Novembre 28, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli operatori sanitari non vaccinati nella Columbia Britannica potranno ricevere un vaccino a dose singola

Il ministro della Salute della Columbia Britannica, Adrian Dix, ha dichiarato martedì che un ulteriore personale 1.548 è stato vaccinato dall’ultimo aggiornamento di una settimana fa.

Pertanto, su 126.000 lavoratori della rete sanitaria pubblica, il 98% ha ricevuto almeno una dose del vaccino contro il COVID-19, secondo Dix.

Dal 26 ottobre è stata resa obbligatoria la vaccinazione contro il COVID-19 per gli operatori sanitari. Finora, 3.071 lavoratori non vaccinati sono stati sospesi senza ricevere lo stipendio.

Secondo il ministero della Salute ci sono 1.032 lavoratori occasionali, 989 a tempo pieno, 819 a tempo parziale e 16 non identificati.

Il signor Dix ha anche affermato che non ci sarebbe stata alcuna eccezione per ragioni non mediche, dopo che più di 3.800 persone hanno firmato una petizione a Port Alberni chiedendo a un pediatra non vaccinato di continuare a praticare nell’ospedale locale.

La legge vale per tutti e continueremo a seguire questa politica nell’interesse dei lavoratori e di chi ha bisogno di cure., ha detto.

L’ufficiale medico capo della sanità della contea, la dottoressa Bonnie Henry, ha confermato che la consegna di una singola dose del vaccino di Johnson & Johnson sarà disponibile per gli operatori sanitari su base prioritaria già dalla prossima settimana.

Il vaccino Johnson & Johnson è un vaccino vettore virale monodose, della stessa classe del vaccino AstraZeneca. Il capo medico della sanità della contea afferma che è stato ampiamente utilizzato negli Stati Uniti.

Secondo il dottor Henry, alcuni operatori sanitari affermano che questa è l’unica opzione che stanno prendendo in considerazione in questo momento perché a loro piace il fatto che si tratti di una singola dose.

READ  Fantascienza, torna a scuola il grande trend dei fumetti

Separatamente, il ministro della salute ha affermato che 288 interventi chirurgici elettivi sono stati rinviati la scorsa settimana poiché gli ospedali hanno affrontato la quarta ondata della pandemia.

Per le persone che sono state rimandate e che sono in attesa di un intervento chirurgico, questo è un momento particolarmente difficile, ma avremo un intervento chirurgico.

Citazione da:Adrian Dix, ministro della Salute della Columbia Britannica

Attualmente, 9.247 persone sono ricoverate in British Columbia con COVID-19 o altre malattie. La terapia intensiva sta operando a più del 100% della sua capacità di combattere una pandemia.

La terza dose e il vaccino antinfluenzale

Martedì, la contea ha riportato 500 nuove infezioni con il virus che ha causato COVID-19 e altri cinque decessi.

A partire da martedì 2 novembre, il 90% dei colombiani idonei aveva ricevuto la prima dose del vaccino COVID-19 e l’85,4% aveva ricevuto la seconda dose.

Inoltre, sono state somministrate 181.975 dosi di richiamo, o terze dosi, e ogni centro di assistenza a lungo termine ha ora una clinica per le dosi di richiamo per i suoi residenti, secondo Adrian Dix.

Nei prossimi mesi tutti nella British Columbia potranno ricevere una terza dose del vaccino, secondo un annuncio del governo provinciale a fine ottobre.

Si prevede che entro la fine dell’anno saranno raggiunte le persone immunocompromesse e che risiedono in strutture di assistenza a lungo termine, nonché le persone che vivono in alloggi sovvenzionati e nelle comunità indigene rurali e remote.

READ  Essere padre non porta più soddisfazione nella vita!

Anche le persone di età superiore ai 70 anni, nonché tutti gli indigeni di età superiore ai 12 anni, i clienti di assistenza domiciliare a lungo termine e gli anziani indipendenti, nonché gli operatori sanitari con un breve intervallo tra la prima e la seconda dose, saranno avere la possibilità di ricevere una terza dose prima di gennaio.

La disponibilità della terza dose sarà quindi estesa alle persone clinicamente a rischio, a tutti gli operatori sanitari e, infine, alla popolazione generale.

Il dottor Henry ha anche notato che la stagione influenzale è iniziata con quattro casi confermati finora. Ha esortato tutti ad approfittare del programma di vaccinazione antinfluenzale gratuito della British Columbia.