Febbraio 5, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli scienziati hanno scoperto quasi 100.000 nuovi tipi di virus

Uno studio rivoluzionario dell’Università di Tel Aviv ha scoperto circa 100.000 nuove specie di virus precedentemente sconosciute, un aumento di nove volte del numero di virus a RNA finora noti alla scienza. Questi virus sono stati rilevati in dati ambientali globali da campioni di suolo, oceani, laghi e altri ecosistemi. Questa scoperta potrebbe contribuire allo sviluppo di farmaci antimicrobici e alla prevenzione di funghi e parassiti dannosi per l’agricoltura.

Studio: L’espansione virale globale dell’RNA rivela diverse popolazioni di fagi. Credito immagine: Golden Wind / Shutterstock

Il dottorando Uri Neary ha condotto lo studio sotto la supervisione del professor Uri Govna della Shmoni School of Biomedicine and Cancer Research presso la Sagesse School of Life Sciences dell’Università di Tel Aviv. La ricerca è stata condotta in collaborazione con le organizzazioni di ricerca statunitensi NIH e JGI, nonché con l’Istituto Pasteur in Francia. Lo studio è stato pubblicato su una rivista rispettabile cellula I dati raccolti includevano più di cento scienziati provenienti da tutto il mondo.

I virus sono parassiti genetici, il che significa che devono infettare una cellula vivente per riprodurre le sue informazioni genetiche, produrre nuovi virus e completare il ciclo di infezione. Alcuni virus sono agenti patogeni che possono danneggiare l’uomo (come il coronavirus). Tuttavia, la stragrande maggioranza dei virus non ci danneggia e infetta le cellule batteriche, alcuni addirittura vivono all’interno del nostro corpo senza che ce ne accorgiamo.

Uri Neary afferma che lo studio ha utilizzato nuove tecnologie informatiche per estrarre informazioni genetiche da migliaia di diversi punti di campionamento in tutto il mondo (oceani, suoli, acque reflue, sorgenti, ecc.). I ricercatori hanno sviluppato un sofisticato strumento informatico che distingue il materiale genetico dei virus a RNA da quello dei loro ospiti e lo ha utilizzato per analizzare i big data. Questa scoperta ha permesso ai ricercatori di ricostruire il modo in cui i virus subiscono diversi processi di adattamento durante il loro sviluppo evolutivo per adattarsi a diversi ospiti.

READ  Applicazione dell'intelligenza artificiale alla produzione industriale e sanitaria | Scienza

Analizzando le loro scoperte, i ricercatori hanno identificato i virus sospettati di infettare diversi microrganismi patogeni, aprendo la possibilità di utilizzare i virus per controllarli.

“Il sistema che abbiamo sviluppato consente analisi evolutive approfondite e una comprensione di come i diversi virus a RNA si sono evoluti nel corso della storia evolutiva. Una delle domande principali in microbiologia è come e perché i virus si trasferiscono i geni l’un l’altro. Abbiamo identificato una serie di casi in cui lo scambio di geni ha permesso ai virus di infettare gli organismi Inoltre, rispetto ai virus a DNA, la diversità dei virus a RNA e i loro ruoli negli ecosistemi microbici non sono ben compresi.Virus a DNA Il professor Govna ha affermato che questo apre le porte alla ricerca futura e a una migliore comprensione di come i virus possono essere sfruttati per l’uso in medicina e agricoltura.

Nel complesso, i risultati mostrano una significativa espansione della diversità Culto, in particolare virus a RNA associati a batteri. Inoltre, hanno apportato modifiche relativamente minori all’ultimo schema tassonomico, che ne supporta la solidità complessiva. Inoltre, si ritiene che i virus a RNA abbiano molteplici funzioni proteolitiche. Questo lavoro ha prodotto un gran numero di sequenze e derivati ​​a cui è possibile accedere tramite il sito Web associato (riboviria.org) o tramite il repository Zenodo. Con questa risorsa, i ricercatori possono ottenere un contesto significativo quando descrivono nuovi virus a RNA nella ricerca futura. Ad esempio, ottenendo informazioni sulle distribuzioni ecologiche di particolari ceppi virali o annotando i loro domini proteici. Inoltre, questa risorsa può aiutare i ricercatori a identificare i genomi dei principali virus a RNA che possono essere caratterizzati sperimentalmente.