Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Grafico dell’economia globale: l’inflazione sta diminuendo dagli Stati Uniti all’Europa

(Bloomberg) — L’inflazione in tutto il mondo sta finalmente iniziando a uscire dall’ebollizione, ma ciò fornisce solo un po’ di sollievo ai banchieri centrali globali che considerano le pressioni sui prezzi ancora troppo intense.

Negli Stati Uniti, la cosiddetta inflazione core, che esclude i prezzi di cibo ed energia, è aumentata meno del previsto dello 0,2% in ottobre rispetto al mese precedente. L’inflazione annuale nella zona euro è rallentata a novembre al massimo dal 2020, ma è rimasta elevata al 10%.

Sebbene interessante, ci sono ancora prove che l’inflazione potrebbe essere più permanente. I datori di lavoro statunitensi hanno aggiunto più posti di lavoro del previsto e i salari sono aumentati al massimo in quasi un anno. E nel Regno Unito, i datori di lavoro rimangono fiduciosi nella loro capacità di trasferire costi più elevati ai consumatori, mentre le aspettative di inflazione sono ostinatamente elevate.

Ecco alcuni dei grafici apparsi su Bloomberg questa settimana sugli ultimi sviluppi dell’economia globale:

Globalismo

L’inflazione globale sta mostrando segni di picco, anche se un possibile lento declino dai massimi pluridecennali significa che rimarrà una preoccupazione per le banche centrali fino al 2023.

Le fabbriche in Europa e in Asia hanno faticato a novembre a causa della debole domanda globale ed è improbabile che la pressione si riduca nei prossimi mesi. I sondaggi aziendali condotti da S&P Global hanno indicato una diminuzione dell’attività e prospettive negative in gran parte di entrambe le regioni.

La banca centrale del Ghana ha alzato il suo tasso di interesse di riferimento al livello più alto in oltre 19 anni per reprimere l’inflazione persistente. In rialzo anche Thailandia e Guatemala, mentre sono rimaste piatte le banche centrali di Repubblica Dominicana, Mozambico e Botswana.

READ  Vodafone avverte che l'inflazione e un'economia difficile potrebbero frenare i profitti quest'anno

noi

I datori di lavoro statunitensi hanno aggiunto più posti di lavoro del previsto e gli stipendi sono aumentati al massimo in quasi un anno, indicando continue pressioni inflazionistiche che stanno aumentando le possibilità di tassi di interesse più elevati da parte della Federal Reserve.

Una misura chiave dei prezzi al consumo ha registrato quest’anno il suo secondo aumento minore, mentre la spesa ha accelerato, offrendo la speranza che gli aumenti dei tassi della Fed riducano l’inflazione senza innescare una recessione. L’indice dei prezzi della spesa per consumi personali meno cibo ed energia, che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha confermato questa settimana è una misura più accurata della direzione dell’inflazione, è salito meno del previsto dello 0,2% a ottobre. Ha anche ridotto i costi dei servizi di base.

Europa

L’inflazione nella zona euro è rallentata per la prima volta in un anno e mezzo, dando un barlume di speranza alla Banca centrale europea nella sua lotta per raffreddare il peggior shock dei prezzi al consumo in una generazione. L’inflazione è scesa al 10% a novembre rispetto a un anno fa, aiutata dai minori aumenti dei prezzi dell’energia e dei servizi.

I sondaggi rivelano un crescente rammarico tra i britannici che hanno votato per lasciare l’Unione Europea nel 2016, in gran parte a causa delle preoccupazioni per l’economia. Gli investimenti delle imprese hanno sofferto più di Germania, Francia e Italia. Gli investimenti sono rimasti indietro rispetto a tutte le economie avanzate del G7 dal referendum sulla Brexit.

Le pressioni inflazionistiche nell’economia del Regno Unito hanno mostrato solo limitati segni di attenuazione a novembre, con le aziende che prevedono di aumentare i prezzi del 5,7% nei prossimi 12 mesi.

READ  Un laborioso uomo ghanese residente in Italia rivela di essersi trasferito in Ghana per lavorare come "Vita" (Video)

Asia

Le importazioni cinesi dalla Corea del Sud sono diminuite di oltre il 25% il mese scorso, al livello più basso dal febbraio 2021. Questo calo è un’altra indicazione di quanto la politica Covid Zero del governo di Pechino stia influenzando il consumo e la domanda globali.

Le società giapponesi hanno aumentato la spesa per il quarto trimestre consecutivo a fronte di livelli di yen nettamente più deboli, un risultato che probabilmente contribuirà a migliorare la debole performance dell’economia nel terzo trimestre.

mercati emergenti e di frontiera

L’attività economica del Cile ha registrato una ripresa inaspettata in ottobre con un aumento della produzione mineraria e la resilienza del settore al dettaglio, poiché l’inflazione annuale ha iniziato ad allentarsi rispetto ai massimi pluridecennali.

Il Messico ha registrato rimesse record in ottobre, poiché i lavoratori che vivono all’estero hanno continuato a inviare denaro a casa e sostenere l’economia del paese. Il denaro totale inviato a casa dai messicani che vivono negli Stati Uniti è stato di 5,36 miliardi di dollari a ottobre.

– Con l’assistenza di Philip Aldrick, Andrew Atkinson, Maya Averbush, Matthew Bosler, Max de Haldevang, Claire Giao, Simon Kennedy, Matthew Malinowski, James Maiger, Yoshiaki Nohara, Reed Beckert, Craig Sterling, Alex Tanzi, Alexander Weber ed Erika Yokoyama .

© BloombergLP 2022