Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Hawkes per la diplomazia ambientale

La 15a Conferenza delle Parti (COP15) della Convenzione sulla Diversità Biologica (CBD), che doveva svolgersi in Cina nell’ottobre 2020, è stata rinviata al 2022 a causa della pandemia di Covid-19. Tuttavia, il lavoro preparatorio è stato fatto. i loro progressi attraverso Internet non era solo un enorme indicatore di disparità di accesso ai mezzi di comunicazione. Ha anche esacerbato l’opposizione tra “paesi sviluppati” e “paesi in via di sviluppo”.

Le strategie del Gruppo Africano e dell’Alleanza Brasile si sono quindi basate sulla richiesta di “parentesi”, cioè di congelare i paragrafi contestati, in attesa della ripresa del confronto diretto. Ciò ha comportato il rinvio dell’adozione della bozza di decisione finale della COP 15 a un momento successivo e solo i negoziati sono stati condotti in presenza degli interessati, sia nelle sessioni che nei corridoi, dove c’era una possibilità di successo. Questa è una delle lezioni apprese dalla pandemia.

Le negoziazioni su Internet si trasformano in contrattazione

C’è la forma, ma c’è anche la sostanza. Perché, come e cosa conservare? Non è mai stato facile conciliare 198 parti su questi temi. Non traduce in tutte le lingue i termini biodiversità e conservazione, la cui comprensione è specifica di ogni comunità e che è legata a pratiche di protezione della natura che oggi sono viste come imposte dai paesi sviluppati, o addirittura come un patrimonio coloniale. La storia della CBD può infatti essere intesa come un grosso problema in cui si tratta di rimuovere gli hook, ovvero giudicare tra gli imperativi della conservazione e quelli dello sviluppo nel quadro di un “accordo multilaterale”.

Alla prima conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente a Stoccolma nel 1972, i movimenti per la conservazione hanno dovuto aprirsi alle tensioni geopolitiche e alle pretese di sostenere lo sviluppo sostenibile nei paesi poveri. Questo requisito è l’origine del nome della Conferenza di Rio del 1992 su “Ambiente e sviluppo” e il suo terzo obiettivo, che è “la giusta ed equa ripartizione dei benefici derivanti dallo sfruttamento delle risorse genetiche”.

Questo obiettivo di distribuire i costi ei benefici della conservazione è diventato vincolante nel 2010 con l’adozione del Protocollo di Nagoya. Ciò ha garantito un ritorno economico ai paesi poveri ma ricchi di biodiversità ed è stata una condizione per la loro conclusione del “Piano strategico per la conservazione della biodiversità 2011-2020”, noto come i 20 obiettivi di Aichi (nessuno dei quali è stato ancora raggiunto) . ricevuta…).

Per la COP15, il Global Biodiversity Framework Post-2020, con il sostegno dell’Europa, deve ancora una volta riunire gli impegni dei paesi in via di sviluppo. Tuttavia, se accompagnati da indicatori e strumenti di monitoraggio, gli impegni finanziari a sostegno delle azioni di conservazione e sviluppo nei paesi più poveri rimangono poco chiari.

Questi ultimi sono preoccupati per i nuovi modelli di conoscenza associati alle pratiche di appropriazione e manipolazione degli organismi. In effetti, la fisicizzazione delle risorse biologiche liberamente accessibili nelle banche genetiche internazionali sfugge alla ripartizione dei benefici che avrebbe dovuto essere regolata dal Protocollo di Nagoya, e l’oggetto della contesa ha raddoppiato i paragrafi tra parentesi.

Ciò può sembrare tecnico o ridicolo nel contesto del crollo della biodiversità, ma l’inclusione delle informazioni sulla sequenza genetica nell’ambito della Convenzione sarebbe senza dubbio una merce di scambio per l’adozione di un futuro quadro globale. a favore della biodiversità.

READ  Social media: una creatura fantascientifica che preoccupa le persone