Novembre 30, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Harry Kane: l’attaccante del Tottenham insiste che Antonio Conte abbia ancora il supporto del compagno di squadra | notizie di calcio

Harry Kane ha rivelato che i giocatori del Tottenham “non potrebbero essere più felici” mentre lavoravano sotto Antonio Conte e hanno promesso di “dare una vera possibilità ai primi quattro” da qui alla fine della stagione.

Il Tottenham non aveva stabilità sotto la guida del tecnico italiano e si trova all’ottavo posto in Premier League inglese, sei punti dietro i rivali storici dell’Arsenal, al quarto posto dopo aver giocato un’altra partita.

E in un’intervista esclusiva con Sky Sports prima della trasferta del Tottenham a Brighton mercoledì, Kane ha ribadito le recenti affermazioni di Conte secondo cui ricostruire gli Spurs non è una soluzione rapida prima della stagione cruciale.

“Ovviamente mi sento ancora come se fossimo nel processo”, ha detto. “Abbiamo passato due o tre anni a lottare per i titoli e poi negli ultimi due anni siamo tornati indietro. Con Antonio, sta costruendo una cultura in cui vuole essere e vuole riportarci in quel posto.

foto:
Kane festeggia dopo aver pareggiato un calcio di rigore contro il Manchester United con il suo decimo gol in 13 partite

“Premier League, il confine tra essere sfidato o essere quarto o essere sesto, settimo o ottavo è sottile. Ogni squadra sta migliorando e non ci sono partite facili.

“Certo, l’allenatore sta lavorando il più possibile e i giocatori stanno lavorando. Non è una soluzione rapida che accade dall’oggi al domani, ci vuole solo tempo e comprensione. Ha bisogno di parlare con il club e il presidente e capire quale direzione dobbiamo andare come un club, non possiamo parlarne abbastanza”.

Ken: Mi sto solo concentrando sul tour

Kane ha quasi lasciato il Tottenham la scorsa estate, con il Manchester City che ha inseguito il capitano dell’Inghilterra, ma la mossa non si è mai concretizzata e il 28enne si è impegnato nel nord di Londra.

READ  Taccuino: op ammette di consentire bersagli "bellissimi", colloqui Hrustic, spirito combattivo di Eintracht, PSGxGOAT e altro

Il vincitore della Scarpa d’Oro della Premier League dell’anno scorso ha avuto un inizio di stagione lento, segnando un gol nelle prime 15 partite, ma ora è tornato con 10 nelle ultime 13 partite di campionato.

È probabile che le speculazioni sul futuro di Kane aumenteranno di nuovo se il Tottenham non riuscirà a qualificarsi per la Champions League della prossima stagione, ma il capitano dell’Inghilterra insiste sul fatto che è concentrato solo sulle prime quattro gare, che iniziano all’AMEX Stadium mercoledì sera.

Harry Kane ha dato il meglio di sé nella vittoria del Tottenham sull'Everton
foto:
Kane ha dato il meglio di sé nella vittoria del Tottenham sull’Everton

“Sono il primo a guardare i miei benchmark”, ha aggiunto Kane. “In Premier League, nei primi mesi circa non ero al livello in cui sono sempre stato.

“Non era il momento di farsi prendere dal panico o di tenere il broncio, era un momento per lavorare sodo e da quando è arrivato Antonio abbiamo avuto una buona intesa tra di noi. Da giocatore, se stai migliorando sotto un allenatore, è la cosa migliore questo è importante.

“Quando sei là fuori e non sai dove stai andando e dove è diretto il club e questa è la parte più difficile come giocatore. Sento decisamente che sto migliorando e la squadra è con Antonio. È ti motiva a essere ancora migliore. Speriamo di poter finire la stagione e dare una vera possibilità ai primi quattro”.

Harry Kane riporta gli Spurs davanti
foto:
Kane è ancora una volta uno dei migliori marcatori del Tottenham in questa stagione

“Ovviamente l’obiettivo è sempre stato quello di entrare in Champions League, per il club. Personalmente, vuoi essere nei migliori campionati del mondo. Il mio obiettivo è quest’anno, entrare nei primi quattro è l’obiettivo più importante per noi adesso.

READ  Due nuove piste evidenziano il programma provvisorio per la MotoGP 2022

“Mancano 11 partite e se riusciamo a correre è più che possibile. Questo è tutto ciò che posso controllare ed è tutto ciò che può controllare anche l’allenatore. Vediamo dove andremo a finire”.