Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli oneri finanziari a lungo termine italiani si sono avvicinati ai massimi degli ultimi otto anni

Gli oneri finanziari a lungo termine dell’Italia sono rimasti bloccati al livello più alto dal 2014 all’asta di giovedì.

Il Paese ha emesso 2 miliardi di euro di debito a 10 anni con un rendimento del 3,46 per cento, in calo di 0,01 punti percentuali rispetto alla precedente asta del 30 giugno, secondo l’ufficio del debito pubblico italiano. Ha venduto 2,75 miliardi di euro di debito a cinque anni con un rendimento del 2,82%, il più alto costo del debito dalla crisi del debito della zona euro nel 2013.

Le cifre contrastano con la Germania, il principale mutuatario della regione, che nelle ultime settimane ha visto diminuire gli oneri finanziari sulla vendita di nuovo debito. Berlino ha venduto i bund a 10 anni con un rendimento dello 0,94% mercoledì, rispetto all’1,22% di un’asta all’inizio di luglio.

L’allargamento del divario mostra come gli investitori richiedano un maggiore compenso per il rischio di detenere obbligazioni italiane dopo che il Primo Ministro Mario Draghi si è dimesso all’inizio di questo mese. Implica anche un aumento dei rendimenti sui mercati secondari dove il commercio di obbligazioni filtra nelle finanze pubbliche di Roma.

Anche prima delle dimissioni di Draghi, l’Italia stava lottando con l’aumento dei prezzi di cibo e carburante alimentato dalla guerra russa in Ucraina e da un decennio di politica monetaria estremamente espansiva e acquisti di obbligazioni da parte della Banca centrale europea. La scorsa settimana la BCE ha fatto un altro passo indietro rispetto alla politica accomodante quando ha alzato i tassi di interesse per la prima volta in più di un decennio.

READ  Come fare il ragù di cinghiale con "Bobby e Kiata in Italia"

Gli analisti temono che dopo le elezioni del 25 settembre in Italia, un governo meno impegnato nell’agenda di riforme economiche di Draghi possa salire al potere. Potrebbe incappare in una minore disciplina fiscale e in un’agenda ambiziosa volta a rafforzare la competitività del paese e le prospettive di crescita a lungo termine. Dicono 200 miliardi di euro di finanziamenti dell’UE dal piano di ripresa del covid del blocco.

“Stiamo vedendo molti venti contrari [Italian government bonds]ha affermato Simon Freisenet, analista di Goldman Sachs.

Goldman ha dichiarato questa settimana: “A causa dell’effetto combinato dell’incertezza politica e della potenziale perdita di continuità politica, lo spread tra i rendimenti decennali italiani e tedeschi dovrebbe aumentare da 2,3 a 2,5 punti percentuali entro la fine dell’anno. Un momento critico”. La banca di Wall Street aveva precedentemente previsto uno spread di 2 punti percentuali entro fine anno.

La scorsa settimana la BCE ha presentato uno strumento di acquisto di obbligazioni per “contrastare dinamiche di mercato ingiustificate” che minacciano la stabilità nell’eurozona. I responsabili politici temono che l’allentamento dei suoi programmi di stimolo possa avere un effetto importante sugli oneri finanziari in paesi come Italia, Spagna e Portogallo.

Ma gli analisti hanno affermato che è improbabile che la BCE utilizzi le sue nuove misure per affrontare i problemi causati dall’instabilità politica. “Per cominciare, non vogliono davvero usare lo strumento. Una crisi politica è l’esatto opposto delle circostanze in cui vogliono usarlo”, ha affermato Antoine Bouvet, senior rate strategist di ING.

Peter Schafrick, global macro strategist di RBC Capital Markets, ha affermato che è più probabile che la BCE utilizzi il suo nuovo strumento se il nervosismo del debito italiano si diffondesse alle obbligazioni di altri paesi indebitati della zona euro.

READ  L'Italia non consentirà l'apertura delle piste da sci dopo che la variante del virus corona sarà stata rilevata nel paese

“Se è così [Italian-German] Gli spread superano i 2,5 punti percentuali, altri sono solidissimi, e la Bce dice che è un problema italiano”, ha detto. “Se inizia a colpire tutti… diranno che abbiamo un problema di frammentazione.