Settembre 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli scienziati di DeepMind hanno addestrato un’IA per controllare la fusione nucleare

Scienziato britannico di intelligenza artificiale e CEO di DeepMind Demis Hassabis.

Sciarpa OLI | AFP | Getty Images

Gli scienziati di DeepMind hanno trovato un’altra applicazione reale per il loro software di intelligenza artificiale.

Laboratorio di intelligenza artificiale con sede a Londra, di cui è proprietaria l’alfabetoMercoledì, ha annunciato di aver addestrato un sistema di intelligenza artificiale per controllare e scolpire plasma ultra caldo all’interno di un reattore a fusione nucleare.

La fusione nucleare, un processo che alimenta le stelle dell’universo, comporta la scomposizione e la fusione dell’idrogeno, un elemento comune nell’acqua di mare.

Questo processo, che rilascia enormi quantità di energia, è stato descritto come una fonte illimitata di energia pulita, ma restano da superare una serie di sfide tecniche.

Qui sulla Terra, gli scienziati usano i tokamak – vasi di forma circolare circondati da bobine elettromagnetiche – per cercare di ricreare le reazioni di fusione nucleare che si verificano nello spazio.

I magneti in questi tokamak sono usati per “contenere” plasma di idrogeno volatile, che è molto più caldo del nucleo del sole. Il controllo della bobina magnetica attualmente richiede più livelli di complessi sistemi di controllo.

Martin Redmiller, Head of Control Team di DeepMind e coautore del libro A Un articolo pubblicato sulla rivista Nature Mercoledì, ha detto alla CNBC che si tratta di un problema di controllo “davvero complesso”.

In collaborazione con lo Swiss Plasma Center dell’EPFL, un’università di Losanna, in Svizzera, DeepMind ha affermato di aver sviluppato un sistema di apprendimento basato sull’intelligenza artificiale in grado di controllare i magneti e alterarne la tensione migliaia di volte al secondo.

READ  Google porta Privacy Sandbox su Android

Miglioramento dell’apprendimento, una tecnologia di formazione AI che DeepMind sta particolarmente strombazzando, prevede la programmazione di un’IA per intraprendere determinate azioni al fine di massimizzare le sue possibilità di guadagnare una ricompensa in una determinata situazione. In altre parole, l’algoritmo “impara” a completare un compito cercando queste ricompense preprogrammate.

L’anonimo AI DeepMind, che è stato sviluppato su un simulatore virtuale, è stato utilizzato circa 100 volte su un tokamak presso il centro svizzero del plasma noto come Tokamak Variable Formation. Il magnete controlla il tokamak per due secondi, che è la quantità massima di tempo in cui il reattore può funzionare prima che si riscaldi.

Circa 10-20 persone di DeepMind hanno lavorato al sistema di intelligenza artificiale con circa 5-10 persone dell’EPFL.

“La fusione per come la vedo io è una delle fonti di energia più fondamentali che abbiamo nell’intero universo”, ha detto alla CNBC Federico Felici, ricercatore presso lo Swiss Plasma Center. “Una volta che avremo effettivamente padroneggiato questa tecnologia… è un’impresa enorme perché sarai in grado di ottenere energia quasi illimitata in futuro.”

Damien Ernst, un professore dell’Université de Liège che non è stato coinvolto nel lavoro, ha salutato la ricerca come una delle applicazioni più importanti dell’apprendimento per rinforzo fino ad oggi, aggiungendo che “potrebbe accelerare significativamente lo sviluppo dei reattori a fusione e, in definitiva, avere il potenziale per combattere il cambiamento globale”.

DeepMind ha deciso di hackerare l’Intelligenza Generale Artificiale, che viene spesso definita il Santo Graal dell’IA.

L’azienda ha iniziato a sviluppare sistemi di intelligenza artificiale in grado di padroneggiare giochi come scacchi e andare. Ora vuole applicare più della sua tecnologia alle applicazioni del mondo reale e scienza.

READ  Dr Disrespect fa una previsione audace per il futuro di Halo Infinite dopo aver lanciato l'incredibile campagna

Sebbene Google abbia trovato usi per l’IA di DeepMind, la sua tecnologia non è stata ampiamente applicata altrove.

Demis Hassabis, CEO di DeepMind, ha dichiarato in una dichiarazione che l’azienda ha dimostrato la capacità dell’IA di accelerare il progresso scientifico e aprire nuove aree di ricerca in biologia, chimica, matematica e ora fisica.

DeepMind impiega circa 1.000 persone in tutto il mondo, inclusi alcuni dei principali ricercatori di intelligenza artificiale del mondo, che possono ottenere stipendi annuali superiori a $ 1 milione. Queste persone di alto profilo, che spesso hanno dottorati di ricerca come Oxford, Cambridge, Stanford e MIT, possono ottenere quel tipo di denaro perché sono ricercate anche da grandi aziende tecnologiche come Facebook, Apple, Amazon e Microsoft.