Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Health Barometer 2022: Cifre chiave sul consumo di alcol in Caledonia

In occasione della pubblicazione dell’indagine sulla salute condotta dall’Agenzia sanitaria e sociale tra i 18 ei 64 anni, NC La 1ère vi invita a tornare ogni giorno su uno degli argomenti menzionati in questa scala. Questa serie continua con il posto dell’alcol nelle usanze dei Caledoniani.


Violenza, incidenti stradali, delinquenza… Il consumo eccessivo di alcol viene spesso presentato come un disastro in Nuova Caledonia. Tuttavia, le diverse politiche attuate finora dalle autorità pubbliche non sembrano abbassare i numeri.

I caledoniani sono forti consumatori di bevande alcoliche? Quali sono le loro abitudini e sono cambiate dall’introduzione della bilancia sanitaria dieci anni fa? risposta a Circa 3.500 adulti intervistati nel 2021 e nel 2022 dai team dell’Agenzia sanitaria e sociale e dai loro partner.

chiedere “Negli ultimi 30 giorni, hai bevuto alcolici?”Il 59% ha risposto “sì”. Questa percentuale non è cambiata rispetto alla misura precedente del 2015. Tuttavia, il consumo di alcol è recentemente diminuito nelle Isole della Lealtà: 45% nel 2021 rispetto al 52% nel 2015.

Molto più alta è la percentuale di uomini che hanno fatto uso di alcol di recente: il 70% contro il 48,5% delle donne. Proporzioni simili a quelle del 2015.

Consumo di alcol negli ultimi 30 giorni per sesso in Nuova Caledonia.

È probabile che i caledoniani di età compresa tra 25 e 44 anni abbiano bevuto di più negli ultimi 30 giorni. Sono il 65%. Dietro di loro, i più giovani, dai 18 ai 24 anni, sono il 60% dei bevitori recenti. Pertanto, sono state le persone di età compresa tra i 45 ei 64 anni a consumare meno alcol: il 51,5%.

Geograficamente, la percentuale di nuovi consumatori nel Governatorato del Sud è stata la più alta (64%), seguita dal Governatorato del Nord (45%) e Loyalty (44,6%).

Mentre la Caledonia è spesso presentata come una regione di forti bevitori di alcol, pochi residenti hanno riferito di bere regolarmente, secondo il barometro della salute. Il 3,5% consuma alcol quotidianamente, il 26% una volta alla settimana, il 19,5% una volta al mese e il 22% dichiara di non aver bevuto negli ultimi dodici mesi.

Frequenza del consumo di alcol negli ultimi 12 mesi in Caledonia.

Mentre pochi abitanti della Nuova Caledonia hanno riferito di bere alcolici ogni giorno, quelli che avevano bevuto di recente ne hanno consumati grandi quantità: 6,9 drink standard per occasione. Il barometro lo determina in base a Definizione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (QUI, ndr), l’occasione è un pasto, un aperitivo, una festa, un picnic, andare a bere qualcosa… Possono esserci diverse occasioni in una giornata. “

Anche in questo caso gli uomini consumano di più in termini di quantità: 7,9 tazze per ogni occasione contro le 5,3 delle donne.

Mentre il consumo di alcol è recentemente leggermente diminuito in termini di fedeltà, in questa contea le persone bevono di più in quantità: 13 tazze in media all’occasione. Questa cifra è di 9,2 drink nella provincia settentrionale e di 6,1 drink nella provincia meridionale.

I giovani tra i 18 ei 24 anni sono quelli che bevono di più in ogni occasione (10,4 drink), seguiti da quelli tra i 25 ei 44 anni (7,4 drink). Le persone di età compresa tra 45 e 64 anni bevono meno in ogni occasione: 4,4 tazze.

Le dosi di alcol variano in modo significativo a seconda del giorno della settimana. Si passa da una media di 0,5 tazzine il lunedì a 3,3 tazzine il sabato. Questa progressione è la stessa negli uomini e nelle donne, anche se la quantità è “Due volte più alto negli uomini, indipendentemente dal giorno della settimana.”, indica il barometro. Ancora una volta, sono i giovani adulti di età compresa tra 18 e 24 anni a bere di più il sabato, con una media di 6,1 tazze.

Numero medio di bevande alcoliche standard consumate in un giorno feriale in Nuova Caledonia

Per stimare e identificare gli usi problematici dell’alcol, il questionario comprendeva quattro domande corrispondenti al test DETA (Reduce, Entourage, Too Much Alcohol), uno strumento utilizzato per quantificare le conseguenze psicosociali del consumo eccessivo di alcol e la percezione che ne ha il consumatore. Agli intervistati è stato chiesto se, negli ultimi 12 mesi:

  • Hanno sentito il bisogno di ridurre il loro consumo di alcol?
  • Le persone intorno a loro hanno fatto commenti sul loro consumo di alcol?
  • Pensavano che bevesse troppo alcol?
  • Avevano bisogno di alcol al mattino per sentirsi in forma?

Un problema di alcol è considerato provato quando l’intervistato ottiene due risposte positive su quattro. Tuttavia, si vede che il 17% della popolazione ha un problema con l’uso di alcol, quasi un caledoniano su sei. Ciò ha riguardato più uomini (23%) che donne (10%) ei primi ad essere colpiti sono stati i 18-24enni (23%).

D’altra parte, questa quota diventa ancora maggiore quando indaghiamo le persone che hanno consumato alcol negli ultimi 30 giorni: quasi un quarto di loro ha un problema con il consumo di alcol e gli uomini (29%) sono più rappresentati delle donne (17% ).

La percentuale di persone con problemi di consumo di alcol è più alta nella provincia delle Isole e tra i giovani adulti, come mostra questa tabella.

Proporzione di persone con un punteggio DETA maggiore o uguale a 2, tra i nuovi consumatori di alcol, per sesso, provincia e fascia di età, in Nuova Caledonia.

Secondo Health Scale, l’età media del primo consumo di alcol è di 17,4 anni. E gli uomini lo fanno prima (16,4 anni) rispetto alle donne (18,3 anni). È anche nella provincia meridionale che inizia il più giovane: 17,2, rispetto ai 17,6 della provincia settentrionale e ai 18,8 della contea di Isles.

Degli intervistati, il 16% ha dichiarato di aver guidato negli ultimi 30 giorni dopo aver bevuto due o più bicchieri di alcol. Tuttavia, il numero degli uomini è tre volte superiore a quello delle donne (23% contro l’8% tra le donne). Questo comportamento è più comune tra i 25-44enni (18%) che tra i più giovani (17%) e tra i 45-64enni (12%).

READ  Ecco le 5 spezie più malsane