla conversazione

Le conversazioni sono le opinioni dei nostri lettori e sono soggette a regole comportamentali. La star non approva queste opinioni.