Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli italiani “corrono in Ucraina” perché la legge fissa i condizionatori a 27 gradi

Con Mosca che questa settimana ha tagliato le forniture di gas a due membri dell’UE, Polonia e Bulgaria, sono state nuovamente sollevate preoccupazioni sul futuro delle forniture energetiche dell’UE.

Le sospensioni sono state le prime da quando il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato il mese scorso che gli acquirenti stranieri “ostili” avrebbero dovuto pagare in rubli anziché in altre valute. Le richieste hanno armato le forniture di gas e sfidano la capacità dell’UE di mantenere un fronte unito contro Mosca.

Un uomo cerca di rinfrescarsi a una fontana ad Aci Trezza, in Sicilia, mentre le temperature raggiungono un nuovo record europeo.credito:AP

L’Italia importa il 95 per cento del gas che utilizza e il 40 per cento proviene dalla Russia. Draghi, economista e presidente della Banca centrale europea negli ultimi dieci anni, ha fatto della transizione energetica una delle sue massime priorità da quando è diventato primo ministro nel febbraio dello scorso anno.

Il suo governo ha cercato alternative dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, compresi nuovi accordi per importare gas dall’Angola, dall’Algeria e dalla Repubblica del Congo.

Draghi ora crede che l’Italia possa terminare il suo accreditamento entro 18 mesi dopo aver detto in precedenza che potrebbero volerci fino a due anni. È anche fiducioso che il fabbisogno di gas del Paese sarà coperto fino a ottobre, anche se Mosca chiuderà il rubinetto.

“La diversificazione è possibile e può essere fatta in un periodo di tempo relativamente breve, più velocemente di quanto avremmo potuto immaginare solo un mese fa”, ha affermato in una recente intervista.

Il governo sta valutando anche l’inserimento di una norma per limitare il numero di lampioni accesi e le ore di illuminazione.

READ  Il Regno Unito è ora una "piastra Petri del mondo" con delta e vaccinazioni in aumento

Mentre l’Europa, come altri paesi occidentali, ha passato gli ultimi mesi a imporre sanzioni alla Russia, dai divieti di viaggio al blocco dei beni, non ha affrontato il problema del gas.

La Russia è il più grande fornitore europeo di gas naturale, soddisfacendo il 33% della domanda della regione nel 2021, rispetto al 25% nel 2009. Inoltre, fa molto affidamento sui ricavi di petrolio e gas naturale, che nel 2021 hanno rappresentato il 45% dell’applicazione federale della Russia. reddito. Ma l’Unione Europea ha ora annunciato che prevede di ridurre di due terzi le importazioni di gas entro il 2023 in risposta alla guerra.

Ma l’approccio italiano ha i suoi critici. A riprenderli questa settimana il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunata in un’intervista al quotidiano milanese Corriere della Seradicendo che si trattava anche di un’importante procedura educativa.

“Resta inteso che qualsiasi società, di fronte a una sequenza simile, ha deviazioni egoistiche e che alcuni dicono ‘Basta, non ce la facciamo più'”, ha detto.[But] Mi ricorda mia madre che mi diceva “Quando esci dalla stanza, spegni la luce”.

“Ho intenzione di fare di più posizionando pannelli solari sui tetti di un milione di edifici pubblici, con particolare riferimento alle scuole. Non risolverà la dipendenza dal gas russo, ma avrà un enorme valore educativo”.

L’Agenzia internazionale per l’energia afferma che l’uso crescente di condizionatori d’aria nelle case e negli uffici sarà uno dei principali motori della domanda globale di elettricità nei prossimi tre decenni.

L’uso di condizionatori d’aria e ventilatori elettrici per mantenersi freschi rappresenta già circa un quinto di tutta l’elettricità utilizzata negli edifici di tutto il mondo, ovvero il 10% del consumo globale di elettricità.

READ  Trovata una coppia morta a letto di sospetta avvelenamento da monossido di carbonio

Scarica

La domanda di condizionatori d’aria dovrebbe triplicare entro il 2050, richiedendo una nuova capacità elettrica equivalente alla capacità elettrica combinata di Stati Uniti, Unione Europea e Giappone.

Meno di un terzo delle famiglie nel mondo possiede un condizionatore d’aria, ma in paesi come Australia, Stati Uniti e Giappone, oltre il 75% delle famiglie possiede un condizionatore d’aria, rispetto a solo l’8% dei 2,8 miliardi di persone che vivono negli Stati Uniti. Le parti più calde del mondo.

La questione è particolarmente delicata nei paesi in via di sviluppo più rapido, con gli aumenti maggiori in paesi caldi come l’India, dove la quota di corrente alternata nel carico di picco di elettricità potrebbe raggiungere il 45% nel 2050, rispetto al 13% di oggi.

Il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, Fatih Birol, ha affermato questa settimana che di fronte alle scene “terribili” di sofferenza umana in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, le persone in Europa “vogliono agire”.

“Usare meno energia è un modo tangibile per aiutare il popolo ucraino e noi stessi”, ha affermato.

“Con poco o nessun disagio da parte nostra [we] Può ridurre il flusso di denaro verso l’esercito russo e aiutarci a percorrere la strada di un pianeta più pulito e sostenibile”.

Ha stimato che abbassare il termostato di un solo grado farebbe risparmiare circa il 7% dell’energia utilizzata per il riscaldamento, mentre inserire un condizionatore d’aria caldo di un grado potrebbe ridurre la quantità di elettricità utilizzata fino al 10%.

L’azione contro la Russia potrebbe accelerare gli obiettivi dei leader europei di abbandonare i combustibili fossili nei prossimi anni, come parte degli obiettivi internazionali sul clima volti a limitare il riscaldamento globale a meno di 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali. I critici delle politiche dello zero netto ne hanno chiesto una revisione dopo la guerra in Ucraina e l’aumento dei prezzi, ma questa settimana 100 città dell’UE – tra cui Barcellona, ​​Monaco, Stoccolma, Lisbona, Budapest e Roma – si sono impegnate a raggiungere tale obiettivo dal fine del decennio. .

READ  Un pensionamento potrebbe mettere fine a sei mesi di inferno per Joe Biden

A partire dal 1 aprile, è ora illegale per i caffè, i bar, i ristoranti e altri stabilimenti francesi gestire stand riscaldati. Il ministero dell’ambiente francese ha stimato che il riscaldamento esterno del paese produce 500.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno, l’equivalente delle emissioni medie annue di 300.000 automobili.

Scarica

Anche Bruxelles, Edimburgo e Milano hanno utilizzato le domeniche senza auto per promuovere la salute pubblica, gli spazi comunitari e gli eventi culturali, dicendo agli automobilisti che lasciare l’auto a casa ogni domenica può far risparmiare alle famiglie in media 100 euro all’anno.

Birol afferma che l’invasione russa dell’Ucraina ha alimentato una crisi di costi della vita inutili che coloro che non possono permetterselo provano il minimo dolore, specialmente nelle economie in via di sviluppo.

“Allo stesso tempo, non possiamo perdere di vista la crisi climatica che, se lasciata incontrollata, porterà a ulteriori disordini e sofferenze”, ha affermato.