Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

GOR Wool Mill destinato a diventare uno dei più grandi in Australia con piani di espansione | Vita di campagna del Queensland

Il trasferimento dell’allevamento di alpaca e del lanificio a Ballarat aggiungerà un prestigioso campo di attività produttive all’area e creerà una nuova attrazione turistica.

Great Ocean Road Woolen Mill, ora noto come GOR Woollen Mill, sta spostando i suoi alpaca a Borumpet e installando nuove macchine a Delacombe.

Il trasferimento dalla precedente sede dell’azienda a Ecklin South, vicino a Timboon, è stato determinato dalla necessità di trovarsi in una posizione più ampia per stare al passo con la domanda della loro fibra di alpaca ed essere vicino alla loro base di clienti.

I proprietari Nick e Isabel Renters avevano appena trascorso una settimana importante iniziando a scaricare sette scatole di macchine nuove per la lavorazione della lana dall’Italia presso lo stabilimento di Delacombe.

Siamo molto appassionati di ciò che facciamo e ci piacerebbe portare le persone in quei viaggi con noi. – Inquilini di Isabel, GOR. Lanificio

Hanno detto che stavano aspettando pazientemente una consegna che doveva arrivare a novembre ma è stata ritardata a causa del COVID-19 e della spedizione.

“È un’enorme espansione”, ha detto Renters.

“Il COVID ha colpito e ci siamo dati da fare… stavamo lottando per tenere il passo con la domanda e abbiamo pensato che dovessimo espanderci in qualche modo da qualche parte e abbiamo deciso di fare il salto”.

Il signor Renters ha affermato che la nuova attrezzatura consentirà all’azienda di aumentare la sua produzione da quattro a cinque volte per diventare il terzo più grande lanificio australiano.

“Per fare ciò, avevamo bisogno di molta più energia di quella che potevamo ottenere nel nostro sito di Ecklin South e avevamo anche bisogno di personale che ci aiutasse”, ha affermato.

READ  L'Ucraina aumenta le importazioni di cibo dall'Italia

“Siamo già stati a Ballarat prima e lo adoriamo davvero qui. C’è una comunità di artigiani davvero enorme a Ballarat e molti dei nostri clienti nell’area. Aveva davvero senso. “

“Speriamo che nelle prossime tre settimane tutto venga smantellato, installato e messo in servizio all’inizio di maggio”.

Leggi di più:

Lo stabilimento di Delacombe ospita il nuovo macchinario del lanificio che ha la capacità di lavorare grandi quantità di lana e misto lana.

Il piano a lungo termine prevede la creazione di un secondo sito di lavorazione a Borumpet con macchine che richiedono meno energia e possono elaborare piccole quantità di fibra che possono essere ricondotte a un singolo alpaca.

“Puoi trovare le tracce di Evie dall’altra parte del capannone”, disse la signora Renters.

I coniugi inquilini sono in attesa dell’esito di una richiesta di pianificazione con il Comune di Ballarat per la costruzione di una casa e di un lanificio sul sito e si aspettano che il risultato sia visibile entro poche settimane.

Hanno in programma di vivere nel sito, il che renderà più facile prendersi cura di animali malati e anziani, compresi gli alpaca di 19 anni che non hanno denti e necessitano di un’alimentazione supplementare.

Sperano di togliere completamente l’ambientazione dalla rete e creare un hub per il turismo e l’istruzione, consentendo alle persone di vedere l’alpaca e come viene lavorata la lana.

“In un mondo che sta diventando più attento all’ambiente e mette in discussione la produzione all’estero, quale modo migliore per evidenziare ciò che può e dovrebbe essere fatto a livello locale”, afferma il rapporto sul permesso di pianificazione.

“In precedenza, così tante clip di alpaca australiane venivano inviate in Perù per l’elaborazione e quindi al mercato globale della filatura, rendendo virtualmente impossibile la tracciabilità e altre credenziali simili”.

READ  Muore a 83 anni l'industriale indiano Rahul Bajaj

I clienti potranno visitare la proprietà per vedere l’alpaca, imparare come vengono lavorate le fibre e acquistare filati e prodotti come berretti e sciarpe.

Il signor e la signora Renters hanno detto che sperano di realizzare questa visione entro l’estate.

Hanno detto di essersi sentiti molto ben accolti a Ballarat e hanno apprezzato il fatto che così tante persone nella comunità fossero entusiaste dei loro affari.

“Siamo molto entusiasti di quello che stiamo facendo e vorremmo portare le persone con noi in quei viaggi”, ha detto la signora Renters.

L’impresa della coppia ha iniziato a coltivare alpaca e lavorare la lana dopo che si sono trasferiti a Ecklin South per cambiare un albero.

Volevano il bestiame nella loro grande proprietà, col tempo si sono resi conto di amare gli alpaca.

Renter ha detto che era difficile trovare qualcuno che lavorasse le fibre del proprio alpaca e più lo guardavano, si rendevano conto che molte delle fibre degli alpaca in tutta la campagna sarebbero state sprecate.

“Pensavamo di andare. Nel 2015, abbiamo avuto il nostro primo lotto di apparecchiature provenienti dal Canada e da allora ha vissuto, imparato e lavorato su ciò che potrebbe funzionare per noi”, ha affermato il signor Renters.

“Una volta che abbiamo iniziato a produrre filati per la vendita al dettaglio, abbiamo trovato una vera lacuna nel mercato perché non ci sono molti filati di fabbricazione australiana”.

Il signor e la signora Renters si sono incontrati in Thailandia per fare volontariato dopo lo tsunami del 2004, poi si sono sposati e hanno vissuto a Warrnambool, dove il signor Renters è cresciuto.

La donna assunta è originaria della Germania e in precedenza ha vissuto in Inghilterra.

READ  Sei nuovi colleghi senior si uniscono a Jackson

Inizia la tua giornata con tutte le novità importanti in agricoltura! Iscriviti qui sotto per ricevere la nostra newsletter giornaliera FarmOnline.

la storia Il lanificio è destinato a diventare uno dei più grandi lanifici in Australia È apparso per la prima volta in Corriere.