Maggio 23, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Harry Kane: l’attaccante del Tottenham insiste che Antonio Conte abbia ancora il supporto del compagno di squadra | notizie di calcio

Harry Kane ha rivelato che i giocatori del Tottenham “non potrebbero essere più felici” mentre lavoravano sotto Antonio Conte e hanno promesso di “dare una vera possibilità ai primi quattro” da qui alla fine della stagione.

Il Tottenham non aveva stabilità sotto la guida del tecnico italiano e si trova all’ottavo posto in Premier League inglese, sei punti dietro i rivali storici dell’Arsenal, al quarto posto dopo aver giocato un’altra partita.

E in un’intervista esclusiva con Sky Sports prima della trasferta del Tottenham a Brighton mercoledì, Kane ha ribadito le recenti affermazioni di Conte secondo cui ricostruire gli Spurs non è una soluzione rapida prima della stagione cruciale.

“Ovviamente mi sento ancora come se fossimo nel processo”, ha detto. “Abbiamo passato due o tre anni a lottare per i titoli e poi negli ultimi due anni siamo tornati indietro. Con Antonio, sta costruendo una cultura in cui vuole essere e vuole riportarci in quel posto.

foto:
Kane festeggia dopo aver pareggiato un calcio di rigore contro il Manchester United con il suo decimo gol in 13 partite

“Premier League, il confine tra essere sfidato o essere quarto o essere sesto, settimo o ottavo è sottile. Ogni squadra sta migliorando e non ci sono partite facili.

“Certo, l’allenatore sta lavorando il più possibile e i giocatori stanno lavorando. Non è una soluzione rapida che accade dall’oggi al domani, ci vuole solo tempo e comprensione. Ha bisogno di parlare con il club e il presidente e capire quale direzione dobbiamo andare come un club, non possiamo parlarne abbastanza”.

Ken: Mi sto solo concentrando sul tour

Kane ha quasi lasciato il Tottenham la scorsa estate, con il Manchester City che ha inseguito il capitano dell’Inghilterra, ma la mossa non si è mai concretizzata e il 28enne si è impegnato nel nord di Londra.

READ  In questo giorno del 2011: il Chelsea ha esonerato Carlo Ancelotti dopo un anno di doppietta nazionale

Il vincitore della Scarpa d’Oro della Premier League dell’anno scorso ha avuto un inizio di stagione lento, segnando un gol nelle prime 15 partite, ma ora è tornato con 10 nelle ultime 13 partite di campionato.

È probabile che le speculazioni sul futuro di Kane aumenteranno di nuovo se il Tottenham non riuscirà a qualificarsi per la Champions League della prossima stagione, ma il capitano dell’Inghilterra insiste sul fatto che è concentrato solo sulle prime quattro gare, che iniziano all’AMEX Stadium mercoledì sera.

Harry Kane ha dato il meglio di sé nella vittoria del Tottenham sull'Everton
foto:
Kane ha dato il meglio di sé nella vittoria del Tottenham sull’Everton

“Sono il primo a guardare i miei benchmark”, ha aggiunto Kane. “In Premier League, nei primi mesi circa non ero al livello in cui sono sempre stato.

“Non era il momento di farsi prendere dal panico o di tenere il broncio, era un momento per lavorare sodo e da quando è arrivato Antonio abbiamo avuto una buona intesa tra di noi. Da giocatore, se stai migliorando sotto un allenatore, è la cosa migliore questo è importante.

“Quando sei là fuori e non sai dove stai andando e dove è diretto il club e questa è la parte più difficile come giocatore. Sento decisamente che sto migliorando e la squadra è con Antonio. È ti motiva a essere ancora migliore. Speriamo di poter finire la stagione e dare una vera possibilità ai primi quattro”.

Harry Kane riporta gli Spurs davanti
foto:
Kane è ancora una volta uno dei migliori marcatori del Tottenham in questa stagione

“Ovviamente l’obiettivo è sempre stato quello di entrare in Champions League, per il club. Personalmente, vuoi essere nei migliori campionati del mondo. Il mio obiettivo è quest’anno, entrare nei primi quattro è l’obiettivo più importante per noi adesso.

READ  Nickel Town Nostalgia: Brian Septelli parla di Little Italy fin dove arriva

“Mancano 11 partite e se riusciamo a correre è più che possibile. Questo è tutto ciò che posso controllare ed è tutto ciò che può controllare anche l’allenatore. Vediamo dove andremo a finire”.