Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli Stati Uniti approvano le potenziali vendite del sistema obice a Taiwan | notizie dalla Cina

Il potenziale accordo, che deve ancora essere finalizzato, ha fatto arrabbiare ancora una volta la Cina mentre gli Stati Uniti cercano legami più stretti con Taiwan.

Gli Stati Uniti hanno approvato una possibile vendita di sistemi di artiglieria obici a Taiwan in un accordo del valore di 750 milioni di dollari, ha annunciato il Pentagono, attirando la condanna della Cina.

L’approvazione del Dipartimento di Stato è stata annunciata mercoledì sulla scia delle vendite di armi all’isola lo scorso anno che includevano droni e difese missilistiche costiere volte a modernizzare le capacità di Taiwan e scoraggiare una potenziale invasione dalla Cina, che afferma che Taiwan amministrata democraticamente come il proprio territorio sarebbe stato preso. . forza se necessario.

Il Pentagono ha affermato che il pacchetto includerà 40 obici semoventi M109A6 da 155 mm, 1.698 kit di guida di precisione per munizioni, pezzi di ricambio, addestramento, stazioni di terra e aggiornamenti alla precedente generazione di obici taiwanesi.

L’amministrazione del presidente Joe Biden ha approvato altre vendite commerciali dirette di armi a Taiwan dal suo insediamento all’inizio del 2021 e ha cercato di approfondire ulteriormente i legami con l’isola, facendo arrabbiare Pechino.

Mercoledì l’Agenzia per la cooperazione alla sicurezza della difesa del Pentagono ha notificato al Congresso il potenziale accordo.

Come la maggior parte dei paesi, gli Stati Uniti non hanno relazioni diplomatiche formali con Taiwan, ma sono tenuti dalla legge del 1979 a fornire all’isola autonoma i mezzi per difendersi ed è il suo più importante sostenitore internazionale.

Nonostante l’approvazione del Dipartimento di Stato, la notifica non indica che il contratto sia stato firmato o che le trattative siano terminate.

READ  SEG Plaza in Cina è stata ispezionata dagli ingegneri dopo essere stata scossa, costringendo le persone a fuggire

Se un tale accordo viene formalizzato, il Congresso potrebbe anche approvare una legge che blocchi la vendita, sebbene negli ultimi anni ci sia stata poca volontà politica di fermare le vendite di armi statunitensi a Taiwan, poiché sia ​​i repubblicani che i democratici hanno in gran parte dato la priorità a ciò che chiamano aggressione cinese di confronto.

Il ministero della Difesa di Taiwan giovedì ha espresso la sua “sincera gratitudine” al governo degli Stati Uniti, affermando in una dichiarazione che le vendite aiuterebbero le sue forze di terra ad aumentare la loro “capacità di risposta rapida e supporto di fuoco”.

Il dipartimento ha descritto il continuo sostegno militare degli Stati Uniti come “la base per mantenere la stabilità regionale”.

Nel frattempo, il ministero degli Esteri cinese ha dichiarato di “si oppone fortemente” alle vendite e ha presentato “risolute proteste” a Washington, secondo una dichiarazione del portavoce del ministero sul sito web del ministero.

Il portavoce ha affermato che le vendite hanno “interferito” negli affari interni della Cina e ha avvertito che Pechino avrebbe adottato contromisure man mano che la questione si sviluppava.