Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli italiani brillano nel Giro Tone

Con Elisa Balsamo che ha vinto due tappe e indossato la maglia rosa per due giorni, la prestazione rivoluzionaria di Elisa Longo Borghini su Marta Cavalli e la vittoria dell’ultima tappa di Chiara Canzoni, le italiane hanno messo in scena una prestazione davvero impressionante al Giro Donne.

Non sorprende che gli olandesi siano stati l’unica nazione a ottenere risultati così impressionanti, con Marianne Vos che ha preso due tappe e Annemieke van Vluden che ha vinto entrambe le tappe complessive.

Alla fine della gara, Van Vluden ha conquistato facilmente la classifica generale, ma alle sue spalle Marta Cavalli ha messo a segno una delle prestazioni più impressionanti della sua carriera finendo seconda assoluta. Il giovane italiano ha scalato la classifica del World Tour nelle ultime due stagioni e finalmente si è fatto un nome questa primavera quando ha vinto l’Amstel Gold Race e La Fleche Valonne. È riuscita a prendere le distanze dalla maglia rosa nella nona tappa, una giornata particolarmente difficile in montagna.

Longo Borghini, che ha perso quasi cinque minuti contro gli altri aspiranti GC oltre a Cavalli e Mavi Garcia nella tappa 4, è riuscito a perdere quasi quattro minuti indietro nelle fasi 8 e 9 per prendere il quarto posto nella classifica generale finale.

Alla fine, l’ex campione nazionale italiano ha mancato di 49 secondi il podio della classifica generale. Senza dubbio Longo Borghini avrebbe voluto salire su quel palco, ma si è allontanato dal Giro Donne contento della sua prestazione.

“Sono soddisfatto”, ha detto Longo Borghini in vista della fase finale. “Sono personalmente soddisfatto. Sono venuto qui per vincere il podio e sono quasi arrivato terzo in classifica generale, quindi sono felice.

READ  La leggenda italiana Buffon ha smentito le voci su una Coppa del Mondo 2022 e ha insistito sul fatto di non aver fissato una data di ritiro.

Oltre a Cavalli, il duo di Longo Borghini e Balsamo ha lasciato il segno nella tournée casalinga. Silvia Persico è arrivata terza dietro a Voss e Lotte Kopecky nella sesta tappa. Kia Realini ha guidato incredibilmente bene sulle colline nella nona tappa per finire quinta. Erica McNulty è salita all’ottavo posto assoluto mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno sostenuto il suo leader in ADQ Garcia. Quattro italiani hanno concluso il Giro d’Oro tra i primi dieci della classifica generale.

L’ultima volta che un italiano ha vinto il Giro è stata Fabiana Luperini nel 2008. Dal 2010 la competizione è andata a donne olandesi e americane. Longo Borghini è salito due volte sul podio della classifica generale. Nel 2017 è stata seconda dietro ad Anna van der Breggen davanti a van Vleuten, e nel 2020 è arrivata terza dietro a van der Breggen e Kasia Niviatoma.

Guardando al futuro del ciclismo femminile, è chiaro che le italiane stanno arrivando per le olandesi, da tempo la nazione più dominante in questo sport. La loro esibizione ai Mondiali del 2021 sarebbe stata un punto di svolta. Si surriscalderà alla fine del 2023 quando van Vluden si ritirerà dai “Grand Tour”.

Quali sono le possibilità che un italiano vinca finalmente il Giro d’Oro nel 2023 o nel 2024? Sono superiori. Tra una manciata di giovani talenti emergenti, Cavali, che sta appena iniziando la sua ascesa, e l’esperto professionista Longo Borghini, il successo casalingo sembra essere all’orizzonte.