Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gran Premio del Bahrain, risultati delle qualifiche, Ferrari in pole, Charles Leclerc, Max Verstappen, Daniel Ricciardo, McLaren

Tutti speravamo prima delle qualifiche di avere una Ferrari contro la Red Bull Racing, ma sei stato coraggioso a scegliere una macchina rossa prima di una della Marina.

Il ritmo di Max Verstappen dai test pre-stagionali alle qualifiche è stato finora una delle storie dell’anno. La sua macchina era veloce e rassicurante. Sicuramente questa era la squadra da battere.

Ma a quanto pare no. Il margine tra i piloti è così piccolo che è impossibile dire quale squadra abbia un ruolo nella vettura più veloce. Fa ben sperare per il resto della stagione.

Guarda dal vivo tutte le prove libere, le qualifiche e le gare del Campionato del mondo di Formula 1 2022, a partire dal Gran Premio del Bahrain 2022 dal 18 marzo. Prova subito 14 giorni gratis>

Ma la gioia per la Ferrari contrasta nettamente con la delusione per la Mercedes e la pura disperazione per la McLaren, due squadre che, circa un mese fa, avevano buone ragioni per credere che questo sarebbe stato un anno in lotta per il titolo. La stagione è lunga e questo è solo un episodio su 23, ma da qui è una lunga strada da percorrere per entrambi.

Il Gioco: La preparazione della Ferrari ripaga della pole

La Red Bull Racing è stata la più veloce dopo i test pre-stagionali, ma la Ferrari ha avuto il miglior test in assoluto. Ha accumulato più giri grazie alla sua strategia di non apportare grandi aggiornamenti alla vettura una volta iniziati i test, permettendole di sviluppare una profonda comprensione della macchina che aveva a sua disposizione.

La differenza nei livelli di impostazione è relativamente piccola, ma con nuove normative diverse come questa, piccole differenze si sommano. La Ferrari può apportare modifiche all’assetto della sua vettura poco prima dell’inizio delle qualifiche, sapendo con sicurezza che capirà il risultato.

READ  Continuando la Tradizione del Servizio Pubblico Baronzzi | Notizie, sport, lavoro

Ora è in una competizione privilegiata per conquistare una siccità di due anni di vittorie per iniziare la nuova era della F1.

“Il fatto che entrambi i piloti fossero in lizza per il primo posto la dice lunga sulla forza del nostro gruppo”, ha detto il principale Ferrari Mattia Binotto dopo che Leclerc ha conquistato la pole con Carlos Sainz al terzo posto. “Abbiamo sempre detto che per eccellere contro avversari così forti dobbiamo essere perfetti e penso che come squadra oggi siamo stati molto bravi”.

Charles Leclerc è pronto per la vittoria. Foto di Clive Mason/Getty Images.Fonte: Getty Images

Questo non vuol dire che la Red Bull Racing non abbia cucinato bene in alcun modo, ma ha fatto un po’ sottoperformare nella crisi. La preparazione delle gomme nel terzo quarto è stata determinata da Verstappen che lo ha lasciato in disparte per i primi giri, quando è fondamentale costruire il momento per l’importantissimo giro finale.

“C’è ancora molto da imparare”, ha detto Verstappen. “La Q2 è stata buona, ma la Q3 è stata molto più incostante per non aver trovato il giusto equilibrio – c’era qualche esagerazione in curva, quindi non puoi davvero attaccare la curva, il che rende molto difficile mettere insieme quel giro. quindi è qualcosa che dovremo guardare”.

È anche chiaro che queste due vetture si comportano in modo diverso. La Ferrari ha aumentato la potenza al ribasso con il progredire del fine settimana e, sebbene fosse più veloce nello speed trap di venerdì, è rimasta indietro rispetto alla Red Bull Racing durante le qualifiche. Tuttavia, ha decisamente mantenuto il vantaggio in curva e la natura di questo circuito premia la trazione e la potenza in uscita di curva più della sola velocità in rettilineo.

È un buon segno che la battaglia per il campionato è già iniziata. Tieni presente che questa è solo la prova di un determinato circuito, e il fact-test condotto qui la scorsa settimana significa che entrambe le squadre hanno iniziato il fine settimana con una maggiore conoscenza dei loro punti di forza e di debolezza rispetto alle altre piste, ma ora il gioco continua.

Falsa alba per Mercedes

Quando le qualifiche sono finite, la Mercedes è andata male come si era preparata nell’ultima settimana. Ha la terza vettura più veloce, ma la terza è lontana dai primi, con Hamilton quinto in griglia ea più di 0,6 secondi dal comando.

