Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli scienziati affermano che il mese scorso è stato il peggior mese di luglio per gli incendi

Il mese scorso è stato il peggior luglio al mondo per gli incendi boschivi almeno dal 2003, quando sono iniziate le registrazioni satellitari, hanno detto gli scienziati, con parti del Nord America, della Siberia, dell’Africa e dell’Europa meridionale ancora in fiamme.

A causa del caldo estremo e della siccità prolungata, l’esplosione di foreste e praterie ha rilasciato 343 megatonnellate di carbonio, circa un quinto in più rispetto al precedente picco globale di luglio, fissato nel 2014.

“Questo si distingue con un chiaro margine”, ha affermato Mark Barrington, uno scienziato senior del Copernicus Atmosphere Monitoring Service dell’Unione europea, che stima le emissioni di carbonio. “Il totale globale per luglio di quest’anno è il più alto da quando i nostri record sono iniziati nel 2003”.

L’incendio di mezza estate senza precedenti è l’ultimo di una serie di recenti sgraditi record che confermano gli effetti devastanti del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Più della metà del carbonio proveniva da due regioni – Nord America e Siberia – che hanno sperimentato un clima insolitamente caldo e secco. in un Canada occidentale e Stati UnitiSono seguiti incendi boschivi Ondate di calore lunghe e intense. In Siberia, gran parte della taiga della Repubblica di Sakha ha preso fuoco Nuvole di fumo tossico che andava alla deriva fino al Polo Nord.

La conflagrazione globale si sta espandendo nel Mediterraneo orientale e centrale, dove molti paesi si trovano ad affrontare Un inizio insolitamente feroce della stagione degli incendi.

La scorsa settimana, l’intensità del calore degli incendi in Turchia quattro volte superiore Dal precedente record quotidiano nazionale. Finora quest’anno sono stati bruciati 128.000 ettari (316.000 acri), otto volte più della media, per me Sistema informativo europeo sugli incendi boschivi.

Lo stesso set di dati mostra che le aree carbonizzate in Italia sono aumentate da quasi zero a metà giugno a quasi 80.000 ettari, quattro volte in più rispetto alla media 2008-20. L’aumento a Cipro è otto volte. In Grecia, doppio. Spagna, Francia, Albania e Macedonia hanno ottenuto punteggi più alti del normale.

In tutta la regione sono morte almeno otto persone, centinaia sono state ricoverate in ospedale e migliaia di residenti devono essere evacuati, anche da famose località di villeggiatura e riserve naturali. un Mappa fuoco attivo Mostra molta area luminosa. Tra i paesi più colpiti c’è l’Italia, che ha subito la seconda peggiore stagione di incendi di sempre, in particolare al sud. Il servizio nazionale dei vigili del fuoco ha dichiarato di aver effettuato più di 800 operazioni, di cui 250 in Sicilia e più di 100 in Puglia e Calabria. Il governo centrale ha chiesto il sostegno di altri paesi attraverso il meccanismo di protezione civile dell’UE.

In Puglia, la foresta Difesa Grande a Gravina ha bruciato per più di quattro giorni, carbonizzando 200 ettari. Nella zona balneare di Pescara, turisti, I residenti e le suore hanno dovuto essere evacuati Mentre le fiamme si avvicinavano alla Riserva Naturale della Pineta Dannunziana dagli hotel sul mare, dalle case e dal monastero.

Sull’isola greca di Rodi, gli incendi hanno minacciato la Valle delle Farfalle di Psynthos e costretto tre campeggi nelle vicinanze. Le autorità hanno mobilitato tre Beriev-200, sei elicotteri e più di 100 vigili del fuoco per riprendere il controllo, per me media locale.

Man mano che il caldo continua, i pericoli aumentano. Quasi tutta l’Europa meridionale è coperta da avvisi di rischio di incendio “estremamente grave” o “estremo”. Gran parte della zona è anche minacciato dalla siccità.

Il numero dei grandi incendi in Europa continua ad aumentare e l’area a rischio si allarga, Secondo l’unità di gestione del rischio di catastrofi dell’UE. “L’area colpita dagli incendi si sta espandendo in Europa, non più limitata ai paesi del Mediterraneo”, ha affermato Jesus San Miguel Ayans, uno scienziato dell’unità. A conferma di questa tendenza, anche la Finlandia ha visto un forte aumento degli incendi quest’estate.

In molte parti del mondo, la stagione degli incendi non ha ancora raggiunto il suo apice. Ciò è particolarmente vero in Sud America e in Africa, che contribuiscono con una quota molto maggiore di emissioni di carbonio associate rispetto all’Europa.

READ  Come aiutiamo le persone in Afghanistan mentre i talebani proteggono Kabul