Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Greta Thunberg sta dando un vero impulso al cambiamento climatico?

E questo è il punto.

La terribile paura soffocante degli organizzatori della COP alle Nazioni Unite e nel Regno Unito era che sarebbe fallita rapidamente e male.

C’era una reale opportunità per questo non solo a causa della pandemia e della spaccatura nella rete delle relazioni internazionali nei sei anni trascorsi da Parigi.

Il mondo ha concordato a Parigi un quadro.

Le parti dell’accordo possono farla franca facendo promesse e poi tornare a casa.

Ma qui a Glasgow le promesse vengono messe alla prova.

Perché Glasgow abbia successo, non solo devono essere aggiornati gli obiettivi nazionali legati all’Accordo di Parigi, ma devono essere impegnati soldi veri. I dettagli su come riformare o licenziare le industrie esistenti devono essere scartati. Parigi ha promesso, ha detto il presidente della COP Alok Sharma, ma Glasgow deve mantenere.

Queste sono conversazioni più difficili. Non può essere così e così.

Per dare alle conversazioni sussurrate una possibilità di successo, lo slancio doveva essere mostrato nei primi giorni e, se non dimostrato, avrebbe dovuto essere fabbricato perché senza movimento all’inizio di queste conversazioni non ci sarebbe stato alla fine.

Finora lo slancio sembra reale. Analisti di fiducia hanno scoperto che un maggiore impegno nei confronti dei tagli nazionali e gli impegni per ridurre il metano e porre fine alla deforestazione hanno il potenziale per ridurre significativamente il riscaldamento.

Nella quarta giornata di colloqui sono attesi importanti annunci sul movimento internazionale per eliminare al più presto il settore dell’energia da carbone, obiettivo chiave degli organizzatori britannici di questa conferenza.

Scarica

I due temi – finanziamento e riduzione del carbonio – dovrebbero essere intrecciati in questi annunci, con alcune economie emergenti spinte ad abbandonare più rapidamente il carbone.

READ  Due genitori uccisi in un incidente in moto, lasciando orfane cinque ragazze

La Powering Past Coal Alliance, sostenuta dal Regno Unito, accoglierà quasi 30 nuovi membri, tra cui l’Ucraina, che ha la terza più grande flotta di carbone in Europa, e Singapore, che ha aperto il suo primo impianto a carbone solo un decennio fa.

Altri 25 paesi, circa 24 istituzioni finanziarie pubbliche, dovrebbero firmare un accordo per porre fine al finanziamento del carbone.

Greta Thunberg posa con il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon (al centro) e la collega attivista per il clima Vanessa Nakati (a destra) lunedì 1 novembre alla conferenza COP26 di Glasgow. a lui attribuito:GT

Lo stesso Johnson ha accennato al passaggio al carbone nel suo discorso di apertura alla COP, descrivendo l’era dei combustibili fossili e l’uso dei motori a vapore a carbone in particolare come “l’ora del giudizio universale”.

“Qui a Glasgow 250 anni fa, James Watt ha creato una macchina a vapore prodotta bruciando carbone”, ha detto.

“E sì, amici miei, vi abbiamo portato nel luogo in cui il dispositivo del giorno del giudizio ha cominciato ad apparire.”

Gli organizzatori della COP qui nelle prossime ore sperano di seppellire i carboni e fermare le sciocchezze.

Qualunque cosa ottengano o non riescano a raggiungere, è chiaro che Thunberg non farà un passo indietro.

Ricevi aggiornamenti quotidiani sul Summit sul clima che plasmerà il nostro futuro. Iscriviti alla newsletter della COP26 Qui.