Luglio 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Ho bisogno di un nuovo editore Bum che vinca il primo premio alla prestigiosa Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna

Un piccolo editore indipendente neozelandese ha vinto il primo premio alla prestigiosa Bologna Children’s Book Fair, il più grande evento di settore al mondo.

Oratia Media, con sede ad Auckland, ha vinto il BOP – Bologna Award come miglior editore per ragazzi dell’anno, Oceania, al festival virtuale di quest’anno.

Editore di libri come Dawn McMillan Ho bisogno di un nuovo barbone La serie è stata l’unica società neozelandese nominata per il premio, con quattro editori australiani che hanno vinto il premio.

Tra i libri di Oratia ci sono quelli della famosissima serie I Need a New Bum di Dawn McMillan.

fornito

Tra i libri di Oratia ci sono quelli della famosissima serie I Need a New Bum di Dawn McMillan.

In qualsiasi altro anno, ha detto il fondatore Peter Dowling, lui e la sua squadra sarebbero stati in Italia, a una festa in una sala del XVI secolo con soffitti affrescati, nel centro di Bologna.

Leggi di più:
* L’opera di Te reo celebrata tra i finalisti del premio libro per ragazzi
* Le vendite di libri Maori alla Maori Language Week indicano che i kiwi sono sempre più desiderosi di imparare la lingua

Invece, ha scoperto che Oratia aveva vinto quando ha controllato le sue e-mail martedì mattina, ma qualsiasi senso di mancanza di climax è stato oscurato da un senso di quanto fosse importante il premio nel clima di Covid.

Oratia è solitamente al festival “Boots and Everyone”, ma quando la pandemia si è verificata all’incirca durante le ore diurne italiane, è avvenuta principalmente di notte in Nuova Zelanda.

“A causa del Covid e della cancellazione delle fiere fisiche, stiamo diventando meno chiari di essere nel fuso orario sbagliato”, ha detto Dowling.

Peter Dowling, fondatore di Oratia Media, all'estrema destra, con il suo team, che ha vinto il primo premio alla Fiera del libro per bambini di Bolgona.

fornito

Peter Dowling, fondatore di Oratia Media, all’estrema destra, con il suo team, che ha vinto il primo premio alla Fiera del libro per bambini di Bolgona.

“Quindi per noi quest’anno, mentre ci mancano gli schiaffi e i festeggiamenti che porterebbero il Bologna a vincere questo evento, forse è effettivamente più prezioso perché è solo un’apparizione in un momento in cui facciamo fatica a rimanere visibili”.

Ha visto il premio come un premio agli autori e illustratori di Oratia e all’azienda per il suo impegno per la sua “illustre visione”.

L’editore aveva un “profondo impegno” con te ao Māori e sempre più con le storie di Pacifica, ha detto, ed era molto multiculturale, con sei o sette lingue parlate internamente e un numero di libri disponibili in te reo.

Dowling pensava che questo fosse importante per il riconoscimento internazionale di Urartia, in un momento in cui molti paesi stavano lavorando per raccontare meglio le storie delle comunità indigene ed emarginate.

Il popolare libro illustrato bilingue Rona Moon / Ko Rona Mahina di Tim Tipene, è un altro titolo di Oratia.

in dotazione/roba

Il popolare libro illustrato bilingue Rona Moon / Ko Rona Mahina di Tim Tipene, è un altro titolo di Oratia.

“Ha risuonato a livello internazionale quando negoziamo e guardiamo ai diritti”, ha detto. “Fa parte del nostro DNA e delle nostre dispense”.

Se lui e la squadra fossero stati a Bologna, ha detto Dowling, avrebbe “pagato i conti del ristorante per festeggiare”. Invece, stavano progettando di cenare in un bel ristorante italiano ad Auckland.

Sarebbero tornati a Bologna il più presto possibile, ma ha visto il premio come una vittoria per i libri rappresentati da Urartia.

“Questo tipo di premio e profilo significa che nei prossimi due anni saremo in una posizione migliore per mostrare i nostri autori”.

READ  Il drammatico ingresso dell'Italia nel Campionato Europeo accende la febbre del calcio al Festival di Cannes