Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli scarsi investimenti, innovazione e gestione ostacolano la produttività del Regno Unito

Londra The Independent: — I bassi investimenti delle imprese, la cattiva gestione e la mancanza di brevetti commerciali sono tra i principali fattori alla base del massiccio deficit di produttività della Gran Bretagna, secondo una nuova ricerca pubblicata lunedì.

Risolvere i cosiddetti enigmi della produttività della Gran Bretagna è stata per anni una sfida irrisolta per economisti e responsabili politici.

Il livello di produttività della Gran Bretagna, misurato in termini di produzione per ora lavorata, è di circa il 15% inferiore a quello di Stati Uniti, Germania e Francia – sebbene più elevato in Giappone, Italia e Canada – ed è appena cresciuto dalla crisi finanziaria.

Il mese scorso, il primo ministro Boris Johnson ha evidenziato il problema – come hanno fatto i suoi predecessori – anche se pochi economisti hanno concordato con la sua diagnosi secondo cui la precedente immigrazione di lavoratori a basso salario dall’Unione europea aveva gran parte della colpa.

Lo studio, condotto dai ricercatori della London School of Economics and Resolutions Research, ha affermato lunedì che il basso investimento delle imprese è stata la differenza più evidente tra la Gran Bretagna e i paesi ad alta produttività.

Gli investimenti di capitale delle imprese in Gran Bretagna hanno raggiunto il 10% del PIL nel 2019, rispetto a una media del 13% negli Stati Uniti, in Germania e in Francia.

Gli investimenti commerciali britannici in ricerca e sviluppo sono stati dell’1,2% di prodotto interno lordo, rispetto a una media del 2% altrove, e il tasso di deposito di brevetti era la metà di quello di altri paesi, nonostante una forte ricerca scientifica.

Un’indagine globale sulle pratiche di gestione ha anche indicato che la gestione di alta qualità era più comune negli Stati Uniti e in Germania, anche se non in Francia.

READ  10 aziende importanti che hanno chiuso a Toronto il mese scorso

Tuttavia, altri fattori comunemente citati – come il settore manifatturiero più piccolo della Gran Bretagna, i grandi divari tra le aziende più e meno produttive, o i lavoratori bloccati in aziende “zombie” – non hanno spiegato le scarse prestazioni della Gran Bretagna.

“Il Regno Unito è entrato negli anni 2000 con uno scarso record di produttività e una diagnosi errata del motivo per cui ciò sta accadendo. Piuttosto che concentrarci sulla lunga coda delle aziende non britanniche, dobbiamo vedere miglioramenti nella nostra attività”, ha affermato Greg Thwaites, Direttore di Ricerca presso la Resolution Foundation Il livello economico di come le aziende investono e innovano, nonché il modo in cui i dipendenti vengono gestiti e formati.

Quasi tutti gli economisti vedono una crescita più rapida della produttività come la chiave per miglioramenti a lungo termine degli standard di vita.

Ma a breve termine, l’aumento degli investimenti delle imprese britanniche ai livelli degli Stati Uniti, della Germania o della Francia farebbe pressione sui consumi delle famiglie o richiederebbe alla Gran Bretagna di aumentare il suo già elevato indebitamento esterno, hanno affermato i ricercatori.

Un tale aumento degli investimenti commerciali finanziati dalle sole risorse interne genererebbe ulteriori 8 punti percentuali in prodotto interno lordo oltre 20 anni, ma potrebbero volerci fino a 15 anni prima che i consumi delle famiglie si riprendano dal declino iniziale.

“L’equilibrio tra investimenti, consumo e importazioni nette, il cui consumo subisce un duro colpo, sono due difficili compromessi che la politica dovrà affrontare”, afferma la ricerca.