Settembre 17, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli orfani di Covid in Messico affrontano il scoraggiante ritorno a scuola

Giorni prima della riapertura delle aule messicane, Andrea Monteiro ha preso una decisione: è passato troppo tempo dalla morte improvvisa di suo padre a causa del Covid-19 perché i suoi tre figli possano tornare.

Monteiro, il cui marito, Cesar Fernandez, lavoratore petrolifero, è morto nel giugno 2020 all’età di 38 anni.

Questo è il maggior numero dei 21 paesi intervistati che copre il periodo da marzo 2020 ad aprile 2021.

Tra i paesi coperti dallo studio, ci sono più orfani pandemici che solo le dimensioni della popolazione del Perù e del Sudafrica.

Il dolore e l’ansia rendono il ritorno a scuola una sfida per le famiglie in lutto, nonostante la chiamata del presidente Andres Manuel Lopez Obrador a tornare in classe il 30 agosto a causa di “pioggia, sole o fulmini”.

Secondo le statistiche del governo, la possibilità che qualcuno di età inferiore ai 18 anni si ammali gravemente di Covid-19 è dello 0,004%.

Due mesi prima della morte del padre, la figlia dodicenne di Montero, Paola, ha ricevuto in dono un violino, che ha imparato a suonare prima attraverso le lezioni di YouTube e poi alla scuola di musica.

La 33enne originaria dello stato orientale di Veracruz divide il suo tempo tra il lavoro e la cura di Paula e degli altri suoi figli, Cesar, cinque, e Cedric, due.

I tre figli di Raul – Cynthia, 12, Uriel, 14 e Julio, 20 – non sapevano che il padre aveva il diabete, il che lo mette a maggior rischio di Covid-19, perché non lo ha detto alla sua famiglia.

“L’epidemia lo ha ucciso perché era già malato”, ha detto la sua vedova, Maria Elena Jimenez.

READ  Il primo ministro Boris Johnson "preoccupato" per l'aumento dei casi COVID-19; Probabilmente è la variante indiana

Milioni di bambini messicani hanno seguito l’apprendimento a distanza da casa durante l’anno scolastico precedente.

“Come chiedi a una ragazza di dirti com’è stata l’epidemia per lei quando ha saputo che suo padre era morto?” Lei disse.

Secondo le loro famiglie, “Alcuni non volevano nemmeno guardare la TV e passavano l’intera giornata in pigiama”, ha detto.

“Ci sono bambini che hanno vissuto una perdita, ma anche quelli che hanno trascorso un anno straordinario in reclusione… con ansia, paura e ansia”, ha affermato Astrid Hollander, responsabile del programma educativo dell’UNICEF in Messico.

“Mia figlia dice che è nervosa ora che suo padre se n’è andato, ma io le dico che dobbiamo andare avanti”, ha detto.