Settembre 27, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Gli dei dell’Olimpo si aprono alla fede

Molto prima che Gesù camminasse su questa terra e morisse per i nostri peccati, gli antichi greci correvano, lanciavano e lottavano per la gloria nelle prime iterazioni dei Giochi Olimpici.

Sebbene queste competizioni atletiche fossero originariamente dedicate al mitico dio greco Zeus, le moderne Olimpiadi estive e invernali presentano atleti di ogni diversa estrazione religiosa, tra cui cristianesimo, buddismo, induismo e islam.

Quasi 3000 anni dopo i primi Giochi Olimpici nel 776 aC, gli atleti dedicano ancora le loro vittorie alle potenze celesti.

Il famoso velocista canadese Andre de Grasse, che sta gareggiando alla sua seconda Olimpiade a Tokyo dopo aver vinto medaglie d’argento e di bronzo ai Giochi del 2016, ha il cuore sulla manica.

Nel video della CBC del 2016 intitolato bei corpiHa spiegato i numerosi tatuaggi che coprono la sua figura sinuosa. “Ho iniziato a pensare che Dio mi avesse dato un dono per correre”, ha detto il 26enne. “Così ho finito per mettere il ‘dono di Dio’ proprio qui sulla parte superiore del mio braccio.”

Nella stessa intervista, de Grasse, che ha studiato nelle scuole cattoliche di Markham, in Ontario, ha offerto una breve preghiera incisa con l’inchiostro lungo uno dei suoi avambracci, dicendo che la ripete ogni sera.

Quelli tra i suoi 257.000 follower su Instagram si imbatteranno spesso in didascalie che si concentrano sulla religione. Scatto veloce del corridore in Qatar sopra l’affermazione: “Quando Dio dice che è il tuo momento, nessuno può fermarlo”.

Un altro olimpionico che gareggia a Tokyo è la stella del calcio femminile canadese Dean Rose, che è cresciuta ad Allston, in Ontario, e ha frequentato la St. Thomas Aquinas Catholic High School a Tottenham. Avendo già gareggiato con il Team Canada ai Giochi del 2016 a Rio de Janeiro, in Brasile, la 22enne è stata la decima scelta finale nel draft della National Women’s Soccer League (NWSL) di quest’anno.

READ  Queens: Cameron Norrie perde la finale contro Matteo Berrettini

Come De Grasse, non ha paura di condividere la sua fede sui social media. Un recente post su Twitter che promuoveva la sua imminente apparizione olimpica si è concluso con una dichiarazione enfatica: “Per prima cosa, GLORIA A DIO!!”

Mentre questi atleti predicano l’importanza della fede nello sport, la Chiesa cattolica sottolinea anche l’importanza dello sport nella fede.

In un documento del 2018 intitolato Giving Your Best, Papa Francesco ha descritto lo sport come “una fonte ricchissima di valori e virtù che ci aiutano a diventare persone migliori”.

Oltre alla disciplina individuale, gli sport di squadra possono offrire l’opportunità di collaborare con i nostri fratelli e sorelle.

“Appartenere a una squadra sportiva significa rifiutare ogni forma di egoismo e isolamento”, ha detto il papa in un raduno del 2014 in piazza San Pietro per celebrare i 70 anni del centro sportivo italiano.

Il peso schiacciante dell’isolamento è certamente qualcosa che molti atleti stanno cercando di scrollarsi di dosso alle Olimpiadi di quest’anno. Il COVID-19 ha rinviato la competizione di oltre un anno, il che non può che servire a stuzzicare l’appetito degli atleti per la competizione e il cameratismo dell’Athletes Village.

Questa sfida è certamente esterna, ma ulteriori commenti fatti da papa Francesco all’evento sportivo rafforzano l’idea che il nostro più grande nemico è se stessi.

“Sfida te stesso nel gioco della vita come se fossi nel gioco dello sport”, dice. “Non accontentarti di una cravatta normale, dai il meglio di te e dedica la tua vita a ciò che conta davvero e che dura per sempre.”

(Stocking, 18 anni, inizierà la sua laurea in giornalismo alla Carleton University di Ottawa a settembre.)