Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Green Sun”, 50 anni fa la fantascienza prevedeva il 2022

La fantascienza può predire il nostro futuro? Abbiamo il diritto di porci la domanda in merito Sole Verde. Sebbene all’epoca molti critici dissero: “Questo film è del tutto improbabile,” Secondo l’ecologo Frédéric Ducarme, ricercatore in filosofia dell’ecologia.



58 minuti

Dalla sovrappopolazione al cambiamento climatico

Fare spazio! Fare spazio!, il romanzo di Harry Harrison è stato pubblicato a metà degli anni Sessanta, e la paura in quel momento era la sovrappopolazione ed è ciò che predice questo libro di fantascienza. Qualche anno dopo, quando il regista Richard Fleischer volle adattarlo al cinema, il baby boom si stava esaurendo e la sovrappopolazione divenne meno terrificante.

Richard Fleischer cerca di aggiornare la sua sceneggiatura e si rivolgerà all’ecologo professionista: Frank Bowerman. È lui che propone molti temi che, all’epoca, non erano del tutto sconosciuti: il riscaldamento globale, la crisi delle risorse, l’erosione della biodiversità e le conseguenze politiche di ciò. Il che lo rende un film molto sognante per l’epoca.Federico Ducarme

Il detective Thorne (Charlton Heston) vuole sapere cosa c'è dietro la realizzazione "sole verde"1973.
Il detective Thorne (Charlton Heston) vuole sapere cosa si nasconde dietro la realizzazione del film del 1973 “Green Sun”.

© AFP
– MGM

Nel film, l’uomo ha sfruttato tutte le risorse naturali della terra. Più alberi, più animali, più cibo, più acqua… Questa crisi alimentare sta rafforzando il potere delle multinazionali senza scrupoli.

Non contento di essere un film, come abbiamo visto così tanto da allora, parla di un disastro ambientale. È un film profondamente politico con l’idea di collusione tra uno stato corrotto e corporazioni fuorilegge. Mentre molti film sui disastri ambientali sono piuttosto Da parte cristiana in una certa misura punizione divina. Ecco, non è affatto quello. Siamo già in un film d’inchiesta che svela il sistema politico che ha portato alla crisi ambientale. Quindi abbiamo scelte politiche che portano a problemi ambientali, che a loro volta rafforzeranno i problemi politici e sociali. È questo groviglio totale, così inaspettato da parte di un grande studio di Hollywood come questo, che rende tutta l’originalità di questo film. Federico Ducarme

Amnesia ambientale

In questa New York immaginaria del 2022, con una popolazione di 44 milioni, poche persone ricordano il mondo prima. Gli abitanti, nutriti con barrette colorate, ricordano a malapena il vero cibo. Il film affronta in modo toccante e poetico un problema spesso trascurato della crisi ecologica: l’amnesia ambientale.

Sol, interpretato da Edward J. Robinson pochi mesi prima della sua morte, ricorda con affetto il mondo di prima.
Sol, interpretato da Edward J. Robinson pochi mesi prima della sua morte, ricorda con affetto il mondo di prima.

© AFP
– MGM

“L’amnesia ambientale è uno dei grandi concetti della psicologia ambientale ed è molto rappresentato nel film perché abbiamo due generazioni. Abbiamo il vecchio sol, che ricorda il ventesimo secolo, i paesaggi, gli ecosistemi, anche il buon cibo, che è stato completamente distrutto dall’evoluzione del mondo. Quindi , un esempio di solastalgia. Mentre Thorn, che è più giovane, ha una visione molto offuscata di queste storie. Inoltre pensa che siano in qualche modo esagerate e mitologiche, non si rende conto è tutto perduto. E questo è davvero uno dei grandi problemi per la psicologia ambientale: è che ogni generazione nasce in un mondo che è davvero povero e non si rende necessariamente conto di quello che era prima. Esempi di amnesia ambientale puoi trovare un molto più facilmente se andate in Costa Azzurra.Se si guardano i testi un po’ più antichi, nel VI secolo Dieci, il porto di Marsiglia infestato dai delfini era che era un problema per le barche. E sotto i romani Impero, le foche invasero tutte le coste del Mediterraneo francese.” Federico Ducarme

piccolo avviso ascoltato

Sole Verde Descrive brillantemente questo fenomeno lento e irreversibile di catastrofe ecologica. Pubblicato come un blockbuster, questo capolavoro di fantascienza ha segnato un’intera generazione mentre realizzava l’impresa di politicizzare la questione ambientale.

"Colore verde" Sono questi quadrati verdi che servono come base per il cibo 2022 di Soleil Vert, 1973.
“Soylent green” Questi sono i quadrati verdi usati come base per il cibo nel 2022 da Soleil Vert, 1973.

© AFP
– MGM

Ma quando è stato rilasciato nel 1973, non è stato l’aspetto ambientale a scioccare così tanto, ma ciò che ha scoperto il personaggio principale, Thorne, interpretato da Charlton Heston. Nessuno spoiler ma vi prometto che vale la pena (ri)guardare questo film, che è diventato un cult per il suo potere perspicace.

READ  Un'applicazione mobile per suscitare l'interesse dei giovani verso le professioni sanitarie