Il team sta ancora cercando di massimizzare l’aggressivo pacchetto aerodinamico consegnato in ritardo per i test, sabotando l’espressione del divario di conoscenze. Confrontalo con una Ferrari. Il team italiano si è concesso sei giorni interi di test per esplorare la sua vettura. È stata la squadra che ha sofferto di più a causa della focena il primo giorno, ma alla fine di questa settimana era sufficientemente sistemata per non essere un problema.

Mercedes ha fatto solo metà dei test con questo pacchetto aerodinamico. L’acceleratore è stato serrato nel quarto giorno ed è ancora evidente questo fine settimana, anche se il team ha fatto quello che sembrava essere un progresso significativo durante le prove libere del sabato e ha prodotto una vettura più stabile per qualificarsi. La caccia al maiale gli impedisce di massimizzare la sua velocità massima e il pacchetto generalmente funziona in modo meno efficiente di Ferrari e Red Bull Racing, lasciandolo con molta resistenza nonostante le sponde laterali in miniatura.

In realtà sono tre giorni su otto ore di test dietro il resto. La riparazione richiederà tempo.

“Sembrava che fossimo un po’ in ritardo la scorsa settimana”, ha detto Hamilton. “Abbiamo apportato alcuni miglioramenti e ci stiamo avvicinando, quindi sono orgoglioso di ciò che abbiamo ottenuto e di dove dobbiamo andare.

“Speriamo di fare un altro passo la prossima settimana e, a poco a poco, daremo la caccia a questi ragazzi”.

È solo una questione di quanto siano in alto RBR e Ferrari sulla strada quando Mercedes raggiunge il ritardo.

I filmati fanno sembrare l’auto più veloce. Foto di Clive Mason/Getty Images.Fonte: Getty Images

La McLaren soffre di un disturbo da allenamento

Risparmia un po’ della tua delusione con la McLaren, un team che ha promesso così tanto all’inizio durante i test e sembrava tranquillamente fiducioso delle sue eventuali possibilità nel terzo trimestre nella prima sessione competitiva dell’anno e in corsa per le risposte.

Daniel Ricciardo è stato il primo a ritirarsi dalle qualificazioni con un temibile 18° posto, mancando l’inning di 0,2 secondi. Norris è stato 0,7 secondi più veloce per entrare nel secondo quarto, ma al termine della divisione si era unito anche ai suoi compagni garage, essendo uscito cinque posizioni più in alto al 13° posto.

Ovviamente, l’auto semplicemente non è abbastanza buona.

Parte dell’incoerenza nella mancanza di competitività della macchina in Bahrain è dovuta al numero sproporzionato di giri che la McLaren è stata in grado di ottenere nei test della scorsa settimana qui. È stato il meno riuscito di tutti i team negli ultimi tre giorni, completando 185 giri in meno rispetto alla Red Bull Racing, ovvero più di tre distanze in un Gran Premio lì.

A questo aggiungi la diagnosi di COVID di Ricciardo che lo ha tenuto fuori dalla macchina per quei tre giorni più una perdita d’acqua che lo ha limitato a soli 12 giri nella sessione cruciale delle FP2 e puoi iniziare a calcolare anche parte della sua discrepanza.

Più formula 1

Qualifiche Inferno: Ricciardo terzo dopo la caduta della McLaren

Errore da titolo 2021: Mercedes e Red Bull vengono richiamate nel report FIA ad Abu Dhabi

Entra e fallo: il campione del mondo di Formula 1 confuta le scuse “nonsense” di Ricciardo

Ma c’è solo così tanto tempo sul giro ipotetico che puoi consegnare alla McLaren quando Norris era 1,2 secondi più lento di Verstappen nel secondo quarto quando è stato eliminato e 1,5 secondi più lento del tee time di Verstappen. Se stiamo parlando del fatto che la Mercedes sia a circa un mese dall’inizio delle gare per ridurre il divario di 0,6 secondi davanti, beh, fai i conti.

La buona notizia è che i piloti hanno riferito che la vettura è stata meno impegnativa per il pilota rispetto allo scorso anno, infatti entrambi hanno riferito che era ben bilanciata, con il tempo sul giro semplicemente perso a causa della mancanza di aderenza generale. Alcuni di questi possono essere trovati in una configurazione più potente, ma indica anche una leggera mancanza di prestazioni aerodinamiche che può essere risolta solo attraverso aggiornamenti.

