Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Hanno scoperto l’origine delle misteriose sfere giganti del mare

Cindy Fernandez Mark Hay Cinque minuti
Il diametro di una grande massa di uova può raggiungere un metro.
Il diametro di una grande massa di uova può raggiungere un metro.

Da oltre 30 anni i sub esplorano la costa norvegese Hai incontrato strani oggetti che galleggiavano tra la superficie del mare e il fondo del mare. Secondo i testimoni, erano enormi palle con una consistenza gelatinosa, Ciascuno ha un diametro compreso tra 60 cm e 1 metro. Erano più o meno trasparenti e avevano una striscia scura nel mezzo, ma nessuno conosceva la loro origine… fino ad oggi.

Leggi anche – Cosa succede se un satellite cade nel tuo giardino?

Negli anni gli avvistamenti di questi oggetti sono diventati frequenti, con più di 100 segnalazioni tra il Mediterraneo, l’Atlantico e le coste della Norvegia. Dopo anni di speculazioni, alcuni scienziati hanno pensato che potessero essere le uova di Ommastrephidae, Calamaro molto popolare con la capacità di scivolare fuori dall’acqua. Queste idee hanno formato un percorso e, grazie alla collaborazione della scienza dei cittadini e dei campioni di DNA, Il puzzle è stato risolto.

In realtà, Si tratta di sacchi contenenti centinaia di migliaia di uova di un’altra specie di mollusco marino, chiamato Illex coindetii Conosciuto come calamaro o lola o calamaro dentato Questa specie è nota da più di 180 anni e si trova in tutto il Mediterraneo e su entrambe le sponde dell’Atlantico, sebbene queste sacche di uova non siano mai state riconosciute in natura.

Sono cefalopodi con dieci artigli dal comportamento molto carnivoro e vorace. Hanno anche una crescita molto accelerata poiché di solito vivono un anno e muoiono dopo essere stati allungati. La femmina depone le uova in questa massa gelatinosa che consente alle uova e agli embrioni di rimanere a galla in profondità e al sicuro dalla maggior parte dei predatori.

READ  Una persona è stata uccisa e un'altra gravemente ferita a Chinatown, Ottawa

Per quanto riguarda la fascia speciale e scura che attraversa queste zoneI ricercatori sospettano che si tratti di un fiume di inchiostro espulso dalle femmine durante la fecondazione delle uova. “L’intensità dei campi può indicare il grado di maturità degli embrioni”, hanno determinato i ricercatori. “Quelli con una striatura più nitida o più scura saranno quelli creati di recente”. Inoltre, osserva il team, potrebbe anche essere una sorta di meccanismo di mimetizzazione. Progettato per imitare pesci di grandi dimensioni e spaventare potenziali predatori.

Scienza dei cittadini

Gli scienziati e i cittadini che hanno assistito a questi oggetti hanno lavorato come un’unica squadra per risolvere il mistero. Haldis Ringvold, direttore dell’organizzazione di zoologia marina Sea Snack Norway, ha lanciato una campagna scientifica per i cittadini Per incoraggiare i subacquei a prelevare piccoli campioni di tessuto da qualsiasi palla che trovano nelle acque vicino alla Norvegia.

Nel 2019, i subacquei hanno ascoltato la chiamata e gli hanno inviato campioni di tessuto provenienti da quattro diversi campi. L’hanno raccolto in piccole bottiglie di plastica e conservato nei frigoriferi domestici secondo le specifiche nel comunicato. Test del DNA di questi campioni Decisero che appartenevano tutti alla specie di calamaro Illex coindetii.

Siamo stati in grado di vedere gli embrioni di calamaro in quattro diverse fasi. Inoltre, abbiamo potuto seguire l’evoluzione della consistenza della pallina, da ferma e trasparente a fragile e opaca.

“Siamo stati in grado di vedere gli embrioni di calamaro in quattro diverse fasi. Inoltre, siamo stati in grado di seguire come la sfera è cambiata in consistenza da solida e trasparente a fragile e opaca”, ha affermato Haldis Ringvold, autore principale dello studio. Organizzazione zoologica Sea Snack Norway marina.

READ  definizione | Ross - la stazione spaziale orbitale russa - Ross محطة station

Ma nonostante i risultati ottenuti, parte del puzzle rimane: Gli scienziati sottolineano che non possono essere completamente sicuri che il 100% dei domini osservati dal 1985 appartengano tutti allo stesso tipo.