“Era chiaro che questo fine settimana abbiamo iniziato con il piede indietro dopo un test difficile che Daniel ha saltato”, ha detto Andreas Seidl, team principal della McLaren. “Allo stesso tempo, dobbiamo anche riconoscere che semplicemente non stiamo offrendo il livello di prestazioni che desideriamo”.

Daniel Ricciardo si sta godendo una rara opportunità di guidare la McLaren. Foto di Mazen Mahdi/AFP.Fonte: Agence France-Presse

Grande serata per Alfa Romeo e Haas, ma i nervi saldi

Valtteri Bottas partirà insieme a Lewis Hamilton sulla griglia di partenza – un’idea familiare, ma questa volta saranno su vetture diverse.

Bottas è stato solo 0,3 secondi più lento di Hamilton per piazzarsi sesto in griglia nel suo primo fine settimana con i colori dell’Alfa Romeo. Le qualifiche sono sempre state il punto forte del finlandese, quindi puoi dire con sicurezza che ha praticamente strappato il limite dalla sua macchina – un buon segno di miglioramento considerando che la squadra svizzera è riuscita a conquistare solo il 12° e il 14° posto qui la scorsa stagione.

Dietro di lui parte Kevin Magnussen – l’uomo che non aveva un contratto in Formula 1 meno di due settimane fa – per Haas, che l’anno scorso è stata la squadra meno comodamente competitiva di questo sport. È una straordinaria storia di rimonta per il pilota e la squadra, che si stanno configurando come capitano di centrocampo.

Ma entrambi i piloti inizieranno la gara con una certa trepidazione. Alfa Romeo e Haas sono state le auto più cronicamente inaffidabili durante i test e anche durante gli allenamenti di questo fine settimana. L’intera distanza di gara nel deserto in quella che dovrebbe essere la serata più calda del fine settimana significa che i punti non sono garantiti nonostante il loro ritmo apparente.

Valtteri Bottas: Nuova squadra, stessa velocità. Foto di Mazen Mahdi/AFP.Fonte: Agence France-Presse

Gran Premio del Bahrain: cosa guardare

La nuovissima era della Formula 1 significa che i team hanno pochi e preziosi dati su cui basare le loro previsioni strategiche per il Gran Premio, che aggiungeranno un ulteriore elemento di intrighi alla battaglia che li attende.

Raschiare nel cerchio significa che una strategia di arresto sarà il percorso più rapido verso la scienza, soprattutto considerando che il frame medio è circa 1,2 secondi più lento del frame morbido – l’idea di passare così tanto tempo su un frame da essere molto più lento. Per essere attraente per la maggior parte delle persone.

Ma nel contesto della battaglia per la vittoria, Ferrari e Red Bull Racing hanno entrambe due vetture davanti, e se le quattro escono dalla linea nell’ordine e rimangono più o meno uguali nel primo periodo, aspettatevi strategie divise alle prime soste.

L’accelerazione della Ferrari in uscita di curva sarà vantaggiosa in fase difensiva, quindi mantenere la posizione in pista sarà la chiave per la vittoria, anche quando è coinvolta una strategia più lenta.

Sarà interessante vedere come la Mercedes stratega la sua corsa nella terra di nessuno per diventare la terza più veloce. Il divario in vantaggio sul ritmo di gara si ridurrà, quindi farai una strategia aggressiva per rimanere sul leader e sperare di prosciugare per vincere il podio, o finirà il tempo e giocherà per i punti?

Guarda dal vivo tutte le prove libere, le qualifiche e le gare del Campionato del mondo di Formula 1 2022, a partire dal Gran Premio del Bahrain 2022 dal 18 marzo. Prova subito 14 giorni gratis>

La gara rivelerà anche se queste nuove regole miglioreranno la capacità delle vetture di seguirsi più da vicino, e la battaglia mista di quarterback – Alfa Romeo, Haas, Alpine e AlphaTauri testeranno una vettura nella top 10 – le metterà alla prova test. Di solito è una buona pista da superare, quindi tutto fa ben sperare per una gara ricca di azione.

Il fatto che la gomma morbida abbia un grip molto maggiore rispetto alla media la renderà anche la mescola di partenza preferita, il che significa che ci troveremo davanti a una frenetica finestra di prima sosta in cui la maggior parte dei piloti spegne la mescola più o meno nello stesso momento , che farà oscillare il sistema.

Infine, la spinta principale di tutti i piloti stasera sarà quella di portare le vetture a casa. I dati sono così preziosi all’inizio di questo ciclo normativo, non c’è test migliore di un’auto che in condizioni di gara reali. Questa è la prima gara di soli 23: correre in Formula 1 è una partita lunga.